Maratone e altro slide — 20 novembre 2013

Saranno 11.172 gli iscritti alla Firenze Marathon edizione del trentennale che si correrà domenica per le vie della città con partenza alle 9.15 dal lungarno della Zecca Vecchia e arrivo in Piazza Santa Croce. Le iscrizioni sono chiuse. I numeri sono da record: non solo è stato superato il record di sempre di 10.186 dell’edizione 2010 ma per la prima volta superata la soglia degli undicimila, il che conferma Firenze la seconda maratona d’Italia per partecipanti e insidia anche la prima, quella di Roma, per numero di arrivati al traguardo. Difficile ma teoricamente non impossibile: in quella della capitale infatti quest’anno hanno concluso in 10.667. Se non ci saranno troppe rinunce dell’ultimo momento e poche defezioni o ritiri durante la gara, Firenze potrebbe anche scrivere una pagina storica per il podismo. Di certo già essere arrivati a queste cifre è motivo di soddisfazione per il presidente del Comitato organizzatore Giancarlo Romiti e per tutto il suo staff, compresi i 1700 volontari impiegati lungo il percorso e al Marathon Expo che sono parte integrante e fondamentale dell’organizzazione. Numeri in crescita quelli di Firenze: da 8.629 iscritti di due anni fa, ai 9.673 dello scorso anno.

Nel dettaglio i numeri di quest’anno sono i seguenti. 8.435 italiani, 2.737 stranieri; 9346 uomini, 1826 donne.

ECCO I TOP RUNNERS DELL’EVENTO
“La nostra scelta quest’anno è stata quella di schierare sulla linea di partenza un gruppo di atleti in grado di abbassare il record della gara maschile (2:08’40”) e femminile (2:28’15”) – spiega Fulvio Massini, direttore tecnico e responsabile atleti élite della Firenze Marathon -. Non abbiamo chiamato a Firenze un gran numero di atleti, ma abbiamo cercato di individuare un giusto numero in grado di correre forte. Sarebbe stato bello avere più atleti italiani, ma in questo momento ce ne sono davvero troppo pochi”.

 

Fra gli uomini il favorito appare il keniano John Kiprotic atleta che vanta un personale di 2:07’08” ottenuto nel 2011 ad Amsterdam. Occhio anche all’esordiente sulla distanza Limo Kiprop, giovane keniota si presenta con un primato personale di 59’56” fatto alla Roma-Ostia e già vincente alla Stramilano, quindi potenzialmente molto forte.

“Sia Kiprop che Kiprotich – continua Massini – fanno parte della scuderia di Gianni Demadonna, ex grande maratoneta italiano e ora manager di altissimo livello, persona molto professionale che invia alla gare solo atleti in grado di correre forte. Del gruppo Demadonna fa parte anche l’ucraino dal nome impronunciabile Oleksandr Sitkovsky. Sarà lui forte del suo personal best di 2:09′ 56” l’uomo bianco che proverà a dare filo da torcere agli africani”.

 

Troviamo poi Geoffrey Gikuni Ndungu, keniota, che fa parte del gruppo austriaco Runtogheter che ha un personale di 2:08’33” ottenuto nella non facile maratona di Dublino. Il ragazzo da molti mesi si sta preparando per correre la maratona di Firenze e confidiamo in lui per un grande risultato. Dall’Etiopia arriveranno Tafery Wodajo Kuri e Negash Abebe Duks: il primo ha un primato personale di 2:07’45” fatto ad Amsterdam nel 2009 ed è dato dal suo manager Welley Amare in grande forma.

GLI ITALIANI
Fra gli italiani atleta di punta sarà Francesco Bona, già settimo a Firenze nel 2011, alla sua prima maratona dopo l’operazione al tendine di Achille in gara non certo per fare una gita turistica ma per ottenere il suo personal best che lo proietterebbe nel giro della nazionale e per gli Europei del 2014 a Zurigo. Torna anche Massimo Leonardi primo degli italiani nel 2012 qui a Firenze.

LA GARA FEMMINILE

Tra le donne Abeba Teklu, Gebremskel, Lemelem Berhe, Yachem e Nedi Tadelech Bekele sono i nomi delle tre atlete etiopi che saranno le protagoniste della gara femminile. Hanane Janat, per il terzo anno consecutivo a Firenze (seconda nelle due passate edizioni), appare in grado di correre forte. Il pacer imposterà un ritmo di 3’30” km che prevede un passaggio alla mezza in 1:13’50” con una proiezione di 2:27’41”.

LE ITALIANE

Tra le italiane si segnalano Anna Spagnoli dell’Edera Forlì e Barbara Cimarrusti dell’Atletica Futura Figline, rispettivamente prima (in 2:58’36”) e terza (in 3’02”40”) all’ultima maratona del Mugello, notoriamente una gara non facile anche per il profilo altimetrico, ma per la Spagnoli, allenata da Luca Panichi – come ha confermato in alcune dichiarazioni successive – si trattava solo di un “lunghissimo”, un allenamento sulla lunga distanza (ha infatti proseguito dopo il traguardo), mentre il suo vero debutto in maratona coinciderà proprio con la gara fiorentina.

PREMI
 Sia il vincitore che la vincitrice avranno un premio di 10.000 euro.

Ufficio Stampa Firenze Marathon

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>