Cronaca — 05 febbraio 2008

Ruggero Pertile l’aveva dichiarato alla vigilia: «Avrei affrontato questa gara come un test da correre a buon ritmo, fermandomi dopo 26 o 28 chilometri». Così è stato. Il portacolori di Assidustria Sport, al via della maratona di Beppu-Oita, nel sud del Giappone, è rimasto nel gruppo di testa sino al ventottesimo chilometro, con un passaggio al venticinquesimo di un’ora 16’57”, (un’ora 01’16” al ventesimo), rilievo cronometrico che dà una proiezione vicina alle due ore e 10′ sull’intera distanza di gara. Insomma, proprio quello che «Rero», ora atteso dalla maratonina Roma-Ostia del 24 febbraio, voleva. Per la cronaca, la corsa su strada giapponese è stata poi vinta dal debuttante Tomoya Adachi.

Anche in questo fine settimana sono stati numerosi gli impegni della società gialloblù. Andrea Sorgato ha chiuso al tredicesimo posto la Cinque Mulini, classicissima della corsa campestre italiana: un risultato che vale molto, perché Andrea ha tagliato il traguardo della gara milanese al terzo posto tra gli italiani al via, primo tra i non iscritti a un gruppo sportivo militare. Restiamo alle campestri. Dopo la terza prova dei campionati veneti di cross, di scena a Giavera del Montello, nel Trevigiano, Assindustria continua a dominare la classifica di società femminile, quando manca una sola tappa al termine della manifestazione, quella in programma il 2 marzo a Curtarolo. A livello individuale, da segnalare il terzo posto di Chiara Toffoli, il quarto di Maura Pelizzari e il quinto di Grazia Tison nei 3 chilometri del cross corto femminile  (13’17”, 13’28”, 13’39” i loro tempi), la vittoria di Roberta Casson tra le Juniores (13’45”), il secondo posto di Alessia Titon tra le Allieve (13’47”) e il successo di Maria Eugenia Tosetto nei 4 chilometri della prova Master MF50.

Nel resoconto settimanale finiscono anche il secondo posto di Beatrice Basaldella nei campionati regionale Under 18 di Padova, con 2.40 metri nel salto con l’asta, la vittoria dello sprinter Enrico Pra’ Floriani, senza rivali nei 60 piani a Modena, in una gara che gli ha fruttato anche il minimo di partecipazioni ai campionati italiani Assoluti (6″93) e la bella prova offerta nel meeting di Ancona da Mattia Picello e Francesco Rizzotti. Il primo ha vinto i 1000, bloccando il cronometro dopo 2’26″76, quattordicesima prestazione italiana all-time indoor nella categoria Promesse, il secondo ha chiuso al terzo posto in 2’32″94. Due risultati che lasciano ben sperare in vista dei Tricolori di categoria in cartellone tra sabato e domenica proprio nel capoluogo marchigiano.

Autore: Assindustria Sport Padova

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>