Cronaca slide — 28 aprile 2017

padovaNel weekend della Padova Marathon e della Mezza Maratona di Padova, tanti altri appuntamenti per il calendario nazionale delle corse su strada. L’azzurro Marco Salami (Esercito) vince in volata la 14ª Mujalonga sul Mar di 10 chilometri a Muggia (Trieste) in 30:16, davanti al marocchino Said Douirmi (Atl. Biotekna Marcon, 30:18) con il terzo posto di Nekagenet Crippa (Trieste Atletica) in 31:02. Al femminile la keniana Mary Wangari Wanjohi (Run2gether) fa il vuoto e si impone con il nuovo record della manifestazione in 33:15, battendo di quattro secondi il precedente limite che apparteneva a Silvia Weissteiner. Per metà gara è rimasta insieme alla connazionale e compagna di club Viola Chepngeno, poi al traguardo in 34:48, mentre completa il podio l’azzurra Nadia Ejjafini (Esercito) con 35:07.

RACHIK VINCE IN BELGIO – Trasferta di successo per l’azzurro Yassine Rachik, che domenica 23 aprile ha conquistato la vittoria nella 10 miglia di Anversa (Belgio) con il tempo di 47:18 davanti all’atleta di casa Nick Van Peborgh, secondo in 47:22. Il 23enne dell’Atletica Casone Noceto, nella giornata precedente aveva corso i 10.000 metri su pista a Marina di Carrara in 29:25.61, primo italiano al traguardo in quella gara, tre settimane dopo il buon debutto in maratona con 2h13:22 a Milano.

LA LAGARINA – Doppietta keniana nella 28ª La Lagarina, corsa su strada disputata tra Villa Lagarina (Trento) e Nogaredo sul circuito di 4 chilometri da ripetersi tre volte. In campo maschile il duello che ha tenuto botta è stato quello tra Hosea Kimeli Kisorio (Atl. Virtus Cr Lucca) e Andrea Sanguinetti (Fiamme Oro), staccato alla fine dall’avversario africano che ha tagliato il traguardo dopo 36:37 con 14 secondi di margine sul poliziotto romagnolo. Alle loro spalle terzo posto per lo specialista della corsa in montagna Cesare Maestri (Atl. Valli Bergamasche), brillante anche sull’asfalto con 37:09. Irresistibile invece al femminile l’azione di Winfridah Moraa Moseti (Atletica 2005), che non ha trovato rivali in 40:46 scavando oltre 4 minuti di vantaggio sulla concorrenza guidata da Adiam Yemane Negasi (Gs Valsugana Trentino, 45:17), terza Sonia Lopes (Atl. Brugnera Friulintagli, 45:48), originaria di Capo Verde ma adesso italiana.

SARNICO-LOVERE – Un fiume di atleti per la 7ª Sarnico Lovere Run, la corsa sulla sponda bergamasca del Lago d’Iseo lunga 25,250 km. Oltre 3600 classificati e vittoria al maschile di Daniel Ngeno (Atl. Libertas Orvieto) in 1h16:48 davanti ai connazionali Joash Kipruto Koech (Atl. Potenza Picena, 1h17:07) e Samuel Mwangi (Run2gether, 1h17:42). Primo degli italiani Dario Rognoni (Cus Pro Patria Milano), quinto in 1h22:26. Anche nella gara femminile il podio è interamente keniano: si aggiudica il primo posto Ivyne Lagat (#iloverun Athletic Terni) con 1h29:23 su Caroline Cherono (Run2gether, 1h30:25) e Ruth Wakabu (Atl. Futura, 1h32:55), quarta Luisa Gelmi (Alpinistico Vertovese) in 1h38:08. Quasi 1000 i partecipanti alla corsa non competitiva da Riva di Solto a Lovere (Bergamo).

OSTUNI – Nella decima edizione della Maratonina degli Ulivi Secolari, a Ostuni (Brindisi), vittoria di Michele Uva (Free Runners Molfetta) in 1h14:55 che ha preceduto Crystian Bergamo (La Mandria Calimera, 1h15:35) e Gianluca Alfano (Marathon Cosenza, 1h21:03). Tra le donne ha conquistato il successo Daniela Hajnal (Saracenatletica, 1h32:07) seguita da Valeria Cirielli (Amatori Atl. Acquaviva, 1h36:07) e Avery Hancock (Atalas San Vito dei Normanni, 1h36:55).

NUMANA – Gare, divertimento e solidarietà alla 7ª Conero Running di Numana (Ancona), con la raccolta fondi destinata alla Fondazione dell’Ospedale Salesi Onlus per la struttura pediatrica. E il ricordo alla partenza del ciclista Michele Scarponi, con il minuto di silenzio e uno striscione portato dall’Atletica Filottrano che ha corso con il lutto sulla canotta.

