Cronaca — 06 giugno 2010

Trofeo Città di Telese Terme, io ho visto tutt’altra gara, rispetto a chi solo critica, trascurando tutto il bello che c’è stato. Sì della gara sono lo speaker, sin dalla seconda edizione. Sono uno di quelli che ha votato la gara di Telese quale gara dell’anno 2009 per Podistidoc.it. E sono anche chi ha visto una gara molto diversa da quanto descritta in giro da qualcuno. Migliaia di persone a godersi l’evento, tantissimi atleti al via, tanti sorrisi al traguardo (tranne di chi guarda il crono ogni 500 metri e pensa di essere alla gara della vita: o dentro o fuori). Ricordate Paestum, anch’esso allora campionato Italiano 10 km.? I ragazzi di Cava misero su una partenza coordinata, con raggruppamenti a categorie e poi, nel dopo gara: giù polemiche su polemiche (ingiuste). Arzilli 70enni che si intrufolarono nel box dei ventenni e valli a togliere da lì!


Volevate partire in base ai tempi di accredito? Siete convinti che avrebbero rispettato la segnalazione al momento dell’iscrizione? Io no! E sarebbero arrivate le critiche per pretese di controlli. Ne volete sapere una? Molti atleti (convinti che la classifica sarebbe stata stilata in ragione del real time, tempo effettivo al passaggio sotto l’arco di partenza) sono transitati volutamente con 2′ di ritardo: volevano trovare il tracciato completamente sgombro, per fare il miglior tempo possibile, correndo fianco a fianco in serenità


Si voleva partire in due o tre momenti diversi? Ma il concetto di gara, di festa, di aggregazione dove lo mettete? Io la vedo diversamente da chi critica, solo perché magari ha perso qualche posizione. Un Campionato Italiano è prima di tutto uno stupendo momento dedicato ai master, al ritrovarsi e godere di quanto di bello la vita ci dona: il piacere di fare Sport. Chi ha approfondito al classifica ha notato che i veri valori sono venuti fuori comunque, per gli individuali e per le società. E non dite che non è così. E allora dov’è il problema? Io sono fatto così: dico ciò che penso, anche se questo a volte mi costa non poco. Chi vuole apprezzare apprezzi, chi vuole contrariarsi lo faccia pure.


Terme allestite alla grande, per accogliere migliaia di atleti. Anfiteatro per la premiazione gremito come mai. La Marconi che commenta la gara dicendo: Sembra di essere alle olimpiadi, per l’organizzazione, il tanto calore ed il pubblico presente. 4 postazioni microfoniche, con service audio eccellenti. Viale di arrivo gremitissimo, con un colpo d’occhio favoloso: 450 metri di rettilineo multicolore, con gioia sul volto di tutti. Migliaia di transenne lungo il percorso (sigillato), centinaia di volontari: schirts color arancio ovunque. Tantissimi atleti al traguardo, felici e sorridenti. Qualche errore sarà stato pur commesso, ma non si può solo rilevare l’errore, quando ci si trova innanzi ad un evento Superiore. Gli atleti assoluti in gara? Vogliamo un razzismo al contrario? Ricordatevi che c’è sempre un vincitore, top o non top che sia ( il concetto di Top è molto relativo…Top si diventa in ragione degli avversari presenti). Quando correvo mi si accapponava la pelle per il solo sapere di partire con un grande nome dell’atletica. Purtroppo per non tutti è così. Mi spiace. Si perde il senso della realtà e delle cose. Io resto dell’avviso che lo spettacolo lo fanno tutti: assoluti, master e, ancor di più di chi solo critica, chi è più master degli altri e arriva in 1h15′ dal via. Chi impiega 1h15′ ha tutto il diritto di considerare Top chi magari impiega 40′ e anche 50′, per fare la 10 km. Vi piacerebbe se chiedessero quindi di non farvi gareggiare, solo perchè per la legge della comparazione vi trovate ad essere considerati dei Top, in quanto capaci di un 40′ finale (o anche più)? Siete proprio convinti che con 6 euro o 10 euro ad iscrizioni a Telese si è messo su la gara? Vi siete guardati in giro? Non scherziamo!!


