TuttoCampania — 02 dicembre 2013

A Montemiletto è andata di scena la XV edizione della gara podistica cittadina, organizzata dal Montemiletto Team Runners, in quest’ultima domenica, la prima di dicembre.
Alla partenza oltre 400 atleti, infreddoliti e provati da condizioni meteo poco abituali nei territori campani, ma che non hanno scoraggiato tanti temerari, appassionati di questo sport o fedelissimi di questo appuntamento ormai classico.

Partenza a pochi passi dall’edificio del Municipio, su un fondo in sanpietrini e dal punto più alto del tracciato, per poi discendere nella parte più bassa della cittadina e ritransitare a metà percorso sotto l’arco d’avvio (in verso opposto); da lì di nuovo in discesa per affrontare un secondo giro utile a completare i 10.350m previsti dagli organizzatori.
partenza montemiletto 2013Con la prima posizione ben definita sin dai primi chilometri sia nella gara maschile che in quella femminile, alle spalle dei battistrada la battaglia sportiva si presentava accesa ed aperta, tanto da accattivare ancor più i coraggiosi spettatori presenti in piazza.

Al secondo passaggio, quelle conclusivo, il keniano tesserato per la Lib. Orvieto, Paul Sugut, si portava in solitaria sotto l’arco d’arrivo, chiudendo la sua prova in 33’27”, precedendo un ottimo Hamid Kadiri (Fiamme Argento) pronto a recuperare parte del distacco sino a chiudere in 33’53”, come anche il sempreverde Antonello Landi (Atl. Potenza Picena) che con un’ottima secona frazione di gara andava a sopravanzare Ismail Adim (Napoli Nord Marathon), Angelo Iannelli (Fiamme Azzurre), Morad El Mourid (Pod. Cava Picentina) e Natale Napoli (Enterprise Sport & Service).

Tra le donne ad imporsi era Jane Chelagat del G.S. Lammari in 38’10”, precedendo Siam Laaraichi (Napoli Nord Marathon), seconda in 40’38”, e Cathy Barbati (Tifata Runners Caserta), terza in 45’08”. Successo per la squadra dell’Isaura Valle dell’Irno sulla Podjgym Avellino e la Montemiletto Team Runners (autoesclusasi dalla classifica per l’assegnazione del montepremi).
Assegnati a latere della gara podistica, nonostante la data e le condizioni meteo non favorevoli ad una larga partecipazione, i titoli regionali di corsa su strada FIDAL Campania per le categorie giovanili (esordienti, ragazzi e cadetti), prima di sopstarsi all’interno della sala predisposta per le premiazioni, utili a concludere una lunga e fredda mattinata, riscaldata dal clima che sempre contraddistingue le manifestazioni semplici e ben organizzate.

Si chiudeva quindi anche l’edizione n°15 della gara di Montemiletto, che continua a tener viva ed alta l’attenzione e la promozione dell’atletica leggera in terra irpina.

 

Carlo Cantales

Share

About Author

Peluso

  • Ciao a tutti, dopo 24 ore dallo sparo della partenza, vorrei condividere con voi il mio pensiero su come si è svolta la “Quattro Passi Per Montemiletto”.
    Avevo sulle mie spalle una grande responsabilità (come gli altri anni) e la mattina alzandomi e vedendo tutta quella pioggia mi ha demoralizzato moltissimo, ma vedervi arrivare così numerosi mi ha dato la forza di affrontare questa giornata. Voglio, quindi, ringraziare tutti i presenti, non solo perché hanno fatto sì che la manifestazione si compiesse, ma soprattutto perché non hanno temuto ed hanno resistito alla pioggia che cadeva insistentemente su Montemiletto.
    La soddisfazione maggiore della giornata, pero, è stata quando vedendo il tempo e preoccupandomi del benessere dei bambini, avevo deciso di annullare le gare giovanili. Ho ricevuto, fin da subito, dei pensieri diversi dal mio e la mia meraviglia più grande è stata che a lamentarsi di questa decisione erano proprio i ragazzini. Volevano gareggiare ad ogni costo (aggiungerei a ogni condizione climatica!). Questa per me è una grande soddisfazione, io pratico lo sport soprattutto per questo, vedere che questa passione è condivisa anche con altri piccoli-atleti, mi ha dato una grande gioia e mi ripaga di tanti sforzi (un po’ ha ricordato me quando ero “giovane”).
    Termino queste poche righe dichiarando che sono veramente soddisfatto di questa XV° Edizione, i presupposti (vedi la pioggia) non erano dei migliori, pero la forte volontà ed il grande sostegno che ho ricevuto, mi hanno aiutato a farsi che la manifestazione andasse nel verso giusto. Grazie

  • salvatore albrizio atletica isaura

    ciao carlo e pietro condivido con voi che questa XV manifestazione e’ stata ottima,ben organizzata,vorrei ringraziare carlo cantales per la sua disponibilita’ nel venirmi a prendere con l’auto ed riaccompagnarmi a casa,grazie carlo sei come il mio coach marco cascone,un persona squisita e disponibilissima,un abbraccio salvatore albrizio.