Nella mezza maratona ha vinto Luigi Gramaccini (Atl. Potenza Picena, 1h12:01) su Giovanni Moretti (Atl. Recanati, 1h12:26) e Luigi Del Buono (Sef Stamura Ancona, 1h12:33). Al femminile successo per Denise Tappatà (Sef Stamura Ancona, 1h24:29) davanti a Cristina Marzioni (Atl. Potenza Picena, 1h24:52) e Silvia Luna (Grottini Team, 1h25:05).

ASTI – Youssef Sbaai (Team Marathon) è il vincitore della 9ª Mezza Maratona di Asti con un crono finale di 1h13:23, in volata sul compagno di squadra El Mostafa Rachhi che taglia il traguardo con un solo secondo di distacco. Terzo gradino del podio per Francesco Grillo (Base Running) in 1h13:56. La prova femminile va a Katarzyna Kuzminska (Atl. Canavesana) in 1h29:26. Sul podio salgono anche Elisa Naletto (Pam Mondovì-Chiusa Pesio, 1h37:05) e Roberta Bombaci (Brancaleone Asti, 1h37:17).

MARSALA – A Marsala (Trapani), nella 4ª Maratonina del Vino, dominio del marocchino Hamad Bibi (Universitas Palermo) che concede il bis e vince anche quest’anno in 1h08:34. Nettamente staccati gli avversari, guidati da Francesco Nastasi (Ortigia Marcia, 1h15:00) e Vincenzo Iraci (Universitas Palermo, 1h15:13). Tra le donne Lorenza Immesi (Universitas Palermo) si impone con 1h30:07, alle sue spalle Rosalba Ravì Pinto (Atl. Nebrodi, 1h30:37) e Alessandra Corvaia (Equilibra Running Team, 1h31:25), in una gara che ha visto quasi mille atleti arrivati.

TRECATE – Juan David Orozco Sanchez (Atl. Monterosa) si è aggiudicato la 3ª Mezza Maratona di Trecate (Novara) in 1h12:19 con cui ha preceduto Giuseppe Bollini (Circuito Running), secondo in 1h13:59, e Bruno Santachiara (Run Athletic Team, 1h15:59). La prova femminile ha visto invece il successo di Claudia Gelsomino (Atl. Palzola) in 1h21:58 davanti a Monica Pilla (Atl. San Marco, 1h27:11), terzo gradino del podio per Valentina Dameno (Atl. Ovest Ticino, 1h27:37).

MONTE TESIO – Quasi 300 atleti al via della sesta edizione della Grimpeur Race Memorial Beppe Comini, gara di corsa in montagna sulla distanza di 11,6 km e un dislivello positivo di 636 metri. Nuovo tracciato con partenza e arrivo sul Monte Tesio, a Gavardo (Brescia), dove si è presentato per primo Marco Filosi (Valchiese) in 53:09 seguito da Andrea Bonetti (Arieni Team, 57:11) e Giuseppe Antonini (Atl. Paratico, 57:22). Al femminile si è imposta Angela Serena (Atl. Lumezzane, 1h05:35) su Ana Nanu (Gs Gabbi, 1h08:20) e Maria Grazia Roberti (Atl. Gavardo ’90), 1h09:48. Un percorso caratterizzato, oltre che dagli splendidi paesaggi e dai numerosi chilometri corsi completamente immersi nel bosco, anche dai continui, nervosi saliscendi nei quali si alternavano discese tecniche a causa del fondo sassoso, prati e single track, a salite brevi, ma impegnative.

LA PONALE – La pioggia non ha impensierito le centinaia di atleti si sono ritrovati a Riva del Garda (Trento) per misurarsi con la rinnovata versione de La Ponale Running, tornata nel calendario nazionale dopo alcuni anni di assenza con un nuovo tracciato, sempre legato al Sentiero Giacomo Cis che ripercorre la strada costruita nella seconda metà dell’Ottocento per collegare il Garda Trentino con la Valle di Ledro. Dopo 10,5 chilometri con un dislivello complessivo appena inferiore ai 600 metri, successo di Fabrizio Girardelli (Us Quercia Trentingrana) che ha impiegato complessivamente 42:16 lasciandosi alle spalle Lorenzo Turrini (Valchiese), secondo con un ritardo di 23 secondi. A completare il podio di giornata Andrea Mignolli (Vicenza Marathon, 42:46). La prima donna a raggiungere Molina di Ledro è stata invece Cristiana Bonassi (Arieni Team), bresciana di Calcinato che ha impiegato 51:42 per avere la meglio di Caterina Maria Saccardo (Faizanè Runners Team, 52:22) e Federica Schio (Atl. Lupatotina, 53:29).

ufficio stampa fidal

 

 

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>