Cronaca — 18 febbraio 2010

Migliaia di podisti nazionali e internazionali, dai corridori agonisti e ai professionisti delle corse in montagna ai dilettanti e agli amanti delle camminate con le racchette da neve, si sono dati appuntamento a Racchettinvalle 2010 per misurarsi su un percorso suggestivo e innevato disegnato tra gli angoli più incantevoli delle borgate della località dell’Alta Val Chisone e delle sue vallate.
L’aspetto tecnico – Dal punto di vista tecnico, belle gare sia al maschile sia al femminile e un vero e proprio “parterre de roi” ad accogliere i protagonisti al traguardo. Gli occhi erano puntati sull’inglese Martin Cox, che non ha deluso le attese, percorso i dieci chilometri del percorso in 38’07”. Al secondo posto si è classificato il francese Stephane Ricard che ha concluso la gara con il tempo di 39’19”, distaccando di quattro secondi l’italiano Marco Agostini (39’23”). In campo femminile l’Italia ha fatto da padrona. Il gradino più alto del podio è andato ancora una volta a Maria Grazia Roberti, protagonista con Cristina Scolari di un avvincente testa a testa fino al settimo chilometro e di una volata finale, che ha fatto fermare il cronometro a 45’54”, diciotto secondi prima della Scolari. Terza la piemontese Maria Laura Fornelli (50’54”). Il percorso – Il via è nei pressi dell’impianto olimpico dei trampolini. Da lì i partecipanti hanno raggiunto la pista olimpica dello sci nordico affrontando la compressione tecnica, per arrivare a un lungo falsopiano, attorniato da boschi di larici. Un tracciato davvero emozionante, ricco di fascino naturalistico e d’interesse storico e culturale per una lunghezza di dieci chilometri. Tante le suggestioni, dai boschi innevati da uno spesso manto bianco, alle antiche borgate, nelle quali si respira l’antica tradizione occitana e alla modernità dell’impianto olimpico del Salto, da cui ha preso avvio la corsa e dove i vincitori e il lungo e colorato serpentone dei camminatori ha tagliato il traguardo. Le collaborazioni – A sostegno della manifestazione, la Croce Rossa, le Forze dell’Ordine, i Vigili del Fuoco e la Protezione Civile, che ha messo a disposizione il NIMBUS EOS Xi, una soluzione tecnologica innovativa che coniuga le caratteristiche di un aereo a quelle di un deltaplano e di un dirigibile. Il velivolo, pilotato a distanza, ha permesso il collegamento ponte per rendere possibile la diretta su Rai Tre. La comunicazione – Importante l’impatto mediatico creato dalla manifestazione Racchettinvalle. In TV il lancio della gara è stato realizzato da numerose televisioni locali, ma soprattutto dalla Rai, che ha accompagnato l’evento durante la sua creazione e realizzazione. Nel dettaglio: Servizi di presentazione e approfondimento durante la trasmissione Buongiorno Regione, a cura del TGR del Piemonte; Servizi di approfondimento sul Tg 3 Regionale sabato 6 febbraio e collegamento in diretta domenica al Tg 3 Regionale 7 febbraio alle ore 14,00; Diretta su Rai 3 Regionale dalle ore 11,00 alle ore 12,00 (per il secondo anno consecutivo) con l’8,174% di share; Servizio su Rai Sport Più; Servizio al Tg1 delle ore 20,00 di domenica 7 febbraio; Servizio in tutto il mondo grazie a Rai Sat. Nel corso della preparazione dell’evento i principali quotidiani e settimanali (La Stampa, Torino Sette, Atletica Week, Torino Cronaca, Il Corriere Sportivo, Metro, City, Eco del Chisone, Outdoor Magazine) hanno seguito Racchettinvalle, presentando il tracciato, gli atleti presenti al via e le attrattive, che i partecipanti avrebbero incontrato sul percorso. Il quotidiano La Stampa, anche dal punto di vista promozionale, ha dato grande impulso alla manifestazione, pubblicando numerosi spazi tabellari, che hanno consentito di trasmettere in maniera efficace il messaggio promozionale. Sia i siti specializzati sia quelli di opinione e quelli istituzionali hanno messo in risalto l’evento Racchettinvalle e alcuni suoi partecipanti illustri.

Autore: Alessandra Ramella Pairin

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>