TuttoCampania — 15 marzo 2016

san giuseppe umberto 2016Come ogni anno San Giuseppe Vesuviano, la seconda domenica di marzo, si veste a festa per dedicare una giornata alla solidarietà, per aiutare chi è caduto vittima di quella piaga sociale che è la DROGA.

Quale migliore occasione se non una giornata di sport e di festa per coniugare egregiamente i due eventi.

Il “Trofeo della solidarietà”, giunto oggi alla sua XV edizione, vanta anni di dedizione, amore e condivisione da parte di associazioni, podisti, comunità e cittadini che, uniti, hanno detto “NO ALLA DROGA”.

Come spesso è accaduto nelle ultime settimane, anche per il 13 marzo le previsioni meteo non promettevano niente di buono.

Infatti al nostro risveglio ci siamo accorti che nere e piovose minacce incombevano su San Giuseppe.

Ma si sa anche che “Marzo è pazzo…” come recita un famoso proverbio, e può riservare sorprese anche dell’ultim’ora. Cosicché, il grande popolo di podisti, unito in un’unica preghiera, ha desiderato fortemente che l’ago della bilancia pendesse dalla parte del sole.

E così è stato per fortuna!

Infatti, dopo un brevissimo accenno di pioggiae sporadiche goccioline, le nuvole si sono diradate velocemente, lasciando anche intravedere qualche timido raggio di sole.

Questo ci ha permesso di correre all’asciutto e di godere appieno di una bellissima domenica di festa e di sport.

Poco prima delle 8,00 del mattino piazza Garibaldi è già stracolma di auto, atleti e addetti ai lavori, che si apprestano affannosamente a prepararsi all’evento, ognuno impegnato nel proprio ruolo.

Alle 9.00 tutto è pronto e i podisti, ordinati e disciplinati, si dispongono alle spalle dell’arco e nelle apposite griglie di partenza. Il bravo Marco Cascone, sempre presente e sensibile a questa nobile causa, sancisce lo start, rischiando quasi, nonostante anni di esperienza, di venire travolto dall’esuberanza degli atleti.

Due ali di folla festante accompagnano e acclamano i podisti che invadono San Giuseppe in un’esplosione di colori e allegria.

Il passaggio per la piazza al 4° km esalta gli animi, non lascia mai soli pubblico e tifosi che non hanno il tempo di annoiarsi e riposare, impegnati ad acclamare ed incitare gli atleti ininterrottamente.

Neanche il tempo di aspettare il transito della coda della corsa, che già si annuncia l’arrivo dei primi.

Ed è una festa nella festa grazie alle  emozioni che riescono a regalarci i testa a testa sia in campo maschile tra Sateriale e Varrella, che in campo femminile tra la forte veterana Vanacore e la giovane emergente Amodio, entrambi risolti negli ultimi metri per una manciata di secondi. Grande podio quindi per i maschietti :Sateriale, Varrella, Barretta.

Altrettanto grande podio femminile :Vanacore, Amodio, Razzano.

E non finisce qui, perché la durezza del tracciato non impedisce agli atleti di regalarci altre emozioni anche nelle retrovie, a beneficio del pubblico presente e dello spettacolo.

Grande successo per un evento che l’organizzazione, i volontari e le forze dell’ordine hanno gestito magistralmente.

Una festa che ha assuntooggi un valore ancora più grande perché il risultato porterà un sorriso e un aiuto a chi ne ha davvero bisogno.

Grazie a tutti e arrivederci alla XVI “Maratonina della solidarietà”!

marilisa carrano

Marilisa Carrano per Podistidoc.

 

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>