Cronaca slide — 17 giugno 2014

telese 2014Quando il gioco si fa duro…solo le grandi organizzazioni (quelle che sono davvero tali) reggono all’impatto. E a Telese Terme, domenica sera, il gioco è stato durissimo: pioggia, diluvio pre gara, durante la gara, post gara (solo breve pausa per una veloce premiazione). I ragazzi e le ragazze del Running Telese Terme, le tante forze in campo del “Trofeo Città di Telesia”, hanno sostenuto l’impatto, hanno offerto un’immagine vincente, e vincente nei fatti. Così come vincenti sono stati gli oltre 1400 atleti che non hanno esitato un attimo e, sferzati da una pioggia che solo l’estate riesce a rendere così anomala e corposa, sono comunque regolarmente e gioiosamente partiti, hanno vissuto la gara da protagonisti, fino in fondo, nonostante tutto.

In più, mentre qualche maschietto “top” pensava di tirare i remi in barca (e il caso di dirlo) dopo solo pochissimi km di gara , le ragazze della nazionale femminile l’hanno invece onorata alla grande, hanno tenuto testa a tutto e fatto vivere una bagnatissima, ma splendida competizione in rosa.

Anna Incerti è stata tale solo nel cognome: parte decisa, mette spazio tra le lei e le forti avversarie e vince con un gran tempo finale: 33’06”. Un tempo che, viste le condizioni atmosferiche, è paragonabile al record del tracciato (appartiene a Valeria Straneo, 32’24”). Brava, bravissima Layla Soufiane. La forte atleta del Team Esercito ha gestito alla grande la sua gara, arrivando 2^ in un 33’29” che dice tutto del suo ottimo stato di forma. Terzo gradino del podio per Emma Quaglia. Mi è stata subito simpatica Emma: un talento della nostra atletica (6 ai mondiali di Maratona a Mosca). Disponibile, sorridente: cosa che fa la differenza, ancor prima del time finale (comunque di grande spessore, 33’54”). Ai piedi del podio (tutte sotto i 3’30” a km): Rosalba Console, Fatna Maraoui, Deborah Toniolo e Soumiya Laabani.

Gara maschile vissuta sul monologo in testa di Kibet Moses. Passaggio a metà gara, nell’ottica quasi da record del percorso (che poi però resterà di 28’30” di Chirchir). Visto il valore del vincitore, con molta probabilità sarebbe sceso sotto il record, ma pioggia e vento l’hanno portato al traguardo non prima dei 28’55” dal via. Resta comunque una prestazione di spessore. Mai in gara Daniele Meucci, ecco che i colori italiani sono stati onorati da un ragazzo di origine Marocchina, ma nostro connazionale da anni: Ahmed El Mazoury. Bravissimo Ahmed, capace di un gran 29’07” al traguardo. Terzo gradino del podio per Silas Nghetich. Ottima prova per Ivan di Mario. Dopo la gran prestazione di 7 giorni prima a Venafro, eccolo fermare il crono sui 30’20”, sesto posto assoluto per lui. Ad Angelo Iannelli e Gilio Iannone il compito di tenere alto il vessillo Campano. Ci riescono, con due belle prove: rispettivamente 30’49” e 31’05” all’arco finale.

A Telese Terme grande lavoro organizzativo: impeccabile, da vera gara internazionale, quale Il Trofeo Città di Telesia è.

Ed è proprio perché questa gara è un riferimento per tutti, e noi tutti ci teniamo gelosamente, qualche piccola precisazione necessita. Gli atleti Top (nella loro “gestione”) devono essere considerati tali soprattutto in ragione della post gara e non solo del pre, non solo per curriculum. Meritocrazia cronometrica, per ottenere il meglio, adeguandosi al tipo di organizzazione ((le condizioni ci sono, non sono necessarie “ascendenze” particolari, Il Trofeo è forte di suo…Tiziano, Mario e Diego devono averne la giusta, meritata consapevolezza). Questo per entrare nel novero delle più veloci gare al mondo, in ragione del ranking iaaf, frutto delle prestazioni cronometriche finali, e solo di quelle. In più, da tanto che lo consiglio in privato e stavolta lo faccio pubblicamente, vista la “grande bellezza” del Trofeo Città di Telesia, frutto anche della presenza dei tanti appassionati in gara e degli atleti accreditati al via, un giro iniziale di 2/3 km sarebbe opportuno: per fare ancor più spettacolo e permettere così al gran pubblico presente di vedere lo sviluppo della gara a circa 1/5 della stessa, e offrire anche l’opportunità di vedere passare e poter tifare per il familiare in competizione, e non solo ritrovarli direttamente al 10° km.

In conclusione: complimenti a tutti i temerari che hanno affrontato la gara senza esitare un attimo. E complimenti all’organizzazione tutta del Trofeo Città di Telesia, impeccabili!

Marco CasconeMarco Cascone

Share

About Author

Cascone

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>