Cronaca — 22 maggio 2011

Jesolo, 21 maggio 2011 Ruggero Pertile mette la firma sulla 1° Moonlight Half Marathon. Il maratoneta padovano si è aggiudicato al fotofinish, questa sera, la prima edizione della nuova mezza maratona veneziana, partita da Cavallino Treporti e giunta in Piazza Mazzini, a Jesolo. Il maratoneta padovano ha strappato la vittoria sul traguardo al marocchino Issan Zaid e al keniano Mark Bett Kipkinyor al termine di una spettacolare volata. Per tutti e tre, il crono è stato di 1h07’17”. Poco distante da loro, quarto e’ giunto il keniano Isaack Kiprotich (1h07’40”) e quinto il marocchino naturalizzato italiano Said Boudalia (1h08’44”).

In campo femminile, netta vittoria della marocchina Meryem Lamachi del Running Club Futura che si è imposta su Marcella Mancini con il tempo di 1h16’28”. Gara generosa quella della campionessa italiana in carica di maratona, che ha cercato di stare attaccata alla Lamachi, ma ha pagato un passaggio troppo veloce al 10° km, terminando alla fine in 1h19’27”. Al terzo posto è giunta la svizzera Cristina D’Ignazio con il tempo di 1h29’48”.

Soddisfazione, dunque, per il padovano Pertile, che ha entusiasmato il pubblico di casa con una splendida volata sul lungo rettilineo finale di Jesolo: “E’ una grande soddisfazione riuscire ad arrivare davanti ad un grande campione come Bett – ha dichiarato il portacolori dell’Assindustria Padova- purtroppo il vento contrario nel primo tratto del percorso e il gran caldo di questa sera non hanno permesso di andare forte, ma vincere in casa fa sempre piacere”.

Grande soddisfazione anche per il Venicemarathon Club, la Città di Jesolo ed il Comune di Cavallino Treporti, gli organizzatori di questa nuova mezza veneziana che questa sera hanno assistito ad una prima di successo. ” La scommessa è stata vinta – comenta il Presidente del Venicemarathon Club Piero Rosa Salva – sia dal punto di vista organizzativo che numerico. Il percorso è adeguato per far divenatare questa mezza maratona una grande classica. La formula è giusta e il gradimento riscontrato questa sera da parte di atleti, pubblico e soprattutto dalle istituzioni ci da’ un’ulteriore spinta”.

Entusiasti dell’iniziativa anche il Sindaco di Jesolo, Francesco Calzavara ,e quello di Cavallino Treporti, Claudio Orazio, che hanno premiato il podio della manifestazione.
Una Piazza Mazzini gremita ed entusiasta ha accolto non solo la spettacolare volata della gara maschile, ma anche l’arrivo di tutti i i 2585 atleti che hanno portato a termine la Moonlight Half Marathon. La serata è stata inoltre animata dai diversi gruppi musicali che hanno intrattenuto il pubblico prima, durante e dopo l’arrivo dei conconrrenti. Ad applaudire i compagno di squadra Pertile c’era tra l’altro la maratoneta azzurra Giovanna Volpato. Tra gli arrivati, anche Lorenzo Lo Preiato, il maratoneta con 6 by pass che, con molta soddisfazione, ha chiuso la gara con il personale di 1h56’32.

Ha vinto il premio di società più numerosa la Polisportiva Biancazzura Pettinelli, seguta dal Brema Running Team e terzi, a pari merito, la società Percorrere il Sile e il Venicemarathon Club. Riconoscimenti anche per la Scuola di Maratona Vittorio Veneto, l’Atletica Chirignano e la Essetre Running.

Autore: cs

Share

About Author

Peluso

  • perini massimo

    A jesolo ho partecipato pure io , bella corsa con un bel panorama mozza fiato , tanti partecipanti tutti entusiasti , però se devo fare una critica è riguardo alle 3 ore rimasti nella zona di partenza , mi spiego , ritiro pettorali entro le 16.00 , fatto , mi assegnano il bus delle 16.30 e alle 17.00 ero già nel punto di ritrovo per la partenza della gara , siamo rimasti li all’ombra dei bar x 3 ore , forse un po troppe , sarebbe opportuno per il prossimo anno consegnare il pettorale ad un ora piu consona all’ inizio della gara ( compreso il trasporto ) , saluti ed arrivederci al prossimo anno !!!!

  • Arcangelo Aremani, Atletica I Pini Crispano (Na)

    Tutto bello, il panorama, l’arrivo sul sul viale davanti a tantissime persone, ma secondo me da evitare il tratto sul lungomare perche’ stretto, il fondo sconnesso e pericoloso nel tratto dei due cambi di direzione tra il 19° e 20° km. a parte cio’ un plauso all’organizzazione per tutti i servizi offerti agli atleti in particolare l’ingresso alle gabbie di appartenenza, saluti a tutti ed arrivederci alla prossima edizione !!!!

  • morelli daniela san marco cantu como

    una mezza ben organizzata ma non avevo dubbi quando c e di mezzo la regione veneto solo due piccole cose a sfavore se avesse piovuto zona di partenza priva di riparo e consegna chip davvero caotica . comunque grazie e arrivederci all anno prossimo

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>