Cronaca slide TuttoCampania — 30 agosto 2015

sant'agata 2015Spettacolo a Sant’Agata de Goti. La bellezza del comune Beneventano, unita sinergicamente allo spettacolo della bella corsa su Strada, ed ecco che tutto si esalta, tutto viene vissuto alla massima espressione. Se ne è accorto il pubblico (numeroso e caloroso) e se ne sono accorti gli atleti, selezionati e ospiti dell’organizzazione. Una serata magica, persino più bella e coinvolgente di quella dello scorso anno, quando cioè la Sant’Agata Top Run era alla sua prima volta, alla sua prima edizione. Ottimo lavoro organizzativo (come sempre) di Alessandro de Lucia e dei suoi splendidi collaboratori.

Gara

In campo maschile è stata una lunga e appassionata volata di 9.100 metri (5 giri da 1.820 metri) tra i tre assoluti protagonisti: Antonello Landi (tutto proiettato a difendere la sua leadership dello scorso anno), Giuseppe Soprano (sempre temibile, ancor più su tracciati non facili come quelle Sant’Agatese) e la New Entry per questa gara: Hajjaj el Jebli, Atleti Marcianise. Terzetto passato compatto al primo giro (sul piede dei 3’05” a km), per poi vedere Antonello Landi (New Atl. Afragola) mettere luce tra se e i due colleghi di fuga. Una trentina di metri che sono poi rimasti tali, fino alla fine. Vittoria confermata per Antonello, con gran confronto tra Soprano ed El Jebli per la seconda piazza. E’ nel corso del terza tornata che El Jebli riesce a mettere quei 20 metri di differenza tra se e il giovane talento del team di Angelo Garofalo, 20 metri che lo hanno portato sul secondo gradino del podio, con un 3’13” di media a sintesi del suo valore. Terza posizione per Soprano, a rappresentare il Movimento Sportivo Bartolo Longo. Quarta e quinta posizione per Hamid Kadiri e Gennaro Varrella. A seguire: Kodom Solomon, Marco Piccolo, Antonello Sateriale, Antonio Fioccola e Giovanni Langella.

Gara femminile con una Siham Laaraichi così come non vedevo da un po’. Grintosa, mai doma, capace di tenere testa alla Ben Lafkir (poi ritiratasi) e di andare a vincere su una media proibitiva anche per molti dei selezionati maschietti al via. La ragazza di origine Marocchina (che corre per il team il Laghetto) ha gestito alla grande, ha vinto in 29’28” (media 3’38”) e ha confermato che questo autunno dovranno tutte vedersela con lei. Bella gara per Alessia Amore (Isaura). Alessia, da poco tornata da una fase di preparazione a st. Moritz, è apparsa subito al meglio, ed il meglio lo ha poi dato in gara: seconda posizione per lei, con un 3’51” di media finale che, su quel tracciato, lascia poco spazio ai dubbi: Alessia va forte. Terza all’arrivo (qualche problemino di disidratazione nel post gara per lei) Fatima Moaaouyah, 3’57” di media al traguardo. Quarta e quinta posizione per le due giovani ragazze campane: Martina Amodio (bella la sua gestione di gara, con un 30’51” di chiusura sui 7.300 metri dei quattro giri gara) e Grazia Razzano (31’08”, per un time che dice che la ragazza è di nuovo cronometricamente in ascesa). Sesta al’arrivo Graziella Motolo, Caivano Runners.

Sì, davvero spettacolare la gara di Sant’Agata de Goti. A conferma che i grandi numeri non fanno da soli una gara e che, quando gli ingredienti organizzativi sono ben amalgamati (e le idee pure) la corsa su strada può donare grandissimo spettacolo, anche quando al via ci sono non molti (ma selezionati) atleti.

Marco Cascone.Marco Cascone

 

Share

About Author

Cascone

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>