Cronaca HOME PAGE — 22 aprile 2012

Un’edizione di Tutta Dritta da ricordare quella di quest’anno che ha fatto registrare il record di partecipazione con oltre 7300 podisti al via. Una folla di atleti e appassionati hanno invaso nella prima mattinata il centro di Torino regalando ancora una volta forti emozioni al pubblico presente. Dopo lo sparo, l’entusiasmante partenza da piazza San Carlo e poi la corsa lungo un percorso di diecimila metri in rettilineo fino a Stupinigi.

 

LA GARA 

In campo maschile il più veloce di tuffi è stato il ruandese Jean Baptiste Simukeka, specialista delle corse in montagna, che ha condotto la gara in testa fin dai primi chilometri. Il portacolori dell’Orecchiella Garfagnana ha vinto con il tempo di 30’21”, davanti a Giovanni Gualdi, favorito della vigilia; il campione italiano in carica di maratona si è dovuto accontentare del secondo posto con 30’40”. Terza posizione per il marocchino dell’Atletica Susa Abdelhadi Laaouina (30’49”) che ha avuto la meglio su Mikhail Kulkov e Kaddour Slimani, che si sono dati battaglia per gran parte della corsa.
Fra le donne si è trattato di una gara a senso unico. Fatna Maraoui, è stata autrice di un’ottima prestazione che l’ha vista trionfare e salire sul gradino più alto podio con il tempo di 33’41”. Dietro di lei Monica Cibin che ha fermato il cronometro in 37’17’, davanti a Laura Biagetti (37’29”).
Ma Tutta Dritta è soprattutto festa, divertimento e l’occasione per stare insieme; il successo di quest’anno conferma sempre più il grande valore sociale, aggregativo ed educativo dello sport e il lavoro che Turin Marathon sta facendo per la diffusione di tali principi.
La musica dei Liga Revolution, tribute band del grande rocker di Correggio, ha accolto tutti i finisher al traguardo. Tutta Dritta si è conclusa con le premiazioni e il pranzo nei magnifici spazi della Palazzina di Stupinigi.
Per il sesto anno consecutivo Tutta Dritta è stata il Campionato Italiano delle Palestre
A margine della gara dei “grandi”, il divertente appuntamento Junior Day, la giornata di sport dedicata ai più piccoli che si è rivelata una grande e innovativa festa. Piazza San Carlo si è trasformata in una bellissima palestra a cielo aperto dove l’agonismo ha lasciato il posto al divertimento, al gioco e allo spirito di condivisione e di allegria.
In piazza anche tanti bambini disabili che hanno trascorso un pomeriggio diverso che li ha resi protagonisti.
Archiviata quest’edizione di Tutta Dritta torinese si pensa già al 9 giugno, data in cui si replicherà l’esperienza di una 10 chilometri in rettilineo ma con un percorso tutto ligure, con partenza da Riva Ligure e arrivo a Sanremo.
Una sintesi di Tutta Dritta sarà trasmessa nei prossimi giorni su Rai Sport Uno.

 

CLASSIFICA MASCHILE

1              Jean Baptiste Simukeka     Orecchiella Garfagna     30’21”
2              Giovanni Gualdi                  G.S. Fiamme Gialle         30’40”
3              Abdelhadi Laaouina           Atletica Susa                  30’49”

CLASSIFICA FEMMINILE

1              Fatna Maraoui                        C.S. Esercito           33’41”  
2              Monica Cibin                          Atletica Saluzzo   37’17”
3            Laura Biagetti                           Cus Pro Patria Milano   37’29”

Turin Marathon – Ufficio stampa 

Share

About Author

Peluso

  • maurizio

    Molto bella la gara, ma vorrei sapere se veramente erano 7.300 concorrenti al via ?
    Per correttezza di informazione è bene collaborare nella verifica dei numeri.
    Chiedo ufficialmente di dire i numeri esatti dei partecipanti.

  • Andrea

    Bella gara, grande il divertimento e tanta l’emozione di correre insieme a così tanta gente anche se l’organizzazione è stata davvero carente e approssimativa.
    Col caldo di ieri un ristoro al quinto chilometro non sarebbe stato male, almeno uno spugnaggio ci voleva.
    L’idea di far partire tutti insieme, competitivi e non, ha creato un po’ di disordini (e cadute) dopo lo sparo.
    La coda impossibile dopo il traguardo per raggiungere il ristoro non è stata affatto piacevole.
    Ciliegina sulla torta è stato il recupero delle borse a fine gara. C’era chi saliva sui camion per prendere il proprio zaino o chi (come me) lo ha dovuto raccogliere da terra perchè evidentemente gli addetti non riuscivano a distribuirli.
    Di sicuro è una gran bella manifestazione, ma se non si hanno i mezzi per gestire tutti questi partecipanti, è meglio mettere un limite e sbarrare le iscrizioni.

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>