Maratone e altro — 01 giugno 2009

Passatore


Ancora una volta saliamo sulla Colla per assistere al passaggio dei podisti che non hanno saputo resistere al richiamo del vecchio brigante che assicurava “protezione” per coloro che intendevano scavalcare l’Appennino, specie se trasportando merci. Avrebbe avuto poco da guadagnare con questi corridori, padroni in corsa solo dei propri indumenti e della propria voglia di andare avanti.


La partecipazione dei migliori quest’anno è stata fortemente condizionata dalla improvvida vicinanza col campionato del mondo, ma il Passatore ha saputo trionfare ancora una volta assicurandosi due vincitori di tutto rispetto.


In cima alla Colla passa per primo il Grande Giorgio, come previsto, che nella prima parte ha seraficamente rintuzzato le velleità del giovanissimo russo Vsevolod Kodyakin, che all’inizio della salita aveva provato addirittura a sopravanzarlo. Sui tornati dell’Appennino, Giorgio, che ormai conosce il percorso come le proprie tasche, rimonta il russo e lo lascia al suo destino. Poco dopo sarà preda anche della rimonta di Marco D’Innocenti, molto tonico e determinato. Marco passa con poco più di un minuto di distacco. Ci dicono che durante la discesa ha provato ad annullare l’handicap, ma Giorgio ha subito accellerato di quel tanto che bastava e non c’è più stata storia. Tuttavia la bella prova di Marco ci fa rimpiangere ancora di più la sua esclusione dalla nazionale dei 100km, nonostante la forma eccellente ed il suo recentissimo passato di “eroe” di Tarquinia, dove fu determinante per il successo di squadra. Alle loro spalle il russo dimostra di avere grandi doti di carattere perchè prova a tornare sotto: non ce la farà ma il suo terzo posto è più che valido. Vsevolod (nato il 8 gennaio 1989!!!) era presente anche lo scorso anno (a 19 anni) e fa parte di una nuova cucciolata di fondisti russi. tutti siberiani,  di cui fa parte anche la vincitrice della corsa-donne, Irina Vishnevskaya, classe 1982, al suo esordio sull’Appennino, e la Veronika Lopatina (1982), che invece ha preferito la maratona di Stoccolma, corsa sul piede di 2:40. Peccato che al mondiale probabilmente non vedremo nessuno di questi protagonisti, la cui assenza va a sommarsi a quella dello squadrone russo che ha dominato le Comrades in campo femminile. Si preannuncia dunque il mondiale più povero della storia, visto che anche i giapponesi hanno lasciato a casa Norimi Sakurai e la squadra maschile che aveva dominato due anni orsono, mentre i britannici hanno rinunciato a Lizzy Hawker. Tutte le campionesse del mondo degli ultimi tre anni dunque saranno assenti.


Dietro ad Irina si è rivista la nostra Paoletta Sanna, in versione quasi amatoriale. Prima della partenza le abbiamo parlato ed ha confermato la sua affezione straordinaria per il Passatore (“irrinunciabile”) ma anche che le sue prospettive ed il suo allenamento la portano ormai verso altri obbiettivi. Infatti ha corso con grande saggezza, senza strafare, realizzando comunque un tranquillo secondo posto che le vale il titolo italiano. Fra le altre abbiamo visto Daniela Da Forno, altro pezzo mancante della nazionale, che è andata bene fino alla Colla, dove è passata addirittura seconda, ma poi ha mollato.


Il numero di arrivati ha superato nettamente i novecento, anche quest’anno, ma è da notare che fra loro c’erano molti esordienti, magari non più giovanissimi, a conferma che per un podista fare almeno un Passatore nella vita è irrinunciabile.


Una menzione la merita infine Antonino Caponetto, classe 1931, che ha chiuso 152simo, in 10:49.54!!! 


 


Passaggi 2009





























 


B.S.L.


Colla


Marradi


Brisighella


Calcaterra


1:58.23


3:24.04


4:32.29


6:09.20


D’Innocenti


2:05.06


3:25.02


4:3611


6:20.35


Khudyakov


1:58.15


3:27.20


4:37.53


6:25.24


Passaggi 2008





























 


BSL


Colla


Marradi


Brisighella


Calcaterra


1:59.36


3:16.19


4:20.31


5:54.27


Boffo


2:06.05


3:22.50


4:28.58


6:08.30


Izmailov


2:04.15


3:20.56


4:29.14


6:11.01


 


Gli arrivati nel 2008 furono 985, di cui 109 donne, mentre nel 2009 sono stati 979, di cui 103 donne.


 

Autore: Franco Anichini

Share

About Author

Peluso

  • Antonio Bruno

    Paola, semplicemente, Grandissima. Ciao piccolina.

  • Antonio Mammoli a.s.d Croce d’oro Prato

    Rileggendo le classifiche degli anni 90 , noto che gli stranieri in queste ultime edizioni sono mancati. Il Passatore è la più bella del mondo , ma regala poca competizione per le prime posizioni. Insomma poca qualità di alto livello.
    Forse il Mondiale alle porte a dissuaso qualche top runner ?

  • Angelo Bochicchio Atletica Amatori Irpini

    Ma ditemi come si fa a correre per 100 km.? (che allenamento fate?) In classifica sono in molti che hanno corso per circa 20 ore; E’ EROICO!!!!

  • Pasquale Giuliani

    Caro Angelo,
    per quanto mi riguarda, nessun allenamento particolare. Tre o quattro maratone un pò ravvicinate e tanto allenamento mentale.

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>