TuttoCampania — 14 marzo 2010

Una splendida giornata di sole. Sorrento vista dall’alto della Collina di Casarlano. Record di atleti al via. Qualità assoluta dei partecipanti. Migliore prestazione cronometrica nella storia della gara, sia in campo maschile sia in quello femminile. Questa, in estrema sintesi, l’edizione numero 9 della ‘Collinando‘. Enrica Esposito, Enrico d’Errico e il dinamico team A.S.D. Paeninsula hanno di che restare orgogliosi per quanto fatto vivere, a chi ha scelto di esserci.


La gara


Come dicevo, uno splendido sole ha accolto i tanti atleti che si sono dati appuntamento nella città del Tasso. Umidità accettabilissima, così come temperatura ideale per gareggiare. Con queste condizioni non poteva che venir fuori una gran gara dal punto di vista tecnico.


Una gara che, per quanto riguarda i primissimi, è stata più che grande: Stellare! 


Un Abdelkebir Lamachi così non lo vedevo da anni. Strepitoso! Un grandissimo Gianluca Ricci nulla ha potuto nei suoi confronti e alla fine si è dovuto accontentare (si fa per dire) del secondo posto. Per dare un’idea di cosa sia accaduto stamane, basta dire che Lamachi (portacolori dell’Atletica Capua) ha migliorato il record della gara (dello stesso Ricci, di due anni fa) di quasi 2′ (!!!). Così sarà tremendamente dura migliorare il 29’08’ di quest’anno (media 2’59’ a km, su un tracciato lungo 9,750 metri e reso duro dagli ultimi 3 km, totalmente in salita).


A 30′ dal vincitore l’arrivo di Gianluca Ricci (quasi 1’30’ prima del suo vecchio miglior tempo).


Bel terzo posto per il nuovo atleta del Montemiletto Team Runners: Abderrafti Roqti, per lui 31’08’.


Romualdo Barbato, Ismail Adim, Enrico Signorelli, Enrico Lembo, Pasquale Cirillo e Vincenzo Lembo a chiudere il novero dei primi 10 al traguardo (dai 32’05’ per Romualdo ai 33’43’ del gemello Lembo).  


Anche la gara femminile prevedeva l’attacco al record, e record è stato. Del resto il valore di Meriyem Lamachi non lo scopriamo ora, ma vederla fermare il crono sui 36’01’ (30′ meglio della Laaroussi, detentrice del vecchio record) portano a confermare che siamo al cospetto di un’atleta straordinaria, capace di andare alla grande su tutte le distanze e su ogni tracciato.


Alle spalle della Marocchina, un’ottima Maria Pericotti. Maria (portacolori Montemiletto Team Runners) ha dato prova di essere in crescita, con un 38’02’ di spessore. Copione rispettato per la conquista del terzo gradino del podio. Lotta prevista tra Ania Paniak e Cathy Barbati, risolta per l’ennesima volta a favore della prima. 41’02’ e 41’15’ i loro tempi al traguardo. Marilisa Carrano, la giovanissima Filomena Palomba, Marianna Biancardi, Manuela de Vito e Letizia Martignetti a chiudere l’elenco delle prime 10 all’arco Diadora/Elite Sport che ha rappresentato il momento finale di gara.


Bello, inoltre, il premio speciale previsto dall’organizzazione e dall’amministrazione comunale: tutto nel ricordo del Professore Guido Paternò. Il professore è stato per anni un vero faro per l’atletica leggera Sorrentina (dalla sua scuola sono usciti tra l’altro Giovanni Ruggiero, Raffaello Alliegro, Mimmo d’Ambrosio) e ancora oggi il sentiero fatto di qualità e passione viene percorso dalla stessa Enrica Esposito, di cui Guido Paternò fu il punto di riferimento. Il premio Guido Paternò, previsto per il primo e la prima atleta della penisola sorrentina è andato a Marilisa Carrano e Marco Russo.


La classifica a squadre ha visto la vittoria del Road Runners Maddaloni.


Una nona edizione della Collinando che viene archiviata, ma che resterà ben scolpita nella mente di tutti. Per le grandissime prestazioni registrate, per il record di iscritti e arrivati e, soprattutto, per la bella giornata di Sport vissuta.


 


nella foto: Abdelkebir lamachi

Autore: Marco Cascone

Share

About Author

Peluso

  • romualdo barbato m. club frattese

    Vorrei fare un imbocca al lupo ad un grande maratoneta ma soprattutto un ottimo consigliere -amico a Vincenzo de Feo per una pronta ripresa.

  • angelo della rocca

    Un augurio di pronta guarigione anche da parte mia all’amico Enzo De Feo.