  • sandro

    Spiacente , ma non sono per niente d’accordo. Mi limito quindi a copiare ed incollare il mio intervento già pubblicato il 2 dicembre , in altro articolo : “Gara pessima , quella di Montemiletto . E non per le condizioni climatiche proibitive ( siamo podisti , e su questo NON possiamo mai lamentarci !) , bensì per il comportamento degli organizzatori. Assenti , praticamente invisibili. Per la prima volta in centinaia di gare disputate , ho constatato l’assenza dei chilometraggi parziali. Mancavano tutti , ma proprio tutti e 10. Perchè ? Evidentemente perchè a posizionarli ci si sarebbe inzuppati nella pioggia gelida ! Mancavano i bagni chimici ma soprattutto una tenda , un capanno che potesse consentire una decente svestizione. Il tutto sotto l’acqua , o al limite nel chiostro dell’edificio comunale ( in una situazione comunque non decorosa ). Un consiglio : per il futuro toglierla dal calendario nel mese di dicembre ( fare centinaia di chilometri per prendere acqua e gelo non è il massimo , senza contare il fatto che è una gara con numerose salite e discese : pericolose farle con gelo e acqua ) e inserirla in primavera , magari a maggio . Gli atleti porterebbero al seguito anche le famiglie , e si potrebbe così fare una piacevole gita fuori porta.”

  • Giovanni Laiso – Atl. Isaura Valle dell’Irno

    Per cortesia, andate a correre gare dove pagate fino a 15€ di iscrizione senza servizi igienici, spugnaggi, ristori e magari nel pacco gara qualche AIUTO CEE, ma vi rendete conto? A Montemiletto i volontari erano presenti sul percorso sotto la pioggia a dispensare acqua ai podisti, erano presenti alla fine della gara. Ho mangiato un piatto di pasta talmente buono che ho fatto il bis (e su questo di solito sono abbastanza schifettoso). Alla fine della premiazione in molti hanno chiesto di avere 2 bottiglie di vino o dei torroni e sono stati accontentati. Ma dove correte? Io ci metto il nome e cognome quando commento!

  • sandro pagano

    Gent. sig. Laiso,
    confermo parola per parola quanto riportato nel mio intervento. Riguardo al Suo , non ho visto ” i volontari sul percorso a dispensare acqua ai podisti” ( e meno male ! In quelle condizioni oltre al danno ci sarebbe stata anche la beffa…). Non corro per il pacco gara , meno che mai per la pasta e fagioli ( se c’è , tanto meglio ). Ma se mancano alcune condizioni fondamentali per il buon esito della competizione , non è reso un buon servizio al movimento podistico. Sono decenni che corro e commento le gare , e mai lo ho fatto per vena polemica o spirito di contraddizione . Per il resto , buon appetito.
    ps : mai vista una gara come quelle da Lei descritte in premessa.

  • Antonello Barretta

    Per amore della verità, ricordo di aver visto posizionati lungo più punti del percorso volontari, anche se sarebbe stato meglio dispensare bottiglie di acqua, anzichè tenere dei bicchieri che finivano con il riempirsi di acqua piovana. Va detto però che con le condizioni date, era estremamente difficile fare meglio, e soprattutto non è mancata a mio avviso la passione e la grande accoglienza che contraddistingue Pietro e gli amici della Montemiletto.

  • raffaele colantuono

    io nonostante aver corso(mai in 38 anni che corro,sarà la vecchiaia)con un cappello in testa che appena vedevo per terra,con keiww addosso con pantalone lungo ho visto vari ristori lungo il percorso,è poi c’era ristoro caldo alla fine,ed ho visto grande passione,quindi quando si parla dite la verità,o è meglio stare zitti .

  • Giovanni Laiso – Atl. Isaura Valle dell’Irno

    Mi spiace aver usato un tono un pò aspro caro Sandro (credo che ci possiamo dare del tu e mi farebbe piacere anche conoscerti di persona alla prossima gara,, e non è una minaccia!!! ). Le critiche fanno bene, ma a volte non bisogna esagerare e pretendere troppo da chi organizza, soprattutto in condizioni climatiche come quelle di domenica scorsa. Gli altri amici che hanno commentato li conosco bene e calcano le strade campane quasi tutte le domeniche e ti giuro che molte volte ci troviamo innanzi a situazioni davvero assurde in termini di sicurezza, percorso, assistenza, premi, pacchi gare e quota d’iscrizione. Ben venga una manifestazione come quella di domenica o come il “San Paolo Sport Day” con quota di iscrizione € 3 senza pacco gara. Alla fine ho saputo che sono avanzati € 300,00 che sono stati adoperati per acquistare dei blocchi di partenza. Questo significa organizzare sport. Poi è ovvio che non tutte le ciambelle riescono col buco, lo si fa presente e si cerca di rimediare l’anno successivo. Ma da qui a dire che è stato tutto un fallimento è esagerato. 350 arrivati sulla 10.350km, metto la mano sul fuoco che 325 (oltre il 90% dei partecipanti) siano soddisfatti. Credo che su quanto tu hai descritto l’organizzatore abbia già preso appunti per la prossima edizione. Alla prossima!

  • sandro pagano

    Giovanni , mi fa piacere che si riporti la discussione in un alveo più consono alla discussione pacata. La mia critica (costruttiva , tengo a ribadirlo) comunque era rivolta essenzialmente alla mancanza di un riparo ( eventualità , quella del mal tempo , ampiamente prevista ). Del resto non ho detto che è stata tutto un fallimento e mi onoro di essere tra quei 350 giunti al traguardo , ed aver condiviso con loro , con la stessa passione , la competizione. Resta poi alla sensibilità degli organizzatori ( di OGNI gara , non solo di questa) cogliere i suggerimenti che scaturiscono dalla critica. A presto.

  • Giovanni Laiso – Atl. Isaura Valle dell’Irno

    Adesso sono d’accordo con te e condivido! Buon allenamento Sandro!

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>