Cronaca — 09 novembre 2009

Una giornata soleggiata dopo un periodo di pioggia ha caratterizzato la 24.a edizione della Salento Half Marathon. 1000 gli atleti al via che hanno ‘sfilato’ per le strade di Collepasso e le strade della campagna attorno al paese quasi sommersi dalla folla sparsa lungo i 21 Km di percorso.


Delle magnifiche impressioni‘ commenta a termine della gara il Presidente della Saracenatletica Roberto Perrone, ‘condite da una splendida giornata e da un pubblico fantastico che ha accompagnato le fatiche dei podisti in gara. La Salento Half Marathon si è riconfermata una gara importante, e questo è sottolineato dalla presenza di atleti provenienti da quasi tutte le regioni italiane. Un folto numero di atleti che, probabilmente, ci porterà il prossimo anno ad eliminare il numero chiuso di iscrizioni, viste anche le richieste che non abbiamo potuto accogliere a causa della limitazione delle partecipazioni. Un ringraziamento a tutti coloro che hanno contribuito, in maniera del tutto volontaria, alla realizzazione dell’evento e un arrivederci a tutti per le ‘nozze d’argento’ della Salento Half Marathon‘.


Sul piano tecnico la gara si è caratterizzata dal predominio dell’atleta marocchino Zaid Issam (Polisportiva Rocco Scotellaro) che già dai primi metri ha fatto il vuoto. Zaid Issam ha fatto una gara a se cercando di battere il record della Salento Half Marathon di 1h5’20”  e ci è andato abbastanza vicino con il tempo di 1h5’58” probabilmente frutto di una gara fatta in solitario e con pochi stimoli visto che il secondo classificato aveva un distacco di 7 minuti e 24 secondi. ‘Sono partito con l’obiettivo di battere il mio personale di 1h03’52” ma dopo il primo giro pensavo di essere a metà gara invece ero già all’undicesimo chilometro.‘ ci dice Zaid ‘Pertanto ho gestito rallentando il tratto centrale pensando di arrivare facilmente al record. Quando ho avuto dal mio tecnico il giusto chilometraggio ho provato a recuperare con tratti corsi a 2’50” ma non sono riuscito a recuperare quanto lasciato in precedenza. Peccato perché avrei potuto fare record della gara e avvicinare il mio personale, ma, vista la bellezza della Salento Half Marathon e del suo percorso ci riproverò sicuramente il prossimo anno.‘ .


Al secondo posto si classifica con un tempo di 1h13’22” l’atleta dell’Esercito 10° Reg, di Bari Ivano Musardo e al terzo posto con un tempo di 1h16’01” Giovanni Chiriatti della Società Grecia Salentina Martano.


Più combattuta la gare delle donne che si apre con il ritiro per problemi fisici dell’atleta marocchina Labani Soumiya data per favorita con un personale di 1h13’15”. Tre le atlete che fino a pochi km dall’arrivo si sono combattute fianco a fianco ma lo sprint negli ultimi 3 chilometri ha permesso a Daniela Hajnal (Podistica Parabita) di conquistare, con un tempo di 1h29’54”, la 24.a edizione della Salento Half Marathon. Felice per la vittoria la Hajnal ‘Una giornata per me importante. Il bel tempo e il caratteristico percorso rendono la Salento Half Marathon una gara unica, spero continui a crescere anno dopo anno. Intanto mi godo questa vittoria che per il grosso valore delle altre atlete acquista un sapore speciale.


Seconda con il tempo di 1h30’55” Alessandra Turi dell’Atletica Salentina Lecce, mentre al terzo posto con il tempo di 1h31’37” Aurora Ferrarese dell’Atletica Trifase.


 

Autore: Vincenzo Longo

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>