Che emozione farmi la foto con Luigi nel dopo gara. Ha chiesto di abbassarmi per portarmi alla sua altezza mentre ci immortalavano. Luigi era in carrozzina, purtroppo non per scelta


Luigi era felice più del vincitore


Che bella la gara di Telese!


 


 


 

Autore: Marco Cascone

Share

About Author

Peluso

  • DIANA LUIGI – ARCA ATLETICA AGRO AVERSANO AVERSA

    Caro Marco, è con vero piacere che faccio i complimenti agli organizzatori della gara del “4° Trofeo Città di Telese Terme”. Scenario suggestivo, accoglienza eccezionale e numero elevatissimo di partecipanti. Purtroppo, a me ed altri amici podisti è capitato di essere arrivato alle ore 18.00 (un’ora prima della gara) a Telese e di essere stato costretto (dico costretto) a parcheggiare la proprio auto a circa 2 Km dalla partenza perchè vi era un servizio d’ordine talmente efficiente che per ritirare il pettorale ed il pacco gara ho dovuto farmi prima della gara tra andata, ritorno e di nuovo andata circa 6(sei) Km. Considerato che ero uno dei partecipanti alla manifestazione avrebbero dovuto permettermi di parcheggiare in un luogo vicino alla partenza e di non sfiancarmi ancora prima della partenza ufficiale e questo ripeto è capitato a tanti altri atleti. Comunque, l’accoglienza avuta dagli abitanti di Telese e soprattutto quelli di San Salvatore Telesino mi ha riempito di gioia e fatto superare l’incazzatura prima della gara. Spero che per il futuro si tenga in considerazione di questo inconveniente. Comunque complimenti a tutti gli organizzatori. Ciao, Gigi DIANA. 6 Jun 2010 In

  • FALCE ANTONIO

    sull’organizzazione della gara non mi esprimo non ho competenze io organizzo miscele di lavori per i miei atleti (assoluti) e per mia moglie (lidia guglietti),unica master che alleno,seconda di categoria in in quel di telese. il mio appunto e per lo speaker che peraltro conosco e saluto troppa enfasi nelle premiazioni per gli assoluti e troppa fretta poca partecipazione emotiva per premiare il podio dei master (mondo che in fondo amo molto poco) un saluto e un invito a investire su e per i giovani.

  • Massimo Ragusa Libertas Atletica Lamezia

    Marco ti stimo perchè sei un acceso appassionato, nonchè valevole speaker … ma permettimi di dissentire sulla zona partenza. ricorod paestum e fu vera gioia perchè li si riusci ad esprimere il valore delle persone.. chi criticò allora vuol dire che è abituato a fare gare “di paese” non gare internazionali.. qui a telese tutto ok, anzi meglio direi.. qui c’era anche la gente che ti spingeva con tutto il suo calore, vero valore aggiunto anche rispetto a paestum.. ma dimmi la verità.. che partenza hai visto? io ho impiegato 4’25” a fare il primo km e 4’05” il secondo quando avrei dovuto correre al massimo a 3’35″… chiaro il concetto??? a presto e sempre in gamba..

  • Francesco D’ANDREA A.S.D. Atletica S. Nicola

    Marco, condivido con te tutto ciò che hai espresso.Considerato l’elevato numero di atleti partecipanti, non c’è che da fare solo i complimenti agli organizzatori, e tanto di cappello….Poi come hai sottolineato tu, chilometri e chilometri di transenne in uno scenario fantastico e per finire quelli che muovono le critiche…..bastava che guardassero LUIGI…..ed essere felici…

  • gennaro pepe napoli nordmarathon

    caro marco,sei bravissimo nel tuo lavoro e speciale nei tuoi articoli,ma ritengo che oggi, purtroppo,il tuo articolo andava commentato in senso opposto a come tu lo hai descritto. e’ fin troppo palese la delusione di centinaia e centinaia di atleti. capisco pero’ che la differenza tra te e noi podisti sta nel fatto che ieri sera tu presentavi mentre noi cercavamo di correre e forse non potevamo capirci. un saluto a te e a tutti i miei amici.

