Anteprima — 17 febbraio 2014

trail romagnaParte dalla tutela del paesaggio la programmazione 2014 di Trail Romagna presentata questa mattina a Studio T alla presenza del Sindaco di Russi, Sergio Retini, del vicesindaco di Ravenna Giannantonio Mingozzi, dell’Assessore ai Parchi della Provincia di Ravenna Francesco Rivola, del Capo Ufficio Territoriale per la Biodiversità del Corpo Forestale dello Stato Giovanni Nobili e del presidente dell’associazione Ciro Costa insieme ai rappresentanti dei numerosi enti ed associazioni che collaboreranno alla realizzazione di questa rassegna di movimento in e per la natura.
Un calendario di eventi che colpisce per varietà e distribuzione territoriale, che copre tutta la bella stagione da marzo ad ottobre e tutto il territorio Romagnolo sconfinando in Toscana e addirittura in Istria. Tredici eventi che avranno come scenario le bellezze della natura, paesaggi da tutelare come nelle intenzioni di Alberi e Paesaggi del Ravennate, la ricerca organizzata assieme all’Osservatorio Fotografico – in collaborazione con Assessorato all’Ambiente del Comune di Ravenna e Corpo Forestale – che vuole mappare il territorio per costruire un archivio visivo fatto di alberi e paesaggi  che diventino i punti tappa di un itinerario turistico che costituisca un museo all’aria aperta. Una mappa che sarà poi disponibile su un’applicazione per mobile che in qualsiasi momento sarà in grado di mostrare la posizione dell’utente ed indicare il tragitto più breve per le emergenze naturali segnalate.

Il primo impegno on the road, sarà con il podismo epico. Dopo aver risvegliato la Forlì-Ravenna da venti anni di oblio, Trail Romagna per festeggiare i 40 anni della Valli e Pinete riavvolge il nastro del tempo  della gara ravennate per antonomasia riproponendo un percorso ispirato a quello originario che, come nel 1975 si allunga sugli argini dei Fiumi Uniti per diventare Valli, Fiumi e Pinete (2 marzo).
Ma a far la parte del leone non può che essere la corsa in natura variamente declinata: dall’Urban Trail Ravenna Città d’acque (29 giugno) che torna con la sfida di portare i runners a correre all’alba attraverso il verde e le vie d’acqua della città al Gessi Wild Trail (30 marzo), un percorso che attraverserà il paesaggio lunare della Vena del Gesso Romagnola circumnavigando la sua spettacolare Riva San Biagio con partenza e arrivo all’interno del Cardello di Alfredo Oriani a Casola Valsenio. Dalla conferma dell’apprezzatissima Ravenna – Milano Marittima off roads (11 maggio) adatta a far muovere i primi passi in natura ai podisti più incalliti e a chi si avvicina alla corsa  per la prima volta, sempre più proiettata al benessere scegliendo le Terme di Punta Marina e di Cervia come partenza e arrivo, a due importantissime novità che porteranno Trail Romagna e il suo pubblico su sentieri nuovi. Chi non conosce il collare di San Vicinio? Proprio dalla Piazza di Sarsina sulla quale si affaccia la chiesa che custodisce il collare prenderà il via il Trail di San Vicinio (2 giugno) – che percorrerà alcune tappe del Cammino toccando borghi abbandonati e preziose testimonianze della vita del santo. Il trail sarà l’epilogo di una tre giorni di sport (Trekking, MTB e Trail) che animerà la valle del Savio e Cesena designata Città dello Sport 2014.
Anche per l’ultimo trail in programma, sentieri lontani e, per noi, inesplorati: il Vallombrosa Trail (5 ottobre), propone un percorso disegnato all’interno della riserva naturale che ospita gli alberi ad alto fusto più alti d’Europa, monumenti viventi i cui antenati ancora sorreggono le più belle basiliche di Pisa e Firenze. L’antica Abbazia Benedettina vallombrosiana sorveglia ancora un territorio incantato dove per la prima volta Trail Romagna opererà accanto al Corpo Forestale dello Stato che metterà a disposizione uomini e mezzi.

Dal Cammino di San Vicinio e dal monastero benedettino si torna a parlare di un altro monastero benedettino e di un altro cammino, quello di San Romualdo. Continua infatti Passi del Silenzio, il percorso Sant’Apollinare in Classe – Eremo di Camaldoli si spinge ora verso l’Europa per cogliere l’importanza di un uomo fondamentale per la storia della Chiesa e della Ravenna dell’anno 1000. Con il Cai e il Comitato Ravenna-Camaldoli, approfittando delle festività di Sant’Apollinare si andrà alla scoperta della Grotta di San Romualdo a Parenzo (21-23 luglio), in Istria una terra vicinissima alla nostra città tanto che da quella regione (dove si estendeva l’esarcato Ravennate) nel 500 giunse il Vescovo Massimiano che tra l’altro ebbe il merito di ‘inaugurare’ San Vitale alla presenza di Teodora e Giustiniano.

