Anteprima — 04 novembre 2012

I segnali incoraggianti che giungevano dalla Grande Mela, purtroppo, si sono rivelati più frutto di buona volontà che di una reale valutazione delle difficoltà  che l’enorme metropoli affacciata sul mare deve ora affrontare.

Ciò che molti amici che abitano lì raccontavano sull’ effettiva drammaticità della situazione si è purtroppo rivelato in tutta la sua preoccupante realtà.
Ne siamo addolorati: per l’amore che portiamo per quella città e per la sua maratona. La Maratona di NY, evento guida per tutte le maratone del mondo, quest’anno non si corre.
L’affetto per gli organizzatori, di cui siamo fratelli, ci lega al dolore per loro e per i danni che sono stati causati dall’uragano e per il grave dolore che tutta la città sta vivendo ancora una volta. Una maratona che non era stata fermata neanche dal terrorismo è stata invece fermata da uno sconvolgente evento naturale.

Non è il tempo di parlare di natura e ambiente ma di certo rimanere supini osservatori questo sconvolgimento sarebbe colpevole.
Dunque cosa possiamo fare noi oggi, oltre a manifestare affetto e solidarietà?

Per tutti coloro, in particolare europei e italiani, che si sono tanto allenati per correre la maratona della Grande Mela, il prezzo d’iscrizione alla Turin Marathon rimarrà invariato fino a sabato 10 novembre.

Il nostro abbraccio a tutta la città di New York, ai suoi abitanti e alla sua maratona.

Luigi Chiabrera

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>