  • agg hinna

    forse lei nn sa che e prp questo che fa graande una manifestazione … il rispetto delle regole …. se il ritorvo e alle 17 30 l organizzazione deve chiudere le strade in quell orario e poi si trattava di un campionato italiano e a maggior ragione nn si potevano permette di far brutte figure con macchine sul percorso a meno di un ora dalla gara

  • silvio scotto pagliara

    Carissimo Luigino , una curiosità, non pensi , trovarsi su una gara , un’ora prima e sapere che le strade venivano chiuso molto prima per garantire una sicurezza suk percorso e , scusami ,ma non ti sembra , che potevi anticipare la tua presenza alla gara ? in un’ora , trovare posto auto , ritirare pettorale e poi riscandarsi ,non è poco il tempo a disposizione ?
    E per l’elevato numero di partecipanti , non era prevedibile una affluenza anche di macchine, traffico ?
    Penso che , con una oretta ancora e con molta calma , potevi sistemare l’auto , ritirare i, pettorale , riposarti e fare due salti per rimuovere i muscoli dalla trensione della guida….piede sul …pedale e altre cose , non era meglio ?
    Cmq , vedo che tis ei divertito e questi è quello che conta alla fine .
    Alla prossima , un po’ sulla gara , fa bene alla ……incazzatura !!!!!!!!!!!!!!!!!
    con affetto ciao luigi
    da silvio
    .

  • Fiorentino la Greca

    Caro Marco sono perfettamente d’accordo con te, io vorrei aggiungere che gli atleti top sono esclusivamente gli atleti che nel pieno della loro gioventù agonostica danno vita a tempi e risultati da Top. Poi vi sono i master una volta chiamati amatori, che dopo i 40 anni o che non si sono o non hanno voglia di cimentarsi con campionati assoluti, si vogliono godere la corsa in modo diverso, io non sono contrario a premiare 40, 50 e oltre, non mi piace per queste categorie la competizione cronometrica, perchè come dici te finire un 10.000, in 35′, 40′ o oltre non ti cambia la vita. Ma la vita ti cambia nel correre con serenità, per il piacere di farlo per divertirsi con amici che condividono la tua stessa passione e potrei continuare all’infinito. Ma invece voglio concludere nel fare un plauso a Telese ai suoi organizzatori, a tutti coloro che ci consentono do poter svolgere la domenica umo sport nobile e di alti principi sportivi, ai critici dico state a casa, a tutti una buona corsa

  • francesco panucci a.s.d. podistica caserta

    Diario della giornata: h 16,45 Arrivo a Telese Terme; parcheggio auto in 5 minuti a 100 mt dalleTerme; pochi minuti e avevo il mio pettorale, passeggiata e acquisti vari agli stand sportivi; bar, caffè, ritorno all’auto, leggero riscaldamento, strecthing e alle h 18,30 ero dietro la transenne pronto per la partenza, in prima fila; gara completata nei miei tempi soliti, da brividi lo scenario. Ognuno è ovviamente libero di dire la sua, ma a me l’organizzazione è sembrata perfetta, piuttosto diversi atleti sono arrivati alla partenza all’ultimo minuto e si sono piazzati davanti a tutti senza alcun rispetto per nessuno e malgrado l’intervento dei giudici di gara. Per il resto pienamente d’accordo con l’articolo di Marco, saluti sportivi a tutti, francesco

  • pasquale della torca – amatori podismo benevento

    sono arrivato a telese alle 17.30: ho parcheggiato l’auto in 1 minuto a 200 mt dall’arrivo. Ho dato 42 pettorali a tutti gli atleti della mia squadra (sono il loro segretario). Alle 18.15 avevo finito, mi sono scaldato e non ho avuto alcun problema. Prima di criticare gli organizzatori, ingiustamente a mio parere, bisogna dire che ho visto a pochi minuti dalla partenza tanti runner che, poco sportivamente, hanno forzato transenne e blocchi per mettersi in una migliore posizione. A questi dico :VERGOGNA! Alcuni di questi li ho sentiti criticare la partenza…ma con quale faccia se poi sono loro che hanno creato gli unici problemi. Io dico grazie e complimenti agli organizzatori ed alla maggioranza dei runner che inevece si sono comportati da veri sportivi. Ragazzi, isoliamo da noi coloro che ci fanno vergonare di avere uno sport in comune. W Telese, W i runner!

