TuttoCampania — 27 gennaio 2014
stabia aequaMalgrado i problemi dell’ultima ora, dovuti all’inagibilità delle antiche terme di Stabia ed al tempo ristretto per la chiusura della Statale Sorrentina, la running Club Italia è riuscita ad allestire una manifestazione che ha ricevuto ampi consensi Ben 480 i partenti tra cui due campioni di altre discipline sportive, ovvero lo stabiese doc Ciccio Esposito canottiere pluricampione Mondiale del doppio pesi leggeri e finalista Olimpico di Los Angeles nel doppio Seniores e Nando Gentile indimenticato campione del Basket Italiano Clima adatto alla gara, con poca umidità e vento assente, la partenza avvenuta alle ore 9,00 in punto da Piazza Ammendola ha visto subito un terzetto composto da Di Puoti, Soprano, Signorelli dettare il ritmo sui 3’20 al Km, dietro di
loro un buon Mario Cirillo in compagnia di Alfredo Norvello e Gennaro Ciambriello a qualche metro di distacco, tra le donne invece testa a testa dal primo metro tra  Annamaria Vanacore e Alessandra Scaccia Gli ultimi due chilometri vedevano Soprano tentare un allungo che veniva rintuzzato dal velocissimo Francesco Di Puoti della Finanza Sport Campania, che andava a vincere con 53’09 lasciando a soli 2 secondi di distacco il portacolori del Movimeto Sportivo Bartolo Longo, Giuseppe Soprano.che quindi
chiudeva in 53’11”, terzo un sempre positivo Signorelli dell’amatori Vesuvio che fermava il cronometro a 53’43” quarto Mario Cirillo dell’atletica Agropoli in 54’17” che precedeva un positivo Gennaro Ciambriello dell’atletica Marano che chiudeva in 55’13 che superava in volata il campione Mondiale Master M45 di maratona Alfredo Norvello Da notare che i primi 4 atleti riuscivano ad andare più forte del tempo fatto segnare dal vincitore dello scorso anno Antonello Barretta. Tra le donne bellissima progressione finale di Annamaria Vanacore dell’atl. Scafati che chiudeva la gara in 1 ora 3 minuti e 41 secondi sul pede dei 3’59”
al Km, che lasciava dietro la positiva atleta laziale del Colleferro Atletica Alessandra Scaccia col tempo di 1 ora 4 minuti e 45 secondi, entrambe sotto al record di Ania Paniak della passata edizione, terzo gradino del podio per l’alteta della Napoli Nord Marathon Carmela Febbraio col tempo di 1 ora 7 minuti e 26 secondi , quarta e bella gara per Annamaria di Blasio e quinta la brava Annamaria Caso del Movimento Sportivo Bartolo Longo. Da notare i 49 atleti sotto i 4 al Km e i 297 sotto i 5’00 al Km , si
aggiudicava l’ultima Piazza Santo Carlea in 2 ore e 2 secondi Ci resta da dire che questa edizione , è stata quella della crescita, si
attende la prossima che dovrebbe essere quella della maturità, augurandoci che con l’apertura della varante alla statale si eliminino completamente i problemi di ristrettezza dei tempoi per la viabilità.

Share

About Author

Peluso

  • Carmine Babbone

    Le prestazioni quest’anno sono state favorite dallle condizioni climatiche. Personalmente riaspetto all’anno scorso ho tolto circa 4 minuti (un po anche perchè conoscevo meglio le insidie del percorso, comunque molto bello). Complimenti all’organizzazione per disponibilità e gentilezza mostrata in ogni situazione.

  • nicola annunziata

    premesso che chi organizza una gara podistica merita sempre il nostro plauso perché è spesso costretto a combattere con autorità locali poco sensibili alla valenza sociale del podismo. Qualche critica però è necessaria. Veniamo al dunque. Mi permetto di far notare che al 50 minuto di corsa la macchina di fine corsa ha lasciato allo sbando “noi ultimi” per andare insieme all’ambulanza chissà dove con la conseguenza che al giro di boa a vico , a circa 1 ora di corsa i vigili urbani hanno impedito a noi ultimi di correre sulla sede stradale avendo riattivato la circolazione. Anzi addirittura hanno invitato una concorrente, con modi poco urbani, a correre sul marciapiede e a togliersi il pettorale essendo a loro modo di vedere la gara conclusa. Il ritorno poi sulla costiera è stato un dramma, di corsa sui marciapiedi oppure zigzzagando tra il traffico ormai impazzito. Noi ultimi non abbiamo potuto godere del paesaggio unico al mondo in quanto concentrati ad evitare automobilisti maleducati e spazientiti. Noi ultimi abbiamo attraversato la strada sulle strisce pedonali aspettando che qualche auto si fermasse. Allora se è vero che in alcuni casi manca l’educazione civica e la sensibilità a questo tipo di appuntamento , voi organizzatori amanti del podismo quanto noi ultimi dovevate difendere fino ai denti e fino all’ultimo minuto la vostra ora e mezza di libertà che per una 16 Km è già un tempo ristretto. Invece anche voi vi siete lasciati prendere dalla logica che prima apriamo la strada meglio è. In ogni caso apprezzo il vostro impegno e spero che il prossimo anno andrà meglio se solo vi lascerete guidare dal principio che anche noi ultimi meritiamo rispetto e che tutti coloro che praticano questo sport meritano rispetto. Alla prossima

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>