Cronaca — 23 marzo 2009

Clicca per l'immagine full sizeRoma: un giorno da… PACEMAKER Tre anni fa mia moglie volle festeggiare i 50 anni facendo la sua prima maratona e decidemmo di andare a Roma. Mi chiese di accompagnarla e così chiudemmo in 3 ore e 59′ con un’emozione che non avevo mai provato prima. Da allora si è insinuato in me questo ‘virus’ e, finalmente, quest’anno mi è stata data l’opportunità di fare il pacemaker a Roma per le 4 ore e 15′. Già alla partenza tanti mi si stringevano intorno quasi in cerca di una parola di conforto, di incoraggiamento e nell’aria già si sentiva una sottile tensione di chi spera di ottenere il massimo dal proprio fisico, dal proprio ‘io’. Si parte, anzi si cammina fino a raggiungere la linea di partenza in circa 2′, che sommati a quelli che si perdono nei primi Km dovranno essere recuperati gradatamente lungo il percorso. Calmi, stiamo calmi perchè l’ansia è tanta, la voglia di andare ti assale, ti prende e si fatica tanto a tranquillizzare tutti ad aspettare, a risparmiare energie che più avanti saranno preziose. Al 15° Km sento chiamare ‘angelo’, mi giro, vedo Castel Sant’Angelo, poi capisco che si rivolgeva a me e con un fremito capisco quanto sia importante il compito che ho, non devo tradire le aspettative di chi è con me e, così vado avanti cercando di rispettare il più possibile i passaggi. Arriviamo alla mezza maratona in 2 ore e 10′, dobbiamo limare ancora qualche secondo, e così dal 30° Km, approfittando di un lungo tratto in discesa, recuperiamo qualche secondo e in 7-8 Km ci portiamo in linea con il tempo finale. Mancano pochi chilometri alla fine, è il momento più duro, dopo fontana di Trevi una piccola salitella con relativa strettoia induce a un rallentamento e grande è la voglia di camminare, di smettere di correre, mi avvicino a qualcuno in difficoltà che, esausto, ha gettato la spugna ed è incredibile vederlo riprendere dopo una parola di incoraggiamento. Siamo all’ultimo Km, cerco di spingere qualcuno ad aumentare, ci prova, però me lo ritrovo sulla salita dietro il Colosseo accanto quasi scusandosi di non avercela fatta; ecco il tratto finale, siamo rimasti in pochi, ci allarghiamo, ci diamo la mano e insieme tagliamo il traguardo in 4 ore 14′ 53′. Mi sento salutare, ringraziare, no, non sono d’accordo, sono io che devo ringraziare e abbracciare tutti voi per ciò che mi avete fatto vivere oggi. GRAZIE


foto di Gaetano Castagnola

Autore: Enzo Mirra

Share

About Author

Peluso

  • Ludovico Nerli Ballati

    sono meravigliose le ultime parole di Enzo Mirri, la maratona riesce ad unire tante persone fino a poco prima sconosciute: il compito dei nostri “angeli”, “assistenti di gara” è stato determinante per la buona riuscita ; è emozionante la parte del racconto riferita all’ultimo strappo al Colosseo. Non bastavano le parole per testimoniare al traguardo i baci, gli abbracci, i sorrisi tra angeli e amici ,è stato per me più commovente e coinvolgente dell’arrivo del vincitore. Ancora 10 e lode ai 36 magnifici “angeli” e al loro coordinatore prof. Fulvio Massini , Ludovico Nerli Ballati

  • SALVATORE ALBRIZIO NAPOLI NORD MARATHON

    GRANDE ENZO LEGGENDO IL TUO ARTICOLO MI’ E VENUTA LA’ PELLE D’OCA,PER PRIMA COSA TI’ FACCIO TANTI COMPLIMENTI PER LA’ TUA GARA DI PACEMAKER,PER SECONDA COSA MI’ HAI CARICATO DI’ PIU’ A NON SBAGLIARE PER IL CINQUE APRILE,DOVE DOVRO’ FARE IL PACEMAKER PER LA’ MEZZA DI’ AGROPOLI,CERTAMENTE LA’ DISTANZA SARA’ LA’ META’,MA’ DOVRO’ TENERE IL PASSO DI’ 4,30″ AL KM,PER NON SBAGLIARE CON GLI’ ATLETI CHE’ VOGLIONO FARE IL PERSONALE,SPERO DI’ RIUSCIRCI,COME TU’ HAI FATTO CON LA’ MARATONA DI’ ROMA,UN ABBRACCIO DAL TUO AMICO SALVATORE.

  • Mariano Formisano – A.L.B.A. Bacoli

    In primis un salutone ad Enzo che, ancora una volta, ha reso “indimenticabile” questa magnifica-emozionante passeggiata lunga 42km e a Salvatore che, conoscendolo, non sarà da meno. Se il 19 aprile Napoli prevederà pacemaker per la mezza mi cimenterò ufficialmente in questo incarico al passo di 4′ 15″ (1h30′)

  • SALVATORE ALBRIZIO NAPOLI NORD MARATHON

    GRAZIE MARIANO PER LA’ TUA STIMA.

  • gigidimeopozzuolimarathon

    Grazie Enzo x questa nuova emozione.Correre x gli altri e non x se stesso.E’ stupendo.Sei una persona speciale. A presto sul lungomare,

  • Francesco SCHISANO A.S.D.ALBATROS ROMA

    VOLEVO SALUTARE L’ULTIMO PACEMAKER COL PALLONCINO DELLE 03,15 CHE SULLA SALITA DEL COLOSSEO INCITAVA E CARICAVA TUTTI I PODISTI A NON MOLLARE, CIO’ MI HA EMOZIONATO TANTISSIMO. BRAVO

  • Raffaele Fruttaldo GS Stufe di Nerone

    Leggere questo post no fa che accrescere la mia passione a questo sport.
    Sono stati descritti momenti bellissimi che spero di vivere al più presto, dato che non ho ancora fatto una maratona. Ma la voglia c’è. E le vostre sensazioni ed emozioni sono una manna dal cielo per i neofiti come me. Complimenti a tutti!

  • silvio x enzo ..doni di natale …Mirra !!!!!!

    io mi prenoto per la 6 ore di riposo !
    Un sincero saluto a Enzino !

  • ARRICHIELLO GIOVANNI INTERNATIONAL SECURITY SERVIC

    CARISSIMO ENZO E CON IMMENSO PIACERE CHE LEGGO QUESTO TUO ARTICOLO,ED HO SAPUTO SOLO ALLA FINE CHE SARESTI STATO UNO DEI PEACE DELLA MARATONA,E UN ONORE X LA NOSTRA SQUADRA E X I CAMPANI AVER AVUTO UNO COME TE, PERSONA UMILE E GENTILE……SPERO DI ESSERTI ACCANTO ALLA PROSSIMA MARATONA ….SALUTI DAL TUO AMICO DI SQUADRA GIOVANNI.

  • Umberto – Pozzuoli Marathon

    Complimenti all’amico-runner veterano “Nappus” e a sua moglie “Maria Pia”. A quest’utlima dico non mollare ormai sei partita, fai anche la maratona di Firenze. Brava.

  • gigidimeopozzuolimarathon

    Forza Rubinelli.Il virus ti ha contagiato ?

  • tullio labella amatori atletica napoli

    caro enzo, ti invidio perchè io non sarei capace di farlo.
    complimenti per come hai svolto la tua attività di peace. Dal tempo si capisce che sei arrivato perfettamente. ho anche informazioni più dirette e molto lusinghiere da un mio compagno di corsa che ha avuto problemi al ginocchio, si è aggregato al tuo gruppo e grazie al tuo (vostro, eravate in due) incoraggiamento e aiuto è arrivato al traguardo.
    so che avete fatto delle foto di tutto il gruppo.
    Me ne puoi mandare una copia via emai a t.labella@ibp.cnr.it? Farei una sorpresa al mio amico e avrei anche il tuo email address. grazie tullio p.s. scusatemi per questa mail un pò troppo PRIVATA.

  • AGOSTINO CAPUTO NUOVA ATLETICA ISERNIA

    SCUSATE IL RITARDO, MA PER PROBLEMI DI LAVORO NON HO POTUTO PARTECIPARE PRIMA ALLA DISCUSSIONE. CMQ COMPLIMENTI A ENZO PER QUEL CHE FAI ED HAI FATTO. IO STESSO PENSO FRA QUALCHE ANNO DI FARE QUESTA ESPERIENZA, MA VOLEVO SAPER, SICCOME SONO UN MARATONETA DA 3,10 A QUALE RITMO POTREI AMBIRE A FARE IL PACE MAKER? HO AVUTO UN’ESPERIENZA A CARPI E NON E’ ANDATA MALE PER ME, MA PER CHI ACCOMPAGNAVO CHE VOLEVA FARE 3,30, ABBIAMO CHIUSO IN 3,49 MA IO HO FINITO BENEISSIMO. QUEST’ANNO A ROMA PER UNA CONTRATTURA CHE MI HA FERMATO AL 30 KM HO DOVUTO CONTINUARE CAMMINANDO X GLI ALTRI 12 E DEVO DIRE CHE E’ STATA UN’ALTRA ESPERIENZA BELLISSIMA. HO CONCLUSO IN 4,20 MA IL BELLO E’ STATO NOTARE CHE TUTTI AVEVANO LO STESSO IMPEGNO FISICO E MENTALE UGUALE A QUELLI CHE VANNO MOLTO PIU’ FORTE. QUESTO SECONDO ME E’ LA FORZA CHE TI DA LA MARATONA E LA FORZA DEL NOSTRO SPORT PREFERITO. SIAMO TUTTI CAMPIONI AL DI LA’ DEL TEMPO FINALE. CIAO

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>