  • enzo de feo napoli nord marathon

    Grazie amici, siete davvero cari. Ci vediamo presto!

  • leonetti savino

    nell’articolo manca una verita’ il 4° posto è stato raggiunto dall’atleta DIBENEDETTO GIUSEPPE Scotellaro MATERA con il tempo di 31,44.Onestamente non credevo che un giornalista ometesse questa verita’ (solo per cronaca)perche invece gli organizzatori sono stati bravissimi a farlo nascondendo alcune leggerezze organizzative.La saluto e complimenti .

  • Vincenzo De Lucia “ASD SUESSOLA RUNNERS”

    Mi voglio complimentare con gli amice dalla Road Runners di Maddaloni per la vittoria.
    Ciao ragazzi AD MAIORA.

  • Marco Cascone

    Sig. Savino, delle due l’una. Se avesse partecipato in gara, l’avreste trovato nel regolare ordine di arrivo da me indicato. Ma la gara era regionale e come tale, viste le norme vigenti…che, sottolineo, a me non vanno giù…, non ho indicato la sua presenza.
    Se il suo atleta avesse partecipato in quanto ospite, l’avrei segnalato come tale (ma da quanto recepito nel post gara, proprio ospite lei non intendeva essere).

  • marcorusso-asd antoniana runners

    non ho ben inteso la polemica…l’atleta sapeva già prima che avrebbe corso fuori gara? aveva il pettorale? mi piacerebbe indagare…comunque ho scoperto pechè nel leggere l’articolo me ne mancava uno. A quanto sembra però il tutto significa che Pasquale Scala sia 10° e sono contento! e comunque, se mi è cosentito, questi regolamenti fidal di quest’anno sono, a mio personale giudizio, deplorevoli, incomprensibili e antisportivi.

  • vincenzo torelli – podisti cava picentini costa d’

    Tutto molto bello, organizzazione, percorso, accoglienza, complimenti. Una richiesta al caro Marco Cascone che se pure non ci conosce tutti ( i podisti) è diventato persona di famiglia per ognuno, dove posso trovare la classifica ?

  • Romualdo Barbato m.club frattese.

    Al sig. Savino, concordo con il GRANDE MARCO, la gara era regionale , ed io al suo atleta lo lasciato andare via perche’ sapevo che tanto non rientrava in classifica essendo gara regionale.Ciao

  • “Michele Campolattano “Road Runners Maddaloni”

    Ti ringrazio per i complimenti Vincenzo ,auguro al vostro team gli stessi successi che i “Road Runners”hanno ottenuto in questi anni, grazie anche al vs apporto.Saluti a tutto il gruppo.

  • “Michele Campolattano “Road Runners Maddaloni”

    Ti ringrazio per i complimenti Vincenzo ,auguro al vostro team gli stessi successi che i “Road Runners”hanno ottenuto in questi anni, grazie anche al vs apporto.Saluti a tutto il gruppo.

  • Carlo Giusti – Terme di nerone

    Scusate, dove è possibile vedere le classifiche della gara di Sorrento? Grazie

  • asd paeninsula

    non avrei voluto dare chiarimenti, ma visto che Marco Russo vuole sapere qualcosa in più, e che sicuramente oltre lui anche altri vogliono conoscere come sono andate le cose forse è meglio chiudere la cosa in modo lapidale.
    Il Sig. Dibenedetto Giuseppe al quale vanno tutti i nostri complimenti e la nostra ammirazione, così come la diamo a tutti gli atleti che al di là della classifica ci onorano di partecipare alla Collinando, si è iscritto con un fax al quale non siamo riusciti a contattarlo. per tanto all’atto del ritiro pettorale è stato messo a conoscenza del fatto che egli non potesse gareggiare, tanto è vero che ha gareggiato solo col pettorale, ma senza il talloncino con la preghiera di non tagliarel’arrivo, ma il Sig. non solo ha attraversato l’arrivo, ma alla richiesta dei giudici del mancato talloncino ha fatto intendere di averlo perso per cui i giudici lo hanno appuntato, arrecando in tal modo anche una serie di equivoci nella classifica. stop.
    Faccio ancora i complimenti al Sig Dibenedetto che sicuramente è forte e diverrà un bravo sportivo, ma sappi che non si è sportivi solo nelle gambe ma prima nell’animo, e lui sicuramente lo è perchè alle dimostranze del suo accompagnatore ho letto sul suo volto una sorta di imbarazzo.
    Mi sono dilungato troppo e scusatemi. Voglio solo dire grazie a quanti ogni anno sempre più numerosi riconfermano la loro presenza alla Collinando SIETE GRANDI
    Enrico D’Errico

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>