Atletica News — 07 gennaio 2010

La Federazione Nazionale con l’applicazione del dispositivo della disgraziata ed infelice tassa di un euro o due euro  per ogni atleta classificato in gare nazionale ed internazionali, lasciando libero arbitrio della sua applicazione ai vari Comitati locali su gare regionali, ha innescato uno tsunami di notevoli proporzioni che sta procurando solo danni al mondo podistico, in particolare modo al mondo Master, a quel mondo composto per la stragrande maggioranza da persone che corrono per il solo piacere di fare del movimento fisico e di socializzare con altri .
Risulta evidente che questa tassa è stato ideata per fare solo cassa, perché non è dato modo di sapere  quale servizio aggiuntivo e migliorativo essa produce.
Gli organizzatori di gare Fidal che operano con passione ed enormi sacrifici per la buona riuscita della loro manifestazione si sono trovati , improvvisamente, con questo aggravio dei costi che li ha spinti, timidamente, ad aprire il cancello del loro recinto (che poi è il recinto fidal) per guardare in altre direzioni.


Tutto questo, tuttavia, deve invitare gli interessati, oltre che ad un’attenta riflessione,  ad un’approfondita lettura sia dei regolamenti Fidal sia della convenzione tra gli Enti di Promozione Sportiva (E.P.S.) e la Fidal,  ai più sconosciuti.


Mondo Master


Sia chiaro a tutti, organizzatori e podisti, che una società di Ente di Promozione Sportiva che ha stipulato la convenzione con la FIDAL (CSI, UISP, AICS, ASI, CNS LIBERTAS, CSAIN, CSEN, ENDAS, MSP ITALIA) può organizzare manifestazioni competitive-agonistiche  solo per i propri tesserati,  senza pagare la tassa gara alla Fidal (3.2 convenzione). I tesserati Fidal possono partecipare a queste competizioni solo se hanno anche l’affiliazione con l’Ente di Promozione Sportiva (C.S.I., U.I.S.P., ecc.).


Diverso è il caso delle società affiliate solo con l’E.P.S.


In questo  caso le società affiliate E.P.S. possono organizzare gare competitive-agonistiche per i propri tesserati, ma se intendono avere la partecipazione di tesserati fidal devono essere affiliate anch’esse con la Fidal (oltre che con l’E.P.S.). Pagare la dovuta quota di affiliazione Fidal e sottostare a tutto il suo regolamento, compreso le norme di organizzazione gare su strada e, quindi, il pagamento della nuova tassa per ogni atleta classificato.


In conclusione:


1)      un atleta master tesserato Fidal che partecipa ad una competizione competitiva-agonistica organizzata da una società affiliata E.S.P. , che non sia affiliata Fidal, incorre in provvedimenti disciplinari.


2)      un atleta master tesserato Fidal che partecipa ad una competizione competitiva-agonistica organizzata da una società E.S.P e che risulti ad essa affiliato non incorre in alcuna sanzione disciplinare.


3)      Un atleta master tesserato solo con l’Ente di Promozione Sportiva  può partecipare a gare Fidal, escluso campionati regionali e nazionali, essere inserito in classifica generale dall’organizzazione, ma viene escluso dalla classifica fidal e riceve premi inferiori rispetto ai tesserati fidal.


Fa bene la Fidal a vigilare sul rispetto delle proprie norme, ma fa ancora meglio a dialogare con le A.S.D.  per cercare soluzioni collaborative e non lo scontro perché, alla fine, potrebbe risultare per lei perdente. Nel recinto Fidal si potrebbero aprire più brecce.


Bisogna dare atto, tuttavia, alla Fidal Campania che il dialogo, seppure limitato, l’ha cercato ed avuto; una prima soluzione l’ha pure trovata, come la rinuncia all’euro per i classificati in gare competitive regionali, ma bisogna fare di più. Il Comitato Campano deve battersi presso la Federazione Nazionale per fare eliminare l’assurda norma che vieta ad atleti di altre regione la partecipazione nelle gare regionali. Si corre il rischio di fare disaffezionare gli atleti master che, come citato all’inizio, corrono solo per il proprio benessere fisico e spirituale. Per essi potrebbe risultare più conveniente partecipare a gare promozionali organizzate dagli E.P.S., dove non si paga la quota di iscrizione, si riceve una medaglia e tanti sorrisi che hanno più valore dei pacchi gara.

Autore: Francesco Diana

Share

About Author

Peluso

  • angelo – ASDVN Atletica Salerno

    Complimenti per la descrizione fatta dei regolamenti, ho solo qualche dubbio su quanti corrono solo per il piacere del proprio benessere e per socializzare.

  • Peppe Sacco – A.S.D. SILMA

    Francesco, il tuo intervento è unico e interessante va a chiudere tutte le inesattezze scritte per l’argomento invitando le parti al dialogo. Mi auguro che venga preso seriamente in considerazione perché non se ne può più vivere le manifestazioni nella piena ignoranza delle regole

  • ALESSANDRO D’ADDIO

    noi podisti sappiamo solo parlare ma fatti mai .Ha ragione l’amico angelo per parlare siamo tutti buoni poi dopo lo sparo tutti nemici in senso lato LA DOMENICA AL POSTO DELLE GARE ORGANIZZIAMO PASSEGGIATE DI PROTESTE E POI VEDIAMO SE GLI AMICI DELLA F.I.D.A.L. SCENDONO A PATTI

  • silvio scotto pagliara-asd terme stufe di nerone

    Ma se la fidal nazionale ,lascia ai soli master , la possibilità di poter partecipare alle gare , cosidette regionali ( esempio : il master di bologna ,puo’ partecipare a quella di salerno )
    Se il principio è quello di dare la possibilità ai regionali (atleti che devono emergere e che sono assoluti , si potrebbe fare …..che dite ? )
    Se non si puo’ eliminare questa regola , almeno , lasciano che noi master , trovandoci a casa di un’amico di fuori regioni , si possa gareggiare nella sua città !
    che ne dite , gli assoluti , vabbene ,ma per noi,master ….lasciateci correre per tutto lo stivale italico !!!

  • Massimo Zara – C.S.D. Atletica Amatori Nuoro

    Ciao a tutti,
    vorrei segnalare cosa accade in Sardegna, invito tutti a leggere queste pagine:

    http://www.amatorinu.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2139:ora-in-pista-6-edizione-anno-2010-annullata&catid=94:ora-in-pista&Itemid=652

    http://www.amatorinu.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2161:ora-in-pista-1-campionato-regionale-aics&catid=94:ora-in-pista&Itemid=652

    Ho voluto fare questa segnalazione per evidenziare che i problemi stanno ovunque. Ad oggi, la manifestazione in oggetto si è svolta, ma non sapppiamo ancora che farà la Fidal.

    Grazie per l’attenzione

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>