Continua la presenza di Trail Romagna all’interno di Ravenna Festival la manifestazione che più di ogni altra accredita la candidatura di Ravenna Capitale della Cultura 2019. Come lo scorso anno due appuntamenti in movimento ma anche qui con grandi novità. Il primo tornerà a parlare di Ravenna Città d’acque focalizzando l’attenzione sulla storia dei porti di Ravenna, Il fronte dei porti (2 luglio), è un percorso che toccherà tutti i bacini portuali, interni ed esterni, che nei secoli si sono succeduti a causa del progressivo allontanamento del mare dalla città. Dal Porto di Classe alla Darsena presente e futuro di una città che non può fare a meno del mare, si avvicenderanno una serie di tappe intermedie sorprendenti, arricchite da racconti e performance di danza e condite dai sapori della gastronomia locale. A differenza del passato, vista anche l’estensione del percorso, la passeggiata si trasformerà in una biciclettata, un mezzo ecologico e tradizionalmente ravennate.  Prima del secondo appuntamento “Intorno a Ravenna Festival” un’altra camminata consapevole nella storia della nostra città. A spasso nella storia (14 luglio) sarà l’occasione per ripercorrere 1500 anni di storia di Ravenna vista dalle mura antiche della città, uno sguardo dall’altro (alcuni tratti saranno appositamente riaperti) su quello che fù; l’evento, organizzato in collaborazione con RavennAntica e la Scuola Superiori di Studi sulla Città e il Territorio inaugura la rassegna Tamo al chiar di luna.
Trail Romagna e Ravenna Festival intraprendono assieme alcuni tratti del percorso di avvicinamento alle celebrazioni del settimo centenario della morte del Sommo Poeta, Dante 2021. Dell’itinerario che Trail Romagna compirà dalla casa natale alla Tomba dell’Alighieri, sarà anticipata una tappa dedicata ad un  grande poeta per certi versi legato a Dante che chiamava l’ultimo dei Primitivi: Dino Campana di cui ricorre, il centenario della pubblicazione dei Canti Orfici. Il poeta di Marradi che d’abitudine percorreva a piedi i sentieri per Firenze, ha una poetica comprensibile fino in fondo solo se unita al cammino. I Sentieri di Dino Campana (6-7 settembre), questo il titolo del concerto trekking, racconterà la figura di un uomo grandissimo e poco noto ai più e farà assaporare i versi più belli, lì dove sono stati concepiti. Si è attivata una nuova collaborazione con il Centro Studi Campaniani che porterà l’evento in anteprima a Marradi nell’ambito delle iniziative che raccolgono studiosi in occasione del compleanno del poeta, il 20 agosto.

“Prometto di insegnare ai giovani perché è così importante proteggere l’ambiente” è la promessa di febbraio del calendario realizzato da Trail Romagna con le immagini della scorsa edizione di Parks Romagna Life. Tra le attività che instaurano nei bambini l’amore per la natura ci sono alcuni sport come nuotare in acque libere e correre nella natura. X Terra Kids (3 agosto) sarà tutto questo, un gioco multisport realizzato in collaborazione con la Federazione Italiana Triathlon, Triathlon Team Ravenna, Pedale Bizantino e I Cinghiali nell’ambito del Festival Naturae, una manifestazione che avrà il suo palcoscenico nella riserva naturale della Foce del Bevano.

Tutte le attività di Trail Romagna presuppongono movimento, ogni evento è infatti ideato per stimolare il camminare o il correre perché, è ormai comprovato, è ciò che fa meglio alla salute. Ma si può fare di più: star bene facendo star bene anche gli altri. È per questo motivo che l’attività 2014 di Trail Romagna sarà ancora più indirizzata al podismo etico. Diabetes Marathon (Forlì, 13 aprile) vedrà la nostra associazione collaborare con l’Associazione Diabetici Forlivesì (e gli altri centri dell’Area Vasta), l’Edera Forlì e Forlì Cammina per far conoscere il Diabete mellito tipo 1 ed in particolare le problematiche del Diabete in età pediatrica purtroppo in crescita esponenziale. La manifestazione comprende una corsa e una camminata (inserita nel nascente Parco del Novecento) per comunicare ai bambini e alle loro famiglie l’importanza dello sport nella vita quotidiana e nella regolazione glicemica.
Il movimento è anche una delle poche azioni che sembra frenare una malattia neurodegenerativa incurabile come l’Alzheimer. Dopo aver donato 9000 euro al Centro Alzheimer per l’Emilia Romagna per contribuire ai bisogni urgenti delle famiglie dei malati delle zone terremotate (Mirandola in particolare), il 21 settembre, nella giornata Mondiale per l’Alzheimer torna la maratona più solidale d’Italia, l’evento più importante che Trail Romagna organizza con tutte le associazioni sportive e di volontariato del cesenate. Quest’anno l’asticella sarà puntata ancora più in alto nella speranza di poter aiutare anche le famiglie fuori dalla notra Regione. Per questo la manifestazione è stata inserita nel calendario nazionale Fidal ed è stata scelta come campionato italiano Uisp; inoltre alle due competitive di 42 e 30 chilometri si aggiungerà una 10 miglia Cesena-Cesenatico.

Un progetto così vasto non si potrebbe realizzare se non attivando sinergie con le associazioni che come noi credono che lo sport e la tutela dell’ambientale siano fondamentali per la cultura di un Paese, come testimoniano le grandi civiltà del passato.
Determinante è il sostegno dell’amministrazione Comunale di Ravenna, della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna, della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e delle aziende che sposano la mission di Trail Romagna come Studio T, Gamberini, Elios Digital Print, Hera, Fisios, Excogita, Terme di Cervia, Millepiedi Viaggi, Giancarlo Ceccolini, Harbour Pilot senza i quali questi progetti resterebbero sogni. Ma tutti questi eventi non si potrebbero realizzare se non vi fosse la disponibilità di tante persone che dedicano il proprio tempo libero agli altri: è a queste persone che tutti noi dobbiamo dire il grazie più grande.

Da lunedì 17 febbraio sarà possibile prenotarsi per tutti gli eventi sul sito www.trailromagna.eu

Giovanni Trabalza

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>