  • Alessandro Di Maio Napoli Nord Marathon

    Il trofeo città di Telese Terme sarà stato pure stata una gara bellissima, ma il campionato italiano Master che secondo alcuni si è corso ieri, come è stato?

  • Maraia Pericotti

    Onestamente parlando sono molto delusa per la gara di Telese ma soprattutto amareggiata per come sono stata trattata.Sono un’atleta campana,che ha partecipato a questa gara sin dalla prima edizione,sono assoluta e ho 33 anni,quindi io non rientro nella categoria master,di conseguenza non capisco perchè mi è stato assegnato un pettorale con un numero altissimo 2290!!!Dal momento dello sparo a quando sono transitata sotto l’arco della partenza sono passati circa 60 secondi,per non parlare dell0 sforzo impiegato per recuperare:al quinto km,praticamente,avevo speso tutto!!!Mi sono fermata!!!
    Marco,non sono affatto d’accordo su quanto dici!!!
    Se un’organizzazione prende un impegno così importante deve anche essere in grado di saperlo curare nei minimi particolari,quindi quanto di bello tu sottolinei era un loro dovere!!!
    E’ inutile parlare di socializzazione,di strade transennate,di moltitudine di pubblico,di servizi d’ordine efficienti,lungo rettilneo finale con addobbi stile festa piedigrotta!!!
    E’ venuta a mancare la base dell’atletica:il rispetto per gli atleti,in particolare per i master!!!

  • iasparro camaldolese

    ciao marco io la gara me la sono guardata secondo me’ non si puo effetuare una partenza in 3 metri di strada per 500 metri con oltre 2000 atleti e chiaro che chi doveva fare 38 a fatto 41 e ne conosco parecchi…mi rifersco agli orgaizzatori si puo migliorare.’

  • tina franzese maraton club frattese

    è la prima volta ke partecipo a qsta gara,e sono un amatore……..ci sn state tante critike,e su una cosa mi trovo d accordo,cioe sul disastro della partenza….ma è anke normale tutto cio,se andiamo a riflettere cn tantissimi atleti,tra cui assoluti,amatori,master,era inevitabile…….nn giustifico affatto qsta mancanza di rispetto verso noi podisti,ma è anke vero ke noi nn siamo abituati ad un numero cosi elevato di partecipazione……in tutto qsto vorrei solo ricordare a ki si lamenta della partenza troppo indietro,se uno è campione lo dimostra soprattutto in qste situazioni…….le parole ormai vanno al vento,siamo stati un po tutti penalizzati,ma nn bisogna sempre stare a puntare il dito……si spera in una migliore organizzazione x il prossimo anno….magari un numero inferiore di atleti……..a parte tutto una bella nota positiva è stata la gente ke ci ha applaudito lungo tutto il percorso e qsto è la giusta considerazione di qsto magnifico sport……..certo c è tanto di negativo,ma ogni tanto cerkiamo di trovare anke quello ke c è di piu bello in qste manifestazioni……….

  • Gerardo Rinaldi Podisti Alto Sannio (BN)

    Io corro per divertirmi e a Telese, anche correndo in condizioni fisiche precarie mi sono divertito provando forti ed autentiche emozioni ! Il lavoro per la realizzazione di questo evento è stato grandioso … un pubblico eccezionale sia a Telese che a San Salvatore Telesino, ottimo il percorso, impeccabili i ristori ! Invito i signori podisti e mi rivolgo soltanto a coloro che si addormentano con il libro della critica ed il cronometro sotto il cuscino, di rilassarsi e piuttosto ringraziare tutti coloro che hanno partecipato alla realizzazione di questa gara Nazionale che ha visto coinvolto circa 2.500 atleti (cosa non facile da gestire !). Da parte mia un grandisimo grazie a Mario Del Vecchio , Antonio Grimaldi ,Diego Viscusi ,Tiziano D’Onofrio e tutti gli altri che mi hanno dato la possibilità di vivere e condividere questo giorno di grandi emozioni . Continuate sempre così !!!

