slide TuttoCampania — 30 maggio 2016

caivano 2016 mondial service pertileTutti possono farsi promotori di un evento sportivo come una gara podistica, ma non tutti possono riuscirvi alla grande fin dal debutto. Ed è proprio il caso di dirlo: il team Caivano Runners, sotto la guida del suo presidente, Luigi Celiento, ha dimostrato di avere le capacità ed i mezzi per affermarsi a pieni voti con il suo “Trofeo Mondial Service”.

Ampiamente operativi già a partire dalle ore 17, ad aprire le danze ci ha pensato il futuro dell’atletica, piccoli esordienti capaci però di grandi prestazioni, ma soprattutto capaci di lanciare un essenziale messaggio che spesso sfugge a chi guarda a questi eventi come un passatempo qualunque: l’importanza dello sport, del movimento,  del vivere e condividere, della socialità, del crescere con i giusti valori, della passione che inevitabilmente si trasmette negli aspetti della vita quotidiana. E qui, un riconoscimento lo farei soprattutto a quei genitori che spronano, invogliano e seguono assiduamente i loro piccoli-grandi campioni: presenti ma non invasivi, primi tifosi ma con la giusta discrezione. E mentre il talento giovanile ha saputo intrattenere i già tanti presenti, le strade di Caivano sono state letteralmente invase dai podisti che di li a poco avrebbero disputato la 10km prevista per le ore 19. Oltre alla folla di atleti che, in pieno riscaldamento, hanno accerchiato la zona partenza, a rendere ancora meno respirabile l’aria ci ha pensato un clima afoso, sintomo di un’estate che è finalmente pronta ad accoglierci, e a farlo anche in maniera piuttosto violenta. In tutto 630 atleti al via, un numero considerevole se si pensa ad una prima edizione, ma soprattutto un numero che acquista ancora più valore se si guarda alla presenza di nomi che di per se sono già in grado di garantire il successo che questo evento ha poi a tutti gli effetti ottenuto. A confermarlo sono state le prestazioni, capaci di lasciare a bocca aperta anche chi di atletica se ne intende; ma, da atleta che ha vissuto personalmente la gara e che pratica questo sport a partire dalla passione che merita, ciò che fa grande un evento è la gente che ne parla, e Sabato a Caivano di gente pronta a farsi sentire e sostenere gli sforzi del team che li rappresenta ce n’era ad ogni chilometro, ad ogni angolo del percorso, per ogni singolo passo in cui il pensiero di fermarsi è stato completamente soffocato dalla voce del Paese. Tutta Caivano ha corso con noi, tutta Caivano ha raggiunto la soglia del traguardo. Ed ancora, tutta Caivano si è conservata per l’ultimo atto, quello più bello, più intimo in assoluto, in cui da “rivali di gara” si torna a diventare “amici” a cui stringere la mano: la premiazione, sotto la guida del nostro speaker di fiducia (Marco Cascone), ha contribuito a rendere il clima ancora più familiare, con il giusto riconoscimento ai primi sei assoluti tra maschi e femmine, alle società, alle categorie tutte, ed ai vari sponsor che hanno appoggiato e sostenuto l’evento.

E come in ogni famiglia che si rispetti, c’è anche chi giustamente ha ben pensato di accompagnare il tutto con un buon panino fatto al volo. Infondo si sa: quando lo spettacolo è gradito stimola l’appetito…E sebbene la vera perla della serata fosse prevista nel post gara, con una piacevole esibizione dei “Ditelo Voi” (Made in Sud), penso che siamo tutti d’accordo se affermo, con una certa convinzione, che il team Caivano Runners gli ha ampiamente spianato la strada.

Martina AmodioMartina Amodio

Share

About Author

Cascone

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>