Cronaca — 03 marzo 2011

Stamani al Parco Ruffini di Torino si è disputata la corsa entrata nel calendario podistico piemontese come la ‘fabbrica dei record’. Sport, festa, istituzioni, imprese e primati. La terza edizione di Recordando, organizzata da Il Giro d’Italia Run, è stata un grande contenitore di eventi. L’impresa è del torinese Simone Bracciodieta che ha corso la maratona più veloce di sempre vestito da medico, con tanto di camice e stetoscopio, completando i 42,195 km in 3h32’05”. Abbondantemente superato il precedente primato dell’inglese Tom Solomon che, in occasione della Virgin London Marathon del 25 aprile 2010, aveva fermato il cronometro dopo 4h21’09”. Dopo Enzo Caporaso, Cristina Borra e Marinella Satta, Simone Bracciodieta, 35 anni, è il quarto podista torinese a scrivere il proprio nome sul libro dei Guinness, il testo più venduto al mondo dopo la Bibbia.


La maratona è stata vinta dal pinerolese Andrea Bertuglia (Atletica Pinerolo, 2h46’10”), secondo Flavio Camastra (Asd Volare, 3h16’10”), terzo Massimo De Cesare (Gruppo Sportivo Interforze, 3h21’13”). Tra le donne vittoria dell’argentina naturalizzata italiana Adriana Zappalà (Atletica Monterosa), seconda Margherita Scutaru (Giro d’Italia Run), terza Cristina Borra (Giro d’Italia Run).


Nella 10 km, successo di Stefano Guidotti Icardi (Cus Torino, 32’17”05), secondo Giuseppe Caserta (Atletica Pinerolo, 34’40”30), terzo Federico Vesco (Canavese 2005, 35’10”50). Torinese di 23 anni, iscritto alla facoltà di Scienze Motorie, reduce dall’ottavo posto sui 1500 metri agli assoluti italiani, Guidotti Icardi è ‘Beep-Beep’, uno degli otto atleti protagonisti di ‘The Run’, reality sulla corsa in onda su Rai Sport 1 tutti i giovedì alle 19:45. Il suo personale sui 1500 metri è di 3’49”, mentre sui 10 km ha un record di 30’50”. Tra le donne la vittoria è andata a Claudia Bertinat (Gruppo Sportivo Interforze, 46’00”90), seconda Roberta Iebole (Base Running, 46’12”90), terza Ilenia Monno (Running Center, 46’48”35).


Protagonisti di giornata anche il sindaco di Torino Sergio Chiamparino e l’assessore alla Cultura e Politiche giovanili della Regione Piemonte Michele Coppola che, partiti al colpo di pistola dell’assessore allo sport di Torino Giuseppe Sbriglio, starter d’eccezione di Recordando, hanno chiuso i 10 km in 57’42” tra gli applausi dei tanti spettatori accorsi al parco. ‘In corsa facciamo squadra – ha spiegato Champarino -, al di là della nostra appartenenza politica. L’assessore Coppola avrebbe potuto staccarmi in qualsiasi momento della gara, ma ha onorato l’impegno di tagliare insieme a me il traguardo. Oggi mancano 76 giorni alla fine del mio mandato di sindaco, dopodiché avrò sicuramente più tempo per allenarmi e scendere sotto il muro dei 57′. Voglio rivolgere un complimento agli organizzatori di Recordando che con eventi come questo riescono a promuovere la pratica sportiva nei parchi cittadini e intanto a creare importanti momenti di aggregazione e socialità‘.


Alle parole del sindaco sono seguite quelle dell’assessore regionale Michele Coppola: ‘Correndo un’ora con il sindaco ho provato a capire e a carpire i segreti di come si amministra una città. Oggi Chiamparino era un po’ distratto dall’esito delle primarie: sostiene il candidato alla sua poltrona Fassino, anche se avrei preferito che corresse la gara elettorale per la sua poltrona al fianco di un politico più giovane. A pochi giorni dal 17 marzo, il via delle celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia, è stato un vero piacere correre indossando una casacca tricolore nel parco dove sono cresciuto, io originario di Pozzo Strada’.


La maglia tricolore è l’uniforme ufficiale del progetto ‘150 di corsa’ di Francesco Ceseracciu (56 anni, gestore di un’area di servizio) e Maurizio Pitti (38 anni, vigile urbano): correre una mezza maratona al giorno, per 150 giorni consecutivi, dal 4 gennaio fino al 2 giugno 2011, festa della Repubblica italiana. ‘Vedere il sindaco e l’assessore indossare la nostra divisa è stato un vero onore: hanno dimostrato che la politica non si fa soltanto nei luoghi chiusi ma anche all’aria aperta, e di corsa’. I due podisti aostani hanno completato la loro fatica quotidiana nella prima capitale d’Italia, sfruttando la bella cornice di Recordando. ‘In occasione della 55° tappa del nostro faticoso ma entusiasmante progetto, abbiamo trovato più compagni di viaggio del solito. Il Turin Ring Marathon del Parco Ruffini è un tracciato molto valido. Le foto della giornata entreranno di diritto nell’album dei nostri ricordi più belli, pubblicato sul sito http://www.150dicorsa.it/. Da domani torneremo a correre nei luoghi del Risorgimento della bassa Valle d’Aosta ma sicuramente verremo di nuovo a Torino per completare un’altra tappa del nostro progetto’. 


L’appuntamento prossimo venturo con gli eventi targati Il Giro d’Italia Run è per il 9-10 aprile, sempre al Parco Ruffini, in occasione della 24 Ore di Torino, gara internazionale di endurance.


Maggiori informazioni su www.giroitaliarun.it

Autore: Tiziana Demaria

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>