  • Massimo Ragusa, Libertas Atletica Lamezia Terme

    Mi scuso se ritorno sull’ argomento… ma mi sembra doveroso far presente a MARCO CASCONE, agli organizzatori, agli scriventi tutti e lettori vari… credo che il concetto espresso da molti sia:”gara bellissima, pubblico da Cima Coppi, organizzazione ottima”… ci siamo su questo? ma la partenza con le griglie, mica l’abbiamochiesta e pubbicizzata noi!! ma l’organizzazione!
    Quest’anno ho fatto la Roma-Ostia, con le griglie e li si che si rispettavano e sai perchè? semplicemente perchè le entrate delle griglie erano presidiate, mentre qui no! qui l’entrata era libera ovunque, e soptrattutto sul pettorale mancava il riferimento alla griglia.. quindi hai voglia a dare giu di brutto caro Pagliara, contro i podisti da 6′ a km.. l’organizzazione ha permesso a loro di posizionarsi avanti, mica io! Sinceramente mi sono scaldato e mi sono avvicinato alla partenza alle 18.40 e ho avuto solo allora l’amara sorpresa… ci sono i furbi e sempre ci saranno.. ma se nel tuo “biglietto da visita” scrivi che ci sono le griglie.. devi prevederle come Cristo comanda, altrimenti fai come le gare da paese tutti insieme.. mettici pure i TopRunner però la prossima volta, così avranno un motivo valido per non presentarsi in tempo alle premiazioni… semplicemente perchè un tapascione come me da 3’35” gli ha fatto perdere oltre 1′ nei primi 2 km.. poi forse noi migliaia master (mica una ventina di “assoldati”) che SBORSIAMO I SOLDINI per far grandi le manifestazioni, leggeremo e commenteremo i loro commenti negativi!

  • raffaele colantuono

    forse la gara vista da spettatore puo essere stata bella,ma da attleta e dirigente,non ègiusto farci partire in quelle condizioni,inoltre non è serio aspettare fino amezzanotte per non essere premiati ,dopotutto scoprire che igiudici non hanno aplicato il regolamento dei camp di societa ………..

  • dino – vis nova

    per me è stato un sabato stupendo – ore 10.00 partenza – ore 11.30 arrivo al parco del grassano – partita a pallone con i bambini – pranzo in riva al fiume – riposino – un’altra bella partita – alle 16.30 ci siamo avviati a telese – parcheggiato con tutta calma – al parco termale una bella granita a limone con la famiglia – ritiro pettorale – i bambini si son divertiti al parco giochi e alla fine mi aspettavano all’arrivo – adesso mi sto sforzando x trovare qualcosa che non è andato bene. appena mi viene in mente qualcosa riscrivo – grazie a tutti e all’anno prossimo.

  • SALVATORE ALBRIZIO NAPOLI NORD MARATHON

    caro marco lo sai ti’ stimo e ti’ voglio un mondo di’ bene,non c’e’ niente da’ eccepire per quando concerne l’organizzazione della gara,pargheggi,percorso blindato,rifornimento e calore delle persone,ma’ un campionato italiano master,bisogna che tutte le categorie se la’ giochino alla pari,(non partire chi’ avanti senza fare un ombra di’ riscaldamento,chi’ invece lo’ ha’ fatto ed e partito molto indietro.)finisco con complimentarmi con i team vincenti,come per tutti i vincitori di’ categoria.

  • LUCA M. ANTROPOLI – ATLETICA CAPUA

    E’ VERO, E’ STATA UNA GARA SPECIALE! UN PERCORSO AFFASCINANTE, TANTISSIMO PUBBLICO, CORDIALITA’ E PROFESSIONALITA’ DA PARTE DI TUTTA L’ORGANIZZAZIONE. PECCATO PERO’ PER LA PARTENZA, E’ STATA VERAMENTE SNERVANTE, H0 IMPIEGATO 10′ PER FARE I PRIMI 2 KM, DOPO AVER IMPIEGATO CIRCA 1′ PER OLTREPASSARE LA LINEA DI PARTENZA! PER NON PARLARE DELLA PERICOLOSITA’ DELLA SITUAZIONE INIZIALE. PECCATO DAVVERO! MA LA COLPA NON E’ STATA TANTO DELL’ORGANIZZAZIONE MA DI TANTI ATLETI CHE SONO PARTITI DAVANTI NONOSTANTE ERANO CONSAPEVOLI DI ESSERE UN TANTINO LENTI. MI DISPIACE MARCO, MA NON SONO MOLTO D’ACCORDO SU QUANTO AFFERMI. CREDO CHE CHI ABBIA PROGRAMMATO TELESE COME ” OBIETTIVO” DELLA STAGIONE , CON TUTTI I SACRIFICI AFFRONTATI, E TU LI CONOSCI BENISSIMO, E VEDERSELI VANIFICATI PERCHE’ C’ERA TANTA GENTE, BE’ CREDO ABBIA ANCHE IL DIRITTO DI PROTESTARE, SENZA RISULTARE PERALTRO DISCRIMINANTE NEI CONFRONTI DELLA “TANTA GENTE” CHE HA CONFUSO UN 10.000 m CON LA MARATONA!

  • x massimo ragusa

    Guarda che io non ero in gara !
    e poi , era una solo uno scambio tra l’amico alessandro e il sottoscritto (riferimento al 6 a km )
    era come esempio .ovvero che colpa ha quella persona se corre a quella andatura e ha 62 anni !
    ecc.,ecc.
    chiuso tra buoni amici , il discorso .
    silvio scotto pagliara
    terme stufe di nerone

  • era per massimo ragusa -lamezia terme

    il riferimento ai 6 k +master 62
    ciao e buona estate
    silvio

  • angelo manna

    l’ho specificato nell’altro articolo che a pompei nonostante le gabbie i furbi passavano avanti soprattutto chi capitava dietro, non c’e’ rispetto questo bisogna dire…a riccione 2 anni ai mondiali fa tra categorie c’erano 20 metri di distanza e ognuno rispettava l’altro, io sono contento che l’ho fatta anche se mi sono infortunato,(lieve contrattura, passera’)
    ma due anni fa avevo la febbre e feci da spettatore, l’hanno scorso di nuovo la febbre, corsi ma poi mi accorsi che avevo la polmonite, ecco perke’ sono contento. Per me il bello e’ correre, essere felice di aver ripreso l’attivita’ e incontrare i cari amici sulle gare. Un abbraccio a tutti……

  • gaetano di vaio silma cv

    bravo marco hai colto nel segno a noi meridionali manca la cultura xlo sport

  • SALVATORE ALBRIZIO NAPOLI NORD MARATHON

    ciao angelo manna un abbraccio dal tuo amico salvatore albrizio.alla prossima.

  • Antonio Del Gatto A.s.d. Il Parco

    Ho fatto passare qualche giorno prima di scrivere un personale commento alla gara di Telese, nella speranza che ha mente più fredda lontano dalle emozioni del dopo gara potessi trovare le parole più adatte.
    Sabato siamo stati partecipi di una grande manifestazione, se questa viene vista nell’ottica delle tante gare che noi podisti affrontiamo tutte le domeniche, forse da quel punto di vista un evento veramente ben organizzato non c’è che dire.
    Ma il campionato Italiano Master chi l’ha Visto??!!
    Cosa significa gareggiare ad un campionato Master, significa che ogni atleta abbia al suo fianco il suo avversario di categoria e che tutti siano messi nelle stesse condizioni almeno sulla linea di partenza.
    I regolamenti organizzativi per i Campionati Master la Fidal li ha, perchè non è stato ritenuto opportuno applicarli a Telese, se gli organizzatori non avevano esperienza in tal senso potrebbe anche essere ammissibile ma la Fidal no, la federazione ha l’obbligo sopratutto in questo tipo di manifestazione di far rispettare le propie leggi ed i propi regolamenti.
    Sabato a Telese non c’è stato il Campionato Italiano Master!!

