Cronaca — 12 aprile 2011

Si vanno attenuando le luci sulla 1000 km di Atene, giunta alla fine della nona giornata, e con esse le sofferenze degli atleti, che di giorno devono difendersi dal sole, di notte dal freddo, sempre dal vento. Bagliori accecanti di felicità illuminano la pista, quando un concorrente conclude l’impresa. La notte è stata rischiarata dall’arrivo al traguardo di Wei Ming lo, uomo di Taipei, terzo classificato in 8d11h12’49”. Era giorno inoltrato, quando una gioia radiosa s’è dipinta sul viso del greco Nomikos Nikitas, quarto in 8d22h28’36”.


Continuano le scintille fra Sarah Barnett (935km)  e Martina Hausmann (928km). E’ atteso nella notte il lampo finale. Arriverà per primo quello della cavalla australiana o della mula tedesca?


Si è alle ultime battute. Altri due atleti potrebbero concludere l’impresa in tempo utile: il sudafricano Ric Marini (917km) e il greco Thanos Nikos (904km).


Continuano le loro gare il bulgaro Milev Radi (777km), la sudafricana Marthie Britz (765), l’italiano Aldo Maranzina (761), l’italiana Angela Gargano (741) e la sudafricana Michelle Fookwe (592km).

Autore: Michele Rizzitelli

Share

About Author

Peluso

  • franco pastore polisportiva folgoreNocera

    E’ ASSURDO NESSUN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO PER ME CHE SONO UN ULTRAMARATONETA DICO SOLO -ANGELA – SEI GRANDE GRANDE GRANDE . CIAO CI VEDIAMO AL PASSATORE. IL NAPOLETANO DI ATENE

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>