Curiosita slide — 09 gennaio 2016

pacco garaMi è arrivata una richiesta a dir poco atipica, decisamente speciale. Mi è stata chiesta un’intervista o, per meglio dire, una precisazione. Ve la propongo, lasciando parlare l’interessato.

———————————————————————————–

Ciao a tutti: sono il pacco gara.

Dai, non storcete il naso: mi conoscete tutti, sapete bene chi sono e come sono fatto! Sì, a volte mi presento in maniera molto economica (una busta di plastica e via) ma a volte mi propongono in versione quartieri alti: magari un sacchetto sportivo. Comunque sia, lo so che mi conoscete bene. Alcuni di voi mi trattano come è giusto che sia: dandomi il giusto peso, prendendomi quale riferimento di presenza e non oltre. Altri, purtroppo tanti, sembrano quasi che con me istaurino un rapporto conflittuale: mi devastano, frugano dappertutto, manca solo la bava alla bocca e raggiungerebbero il top. Mi usano modello supermercato: rovistano, cercano, si gratificano in ragione del mio peso, quasi fosse direttamente proporzionale al riconoscimento della loro importanza (io invece direi delle loro frustrazioni). Vi dico la verità: sono stufo di questi ultimi. Di questi finti sportivi, degradati e degradanti, che fanno finta di essere atleti, ma che dall’essere sportivi sono lontani anni luce. Li vedi illuminarsi se dentro me gli organizzatori mettono tanta roba (magari anche inutile, ma tanta) e invece diventano verdi di rabbia se ci trovano poco, non trovano il peso della loro “straordinaria presenza”. Rovistano, frugano, devastano…!

Potrebbero trovare qualsiasi cosa in me, ma quello che questi personaggi mai troveranno è la cosa più importante: il piacere della semplicità, del gusto dello stare con gli altri, del correre nel piacere del correre e del confronto.

Per fortuna che ci sono anche degli eletti (non tantissimi, ma ci sono): quelli cioè che mi ritirano con eleganza, mi adagiano in macchina e poi magari, a casa, mi svuotano quasi nella sobria e bella indifferenza. Quella quasi indifferenza naturale di chi sa di aver vissuto una bella domenica di sport, e non di certo di chi è andato al supermercato, aperto dalle prime luci dell’alba.

Ecco, ci tenevo a dirti questo Marco. Saluto tutti e spero tanto tu pubblichi la cosa.

p.s. Scusa marco, un’ultima cosa:

ora che ci penso, visti alcuni personaggi, mi viene un dubbio:  : ma sono davvero io il “pacco”?

———————————————————————————–

 

Marco CasconeMarco Cascone

 

 

Share

About Author

Cascone

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>