Anteprima slide — 20 settembre 2017

Misterbianco (Ct). Sarà uno start denso di emozioni quello che darà il via venerdì 22 settembre, al trofeo “Maria SS. degli Ammalati” che celebrerà la sua 26esima edizione. Un ritorno, dopo un’assenza di sette anni , carico di prospettive, una riproposizione della storica manifestazione nata e cresciuta grazie a Santo Spina e a Santo Baudo, rispettivamente presidente e vice presidente dell’ASD Atletica Misterbianco; un test con l’obiettivo di riallacciare passato e presente, all’insegna della continuità e della tradizione, così come ha sottolineato Antonio Belfiore presidente dell’ ASD Atletica Misterbianco Sport Club che ha avuto l’onere e l’onore di rimettere in pista la storica manifestazione con al fianco i due organizzatori storici del Trofeo e l’Amministrazione Comunale di Misterbianco guidata dal sindaco Nino Di Guardo.

Quella di venerdì, che vede anche la collaborazione della Fidal Sicilia e del CONI, sarà un’edizione in notturna (lo start verrà dato alle ore 21) aperta a tutti i podisti, un evento, lontano dalla sua festa (che si celebra durante la seconda settimana di settembre) ma con l’obiettivo ben preciso, di tornare a coinvolgere tutta la città.

Favorito della vigilia l’atleta di Augusta Luigi Spinali che dopo aver vinto la “TrecastagniStart” e la “Coppa Sant’Agata”, punta dritto al Trofeo Maria SS. degli Ammalati per centrare il prestigioso tris. A fargli da guastafeste ci proverà Vito Massimo Catania, sempre a suo agio sulle strade etnee. Quest’anno, la manifestazione (e questa è una novità) assegnerà anche il trofeo al femminile.

Ricco l’albo d’oro della manifestazione: sul gradino più alto del podio per ben tre volte è salito il keniano Benson Barus, due le vittorie del brasiliano Josè da Silva, mentre risuonano ancora i trionfi a “cinque stelle” dei colored Moses Tanui e Dereje Tadese. Tra i successi italiani, su tutti, brillano quelli firmati da Luigