Cronaca — 11 luglio 2010

Quattrocentosessantotto gli atleti in gara nella 5° Edizione del Triathlon  Parco dei Laghi organizzata  da VTB Atomica Triathlon di Prato con il patrocinio dei Comuni di Castel di Casio, Grizzana Morandi, Camugnano, Consorzio Parco regionale dei Laghi di Suviana e del Brasimone, che si è svolta a Camugnano sulla distanza di 1.500 metri a nuoto nel Brasimone, quaranta chilometri in bicicletta e dieci di corsa a piedi senza intervallo fra una prova e l’altra.
A movimentare le tranquille acque del lago ci pensano  quarantquattro donne che precedono nella partenza i concorrenti maschili .
Fra questi Lorenzo Villa, 30enne bancario di Reggio Emilia del team Galileo Triathlon, vincitore della precedente edizione .
Con bracciate da off-shore compre la distanza in  21 minuti e 52 secondi, esce dall’acqua e inforca la bici per affrontare  la prova ciclistica.
Ed è lungo la salita dello Zanchetto, la discesa di Suviana, il falsopiano di Ponte Verzuno e il muro di undici chilometri prima della zona cambio, che il desiderio del campione in carica di bissare il successo del 2009 ,  si scontra con i muscoli d’acciaio di Marco Prati, venticinquenne modenese del Cus Parma, laureando in Chimica Tecnologica Farmaceutica all’Università della Città della Girlandina.
Dopo la prova di nuoto accusa un distacco di 35 secondi sul favorito ma in bici non ha rivali , azzera lo svantaggio e guadagna un bonus a suo favore  di oltre tre minuti e mezzo sull’avversario.
Un tesoretto che gli permette di correre senza affanno  i diecimila conclusivi e di aggiudicarsi il gradino più alto del podio grazie alla sommatoria dei tempi registrati nelle tre prove.
Vince  in 2.12.19 davanti a Lorenzo Villa, 2.14.10, Luca De Paolis , SBR 3, 2.15.00, Denis Giovannetti ,Freestlye Triathlon ,2.16.04, Antonello Pallotta , SBR3, 2.17.54.
Dina Braguti, trentacinquenne nativa di Cremona portacolori del team romano Forhans  Campionessa Italiana Triathlon che frequenta il Collegio di Osteopatia di Bologna, domina la prova femminile in 2.33.30 ma deve abdicare , come previsto dal regolamento gara, per la sua appartenenza alla nazionale ‘Elite’.
La corona di regina passa a Patrizia Dorsi, trentasettenne di Piacenza infermiera all’Ospedale di Bobbio, che chiude in 2.39.39 seguita dalla modenese Giulia Rinieri, portacolori del G.S. Pasta Granarolo di Bologna, 2.42.14,da Chiara Ingletto, ,Firenze Triathlon, 2.46.50,.


A chiudere le prime cinque posizioni Chiara Gilberti, Freezone, 2.47.34, Monica Borsari, G.S. Pasta Granarolo, 2.47.51.

Autore: Fausto Cuoghi

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>