Cronaca slide — 02 giugno 2013

tourlaghiLa manifestazione che per la nona stagione ha animato i suggestivi percorsi della Valle dei Laghi con sede di arrivo l’abitato di Fraveggio, in Trentino. Un nome nuovo dunque e una conferma nell’albo d’oro della competizione, visto che in campo maschile per la prima volta si è imposto il vicentino di Schio Diego Gaspari, mentre nella graduatoria femminile la migliore prestazione l’ha fatta registrare, come dodici mesi fa, la modenese di Sassuolo Laura Ricci. Anche nell’ultima delle tre tappe di 11,3 km da Santa Massenza a Fraveggio con un dislivello di 200 metri, i due protagonisti hanno imposto un ritmo irresistibile per gli avversari, anche se il trevigiano Adriano Pagotto ha cercato subito di forzare le cadenze rimanendo assieme a Gaspari per più di metà gara, ma poi il vicentino ha nuovamente allungato tagliando il traguardo a braccia alzate con il tempo di 43’04”. I motivi di interesse nell’ultima frazione della Tourlaghi erano tutti incentrati sulla lotta per il podio maschile con tre concorrenti racchiusi in pochi secondi. Nella terza tappa il noneso di Tuenno Adriano Pinamonti ha tentato di recuperare su Andrea Debiasi di Vigolo Vattaro, chiudendo al secondo posto la frazione ma a soli due secondi dal rivale, non riuscendo così a scavalcarlo nella classifica finale. Graduatoria dove ha primeggiato Gaspari con due minuti e mezzo su Debiasi. Terzo gradino del podio poi per Pinamonti, che ha chiuso con un ritardo di 12 secondi dal rivale dell’Atletica Trento, precedendo invece di 33 secondi Enrico Cozzini dell’Atletica Clarina. La prova tutta all’attacco di Pagotto, alla fine quarto di giornata, gli ha consentito di recuperare secondi sugli avversari, ma non posizioni, visto che ha concluso in sesta piazza a più di cinque minuti dal vincitore e subito dietro Norbert Corradi del Gs Valsugana.

Senza storia la gara femminile con le prime tre posizioni già praticamente consolidate nella seconda tappa. Vittoria di frazione e della Tourlaghi dunque per la modenese Laura Ricci, davanti ad Ana Nanu che nella classifica generale ha accusato un ritardo di 6 minuti dalla trionfatrice e terza piazza per Joanna Drelicharz, a dieci minuti dalla portacolori della Corradini Rubiera.

Sempre particolarmente combattuta poi la sfida di categoria. Nella graduatoria finale affermazioni per Laura Ricci fra le senior, per Anna Zambanini nella AF23, Erica Grotto nella MF35, Silvia Lucchi nella MF40, Simonetta Menestrina nella MF45, Romana Verones nella MF50, Milena Oss Cazzador nella MF55, Maria Grazia Conzatti nella MF60, Francesca Metlicovic nella MF70. In campo maschile successo per Emanuele Franceschini fra gli junior, Diego Gaspari fra i senior, Mirko Scottini nella AM23, Norbert Corradi nella MM35, Michele Bedin nella MM40, Adriano Pinamonti nella MM45, Luca Franceschini nella MM50, Diego Foradori nella MM55, Raffaello Valente nella MM60, Marco Ganassi nella MM65, Ivone Giantin nella MM70.

Infine l’ottavo Memorial Giuseppe Ravidà, assegnato alla società con i migliori 5 tempi ha visto primeggiare la Gabbi Bologna.

 

LE INTERVISTE

Diego Gaspari: “E’ la prima volta che partecipo ad una gara a tappe, faticosissima del punto di vista muscolare e del recupero, ma bellissima per il contesto paesaggistico. Nella prima tappa ho cercato all’inizio di non forzare troppo, allungando nel finale e nelle altre tappe ho amministrato la gara”.

Andrea Debiasi: “Non avevo mai preso parte a questa competizione e neppure ad altre gare a tappe. Impegnativa ma piacevole. E’ stata grande battaglia con Pinamonti fino all’ultimo metro”.

Adriano Pinamonti: “Sul podio in tutte nove le edizioni della Tourlaghi. Fantastico. Ogni anno è sempre più difficile perché ci sono avversari di livello, ma sono davvero soddisfatto di questo terzo posto finale”.

Laura Ricci: “Si tratta della mia quarta presenza a questa competizione, che è bellissima dal punto di vista paesaggistico. Ci vengo sempre molto volentieri. Per quanto riguarda le tre tappe io ho sempre cercato di fare il mio ritmo, arrivando sempre prima”.

Mauro Bressan (presidente Gs Fraveggio): “La maggiore gratificazione è la partecipazione. Anche quest’anno abbiamo superato i 280 partecipanti con atleti provenienti da ben 35 provincie italiane. Un ringraziamento particolare va agli oltre 100 volontari che ci hanno aiutato in questi tre giorni. Ora guardiamo alla decima edizione del prossimo giugno con la volontà di creare un evento ancora migliore, magari con qualche novità”.

 

 

 

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>