  • angelo manna

    scusate volevo precisare che i campionati italiani erano a paestum, e i mondiali a riccione erano di maratona

  • MICHELLE DE VAIO – VALTELLI

    FINALMENTE , QUALCUNO HA CENTRATO IL VERO SBAGLIO DELLA MANIFESTAZIONE !
    LA FIDAL NON HA APPLICATO IL REGOLAMENTO E LE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CAMPIONATI MASTER ITALIANI !
    GLI ORGANIZZATORI DOVEVAVO ESSERE AIUTATI E DARE A LORO LE GIUSTE DIRETTIVE IN MATERIA DI CAMPIONATI ITALIANI .PARTENZE PER CATEGORIE E CONTROLLO DOPING.
    GIUDIZIO FINALE :
    UN BRAVO PER GLI ORGANIZZATORI
    UN RICHIAMO ALLA FIDAL PER LA SUA INCAPACITA’ NEL FAR APPLICARE LE REGOLE E ROVINARE I VOLENTEROSI ORGANIZZATORI CHE HANNO PAGATO PER UNA COLPA NON LORO .

  • Massimo Ragusa x Scotto Pagliara

    premetto che la stima è immensa per lei sig, Scotto Pagliara e che più volte ho avuto il piacere di incontrarla in gare a cui ho partecipato. Forse il senso del mio disc. non era chiaro e quindi preciso che: mica mi sento usain bolt che devo trovare la corsia liscia.. ma anche a riccione 2007, in maratona ci hanno fatto partire davanti a una serie di curve a gomito (mica fori imperiali) ma tutto si è svolto correttamente ed è filato liscio ,non solo perchè il ritmo è più lento di un 10000, ma perchè ci siamo raggruppati correttamente e incanalati nella griglia giusta, con tanto di ADDETTI a controllare.
    Non stò qui a sindacare se è compito fidal o è compito del “telese”.. io ho trovato tuttobello, professionale, caloroso, tranne la partenza che a mio modesto parere, poteva essere gestita meglio! ad onde, ritardata, per accredito di tempo, per categorie.. le molteplicità di soluzione sono tante ed è un peccato leggere tutti sti commenti negativi (che poi sicuramente serviranno per il futuro, vedi Agropoli 10-10-10, ne sono certo) visto tutto lo sforzo fatto dall’organizzazione.. lo sento un peccato perchè COMUNQUE parte della colpa è di NOI podisti che non abbiamo rispetto neanche per noi stessi, in quanto se io sò di correre a 3’30” non mi permetto di andare a rovinare la partenza a Meucci, Baldini, Andriani, Goffi, etc etc.. con stima e affetto, spero di ritrovarla ancora in Campania, terra splendida ove vengo spesso a correre, trovando spesso il calore della gente del sud.

  • MICHELLE DE VAIO – VALTELLI

    FINALMENTE , QUALCUNO HA CENTRATO IL VERO SBAGLIO DELLA MANIFESTAZIONE !
    LA FIDAL NON HA APPLICATO IL REGOLAMENTO E LE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CAMPIONATI MASTER ITALIANI !
    GLI ORGANIZZATORI DOVEVAVO ESSERE AIUTATI E DARE A LORO LE GIUSTE DIRETTIVE IN MATERIA DI CAMPIONATI ITALIANI .PARTENZE PER CATEGORIE E CONTROLLO DOPING.
    GIUDIZIO FINALE :
    UN BRAVO PER GLI ORGANIZZATORI
    UN RICHIAMO ALLA FIDAL PER LA SUA INCAPACITA’ NEL FAR APPLICARE LE REGOLE E ROVINARE I VOLENTEROSI ORGANIZZATORI CHE HANNO PAGATO PER UNA COLPA NON LORO .

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>