slide TuttoCampania — 12 ottobre 2013

Gilio Iannone stabiaeNon c’è niente da fare: la Notturna Città di Stabiae è la Notturna Città di Stabiae, vale a dire un evento di grande qualità da sempre. Quest’anno la Notturna ha acquisito anche un’altra dizione: Stabiae 10k Marathon, nuovo nome ma tradizionale e incomparabile fascino per la gara, l’evento di Mimmo Cuomo e Anna di Palma, e con loro l’insieme della Marathon Club Stabia e di un’intera città: Castellammare. Nuovo Sindaco presente in ogni fase della serata, e con lui l’Assessore Allo Sport e buona parte dell’amministrazione comunale e, quello che più conta, tanto pubblico, nonostante la pioggia che ha preceduto l’evento.

Sì, la pioggia ha cercato di dare fastidio alla festa, ma alla fine si è arresa anch’essa e a circa 1h prima del via ha lasciato asciutti tutti noi presenti e permesso agli atleti di prendere il via e di gareggiare nelle migliori condizioni. Festa doveva essere e festa è stata, anche nel ricordo di Luigi Smarrazzo, grande amico della “Notturna”

Gara

10 km che hanno confermato di essere tra i più veloci in assoluto, con il pubblico che ha aiutato non poco gli atleti ad esprimersi al top, con due giri iniziali che fanno sempre spettacolo e adrenalina, per tutti. In campo maschile Gilio Iannone si è presentato al via con il favore del pronostico, e Gilio non poteva e non ha deluso, anzi! Condotta di gara regolare, controllo degli avversari, affondo nell’ultimo km, vittoria sul piede dei 3’11” a km (31’53” per lui). Vedere correre Gilio è un piacere, sintesi di classe ed eleganza, e a Castellammare (dove è stato per la prima volta) se ne sono accorti tutti! Bella, davvero bella la gara per il secondo classificato, Antonio Meluzio (Pod. Sele). Antonio ha un gran feeling con la 10 km della città delle Acque, confermato nuovamente quest’anno, e lo ha rinnovato persino esaltandosi: 31’56” è un gran bel tempo per il giovanissimo atleta del Salernitano. Terzo gradino del podio, e prima volta per lui a c.mare, Michael Di Stefano, della Futura Roma (32’42” finali). Belle prove per Francesco Bassano e Massimiliano Fiorillo, subito ai piedi del podio. Premio speciale per il primo atleta del Marathon Club Stabia andato a Tommaso Sicignano, per lui 35’27” e 16ima posizione finale.

Segnalo la bella gara di Marco Russo (34’23” per lui) e soprattutto la sua eccezionale performance, davvero imbattibile, a conferma del suo legame con la gara Stabiese: ore 18,47′ il suo arrivo al traguardo, alle 19,20′ già ai tavoli del suo rinomato ristorante Verdemare di Sorrento. Cosa da Guinness World Records.

La gara femminile ha confermato che ad Annamaria Vanacore (Atl. Scafati) a Castellammare manca solo che le venga data la cittadinanza onoraria. Per la cittadinanza magari ci si organizza, all’ennesima vittoria intanto ci ha pensato nuovamente lei: sul piede (mica male) dei 3’48” a km. Secondo gradino del podio per Filomena Palomba (41’41” per la figlia d’arte) e Lidia Principe (atleta Marathon Club Stabia) in ottima terza piazza. A Teresa Galano e Anastasia Grimaldi la quarta e quinta posizione.

Classifica a Squadre (con autoesclusione del team organizzatore) andata all’Atletica Scafati.

Castellammare di Stabia: orgogliosamente la Città di Viviani, della Vespucci., delle Acque Minerali, del Mito agonistico degli Abbagnale e, da 27 edizioni, della sua 10 km!

Marco Cascone

.

.

per Podistidoc, Marco Cascone

.

.

Share

About Author

Cascone

  • Gaetano Manzo APD Scafati

    Ad Anna, Mimmo, tutta la Marathon Club Stabia ed alla cittá di Casellammare: SIETE STATI GRANDI !!!

  • Marco Russo

    Ancora una volta si è rinnovato lo spettacolo unico di una gara unica. Ovviamente parecchie gare in Campania mi sono precluse e non posso essere obiettivo del tutto ma tra le tante gare a cui ho partecipato la Notturna ha sempre avuto un qualcosa in più, un fascino tutto suo, delle sensazioni speciali. E per questo faccio sempre il possibile per parteciparvi. Speriamo che questa nuova “collocazione” sia definitiva perchè a fine maggio capita sempre qualcosa che ne impedisce la realizzazione. I punti di forza restano il percorso (sempre identico e sempre spettacolare), l’orario (crepuscolo), la grande e partecipativa presenza della cittadinanza (che oramai ha “fatto suo” questo evento quasi trentennale). Ringrazio per il pettorale numero 1 “ad honorem” (simpaticamente Gilio si era “preoccupato” nel vedersi assegnato il 3…) e, sebbene non sia mai riuscito a vincerla, posso affermare che ad ogni edizione sono sempre riuscito a dare tutto me stesso ed anche…un qualcosa in più.

  • lerro aniello

    buonasera, volevo chiedervi se riuscite ad aprire l’ordine di arrivo ,perche a me non lo apre grazie

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>