Atletica News — 18 luglio 2011

Padova 17.07.11) Vive a Padova, sogna il mondo. Nella città che l’ha adottata, Yusneysi Santiusti ha fatto un altro passo verso l’élite internazionale degli 800 metri. La cubana di Assindustria Sport è stata una delle note più interessanti di una serata che ha rinnovato il feeling tra Padova e la grande atletica. Yusneysi, ormai, si muove in una dimensione diversa dal passato e allo stadio Euganeo, dominando gli 800 in 1’58’91, personale migliorato di 9 centesimi, ha confermato di essere un’atleta in grande crescita. Meritevole, in teoria, della finale iridata, se non di più. Anche se Daegu, con Cuba lontana e ancora senza la cittadinanza italiana, per la Santiusti resterà, con ogni probabilità, un miraggio.
«Ai Mondiali non penso – ha detto la cubana -. Questa sera volevo il personale e sono contenta di averlo ottenuto nella città che mi adottato. Non è stato facile: il vento mi ha dato parecchio fastidio». Oscar Pistorius, un’altra delle stelle più attese della serata, ha agguantato per un soffio il terzo gradino del podio nei 400, rimanendo però lontano, con 46’65, dall’obiettivo del minimo iridato (45’21). Ci riproverà martedì a Lignano Sabbiadoro.
Assente l’olimpionico statunitense Neville, la vittoria è andata al giamaicano Spence con 46’34. L’isola caraibica, patria di Usain Bolt, l’uomo più veloce del pianeta, ha fatto tripletta nei 100, dove Nesta Carter, con 10’10, nonostante il vento a sfavore (1.6), ha eguagliato il record del Meeting detenuto dal 2002 dallo statunitense Miller. Alle sue spalle, i connazionali Frater (10’31) e Harvey (10’35).
Il vento che, soffiando trasversale, ha disturbato gli astisti (vittoria, con 5.40, del messicano Lanaro, con lo statunitense Walker senza salti validi) e inficiato, sotto il profilo statistico, il lungo femminile (successo della statunitense Glenn con 6.69 e brezza a +2.6), è improvvisamente calato, quando sui blocchi sono andati gli atleti dei 110 ostacoli, una delle gare tecnicamente più interessanti per la presenza del campione olimpico, Dayron Robles. Il cubano, poco brillante in partenza, ha superato gli avversari sull’ultima barriera, chiudendo in 13’26, un soffio davanti allo statunitense Akins (13’30).
Virgilijus Alekna ha nobilitato, infine, la gara di disco, svoltasi nel pomeriggio allo stadio Colbachini. Il bronzo olimpico di Pechino ha lanciato a 67.05, avvicinando il primato stagionale (67.88 quattro giorni fa a Réthimno) che vale anche il terzo posto nelle graduatorie mondiali dell’anno. Miglior azzurro, il poliziotto Di Marco (59.52). E, a proposito di azzurri, la serata non è stata positiva per un paio di big azzurri, l’astista Gibilisco (tre errori sulla misura d’entrata a 5.30) e la mezzofondista Cusma, ritiratasi («Non era giornata») negli 800.
I risultati. UOMINI. 100 (v. – 1.6 m/s): 1. Nesta Carter (Jam) 10’10, 2. Michael Frater (Jam) 10’31, 3. Jacques Harvey (Jam) 10’35, 4. Marc Burns (Tri) 10’38, 5. Rytis Sakalauskas (Ltu) 10’44, 6. Aaron Rouge-Serret (Aus) 10’48, 7. Fabio Cerutti (Ita) 10’61, 8. Ryan Moseley (Aut) 11’04. 400: 1. Lansford Spence (Jam) 46’34, 2. Martyn Rooney (Gbr) 46’36, 3. Oscar Pistorius (Rsa) 46’65, 4. Jamall Torrance (Usa) 46’68, 5. Calvin Smith (Usa) 47’35, 6. Bereket Desta (Eth) 47’39, 7. Young Talkmore Nyongani (Zim) 48’12. 800: 1. Khavedis Robinson (Usa) 1’46’74, 2. Lachlan Renshaw (Aus) 1’47’28, 3. David Torrence (Usa) 1’47’63, 4. Matthew Centrowitz (Usa) 1’47’77, 5. Eliud K. Rutto (Ken) 1’47’89, 6. Dmitrijs Jurkevics (Lat) 1’47’98, 7. Mark Wieczorek (Usa) 1’48’30, 8. Lukas Rifesser (Ita) 1’48’40. 110 hs (-0.5): 1. Dayron Robles (Cub) 13’26, 2. Tyrone Akins (Usa) 13’30, 3. Joel Brown (Usa) 13’31, 4. Dexter Faulk (Usa) 13’35, 5. William Sharman (Gbr) 13’63, 6. Emanuele Abate (Ita) 13’67, 7. Orlando Ortega (Cub) 13’68, 8. Stefano Tedesco (Ita) 13’96. Asta: 1. Giovanni Lanaro (Mex) 5.40, 2. Bjorn Otto (Ger) 5.00, 3. Marco Boni (Ita) 5.00. Disco (stadio Colbachini): 1. Virgilijus Alekna (Ltu) 67.05, 2. Mart Israel (Est) 65.35, 3. Mohammad Samini (Iri) 63.71, 4. Ian Waltz (Usa) 60.73, 5. Lance Brooks (Usa) 60.09, 6. Nazzareno Di Marco (Ita) 59.52, 7. Federico Apolloni (Ita) 58.25, 8. Marco Zitelli (Ita) 55.94, 9. Daniel Compagno (Ita) 47.96. 100 under 23 (-1.4): 1. Enrico Cioli (Ita) 11’12, 2. Paolo Castellini (Ita) 11’16, 3. Riccardo Marcato (Ita) 11’27, 4. Tiziano Cecchetti 11’36, 5. Alberto Tonin (Ita) 11’42, 6. Chek Hamed Minougou (Bur) 11’55, 7. Jacopo Scotti Ferri (Ita) 11’63.

DONNE. 200 (-0.8): 1. Kerron Stewart (Jam) 23’04, 2. Anneisha McLaughlin (Jam) 23’16, 3. Joanna Atkins (Usa) 23’26, 4. Sherone Simpson (Jam) 23’29, 5. Jessica Beard (Usa) 23’33, 6. Lauryn Williams (Usa) 23’36, 7. Udochi J. Ekeh (Ngr) 24’66. 800: 1. Yusneysi Santiusti (Cub) 1’58’91, 2. Yuliya Tutayeva (Rus) 2’00’00, 3. Molly Beckwith (Usa) 2’00’07, 4. Phoebe Wright (Usa) 2’00’20, 5. Emma Jackson (Gbr) 2’00’26, 6. Erica Moore (Usa) 2’01’09, 7. Fantu Magiso (Eth) 2’01’53, Jenni Simpson Barringer (Usa) 2’01’98. 1500: 1. Alice Schmidt (Usa) 4’08’09, 2. Clement Moser Treniere (Usa) 4’09’04, 3. Malindi Emore (Can) 4’09’71, 4. Gabrielle Anderson (Usa) 4’10’15, 5. Brianna Felnagle (Usa) 4’10’48, 6. Lucy Van Dalen (Nzl) 4’11’59, 7. Katie Follet (Usa) 4’11’95, 8. Ether Kampf (Usa) 4’12’09, 9. Judit Varga (Ita) 4’17’50. 100 hs (-1.3): 1. Nia Ali (Usa) 12’98, 2. Yvette Lewis (Usa) 13’09, 3. Loreal Smith (Usa) 13’11, 4. Marzia Caravelli (Ita) 13’22, 5. Brigitte Foster-Hylton (Jam) 13’29, 6. Tiki James (Usa) 13’40, 7. Lauren Smith (Usa) 14’01, 8. Claudia Viljoen (Rsa) 14’48. Lungo: 1. Brianna Glenn (Usa) 6.69 (+2.6), 2. Lauma Griva (Lat) 6.62 (+2.4), 3. Teresa Dobija (Pol) 6.62 (+1.6), 4. Funmi Jimoh (Usa) 6.58 (+3.1), 5. Viorica Tigau (Rom) 6.54 (+4.6), 6. Tania Vicenzino (Ita) 6.43 (+2.3), 7. Jana Veldakova (Svk) 6.41 (+1.8), 8. Irene Pusterla (Swi) 6.35 (+1.5). 100 under 23 (-1.3): 1. Udochi J. Ekeh (Ngr) 12’00, 2. Jennifer C. Olekibe (Ngr) 12’31, 3. Valentina Palezza (Ita) 12’38, 4. Anita Pezzolo (Ita) 12’49, 5. Giulia Riva (Ita) 12’60, 6. Sara Gaibotti (Ita) 12’95.

Autore: Assindustria Sport Padova

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>