Curiosita — 26 febbraio 2010

Treviso, 26 febbraio 2010 РQuarantadue chilometri possono racchiudere tante cose. Anche la storia di una ragazza di Castelfranco Veneto che un giorno, a 21 anni, mentre ̬ in discoteca, viene colpita da un ictus. Resta in coma per un mese, poi si ritrova su una sedia a rotelle con una grave emiplegia alla parte destra del corpo.


La sentenza dei medici è spietata: resterà invalida per sempre. Ma, a 21 anni, nulla è impossibile. Soprattutto per Lisa, che di cognome fa Trevisan, ma gli amici hanno soprannominato ‘Festa’. La voglia di vivere che aveva accompagnato i suoi primi vent’anni, diventa il motore di una sfida che per ritornare ad una vita normale. Anzi, di più. Lisa reagisce. Con grandi difficoltà, riesce a recuperare l’uso della parola e a tornare a camminare.


Raggiunge il successo con un libro edito da Mondadori (‘Sì, no, Miami’), conquista una certa popolarità partecipando a diverse trasmissioni televisive. E la sua storia ha anche un curioso fuori programma: un’amicizia con Umberto Bossi, ricoverato nella stessa clinica dove Lisa è impegnata nella riabilitazione.


Poi una nuova sfida: tornare nelle città dov’era stata poco prima di ammalarsi. A New York, ma non da semplice turista. Lisa vuole correre la maratona, e, ovviamente, ce l’ha fa. Il percorso lungo le strade della Grande Mela diventa la metafora della sua esistenza: i primi chilometri sono allegri e spensierati, poi subentra la crisi. Teme di non farcela, ma stringe i denti e arriva al traguardo.


Quell’esperienza è diventata un nuovo libro, ‘Sì, Sì, New York!’, che Lisa presenterà in occasione della Treviso Marathon. Prima di indossare nuovamente i panni d’atleta: non per correre i 42 km della maratona, ma per accompagnare i partecipanti alla Tuttincorsa, la marcia stracittadina che farà da cornice alla maratona. Sarà l’occasione per lanciare un nuovo messaggio: disabilità non significa essere relegati ad una vita nell’ombra. E la prefazione è scritta da un podista doc: Gianni Morandi.


Una testimonianza importante anche per la Treviso Marathon, che di Lisa farà il volto dell’edizione 2010. Chi taglia il traguardo di una maratona, indipendentemente dal tempo impiegato, ha già vinto. Lisa, tornata ad una vita normale dopo una grave malattia, ha vinto due volte.     


 


TREVISO MARATHON


La Treviso Marathon è una delle più popolari corse italiane sulla distanza dei 42,195 km. Promossa da sei società sportive (Atletica Jäger Vittorio Veneto,  Atletica Industriali Conegliano, Atletica Silca Ogliano, Silca Ultralite, Nuova Atletica Tre Comuni e Athletic Lamparredo Paccagnan Ponzano), attive nel territorio trevigiano per sostenere, ad ogni livello, la pratica dell’atletica leggera e del triathlon, ha debuttato il 14 marzo 2004, diventando subito una tra le più partecipate maratone italiane. La sua crescita è stata vertiginosa: nell’arco di cinque anni, ha raddoppiato il numero dei partecipanti (6.271 gli iscritti all’edizione record del 2008), collocandosi al secondo posto, per numero di classificati, tra le maratone italiane di primavera e al quarto se si considera l’intero arco della stagione. Presieduta da Federico Zoppas, la Treviso Marathon è apprezzata dagli atleti di livello non professionistico, che l’hanno soprannominata la  ‘New York d’Italia’  per  l’elevato  numero  di  spettatori lungo il percorso. Ma si segnala anche per un  eccellente  livello  tecnico. Lo dimostrano i record della gara: 2h10’18’ per gli uomini (Benjamin Pseret, Ken, 2007) e 2h28’03’ per le donne (Shitaye Gemechu, Eth, 2007). L’ultima edizione della Treviso Marathon (valida come campionato italiano assoluto e master) si è svolta il 29 marzo 2009 ed è stata vinta da Migidio Bourifa e Laura Giordano. La prossima è in programma il 14 marzo 2010.         


 


 


 

Autore: Mauro Ferraro – Treviso Marathon

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>