Cronaca slide — 27 maggio 2013

Roccasecca 2013La solita, bella atmosfera a Roccasecca, in provincia di Frosinone. Una tradizione fatta di accoglienza, ottima organizzazione, bella partecipazione, ricordo di grandi uomini di Sport. La 7° edizione del Memorial Antonio Fava (Organizzazione Polisportiva Ciociara Antonio Fava) è stata un successo, una conferma di quanto negli anni è stato costruito. Non poteva che essere così, visto lo splendido dna che questa terra riesce a trasmette (Franco Fava ed Elisa Rea sono infatti nati e legati alla loro terra natia).

La gara non propone un percorso facile, ma proprio per questo la competizione diventa ancor più interessante: 11.800 metri, con primo giro passerella nel cuore del paese, per poi “tuffarsi” in discesa per quasi 3 km, circuito di circa 4 km a valle, per poi risalire al punto d’avvio. Gestione energetica fondamentale quindi, così come l’interpretazione della gara.

In campo maschile, dopo un passaggio velocissimo ai 5000 (14’11”, favorito dalla velocità della prima parte del tracciato). Poi la pianura e l’inizio salita che ha fatto subito la differenza. Il keniano Paul Sugut ha infatti lasciato la compagnia dei Magrebini (e di un Giovanni Gualdi molto attivo  nei primi km) e si è involato solitario verso via Roma, verso l’arco d’arrivo (dove è giunto in 35’48”). Secondo posto per il Marocchino Yassine Kabbouri (a 12”), con Younes Zitouni (Finanza Sport Campania) a confermare la terza posizione dello scorso anno.

In campo femminile è stata subito battaglia tra la Keniana Eunice Chebet, con Rosalba Console intenzionata a rendere dura la vita al giovane centroafricana, il tutto per confermare la vittoria del 2012. A fine gara Rosalba si è comunque dovuta accontentare della seconda piazza, ma dopo una gran bella dimostrazione di grinta e stato di forma. Per la Chebet la vittoria è arrivata sul piede dei 3’29” a km, con solo 14” di anticipo sulla Console (Fiamme Gialle). Bella gara per Eleonora Bazzoni (Futura Roma), terza al traguardo con un probante 3’44” di media.

Primi atleti del team organizzatore al traguardo: Proia Giovanni e Antonietta d’Orsi

Il Memorial Antonio Fava ha colpito nuovamente nel segno. Non c’è migliore promozione di un evento che il passa parola tra gli atleti, tra i protagonisti di una gara. E il Memorial Fava (2° memorial Cosimo Caliandro) è da sempre promozionato in primo luogo dagli stessi partecipanti. E mai promozione potrebbe essere più gradita da un organizzatore. A Roccasecca meritano tutto questo. La Polisportiva Ciociara Antonio Fava, visto quanto d bello realizza, lo merita.

Marco Cascone

(foto di Adriana Fabini)

Share

About Author

Cascone

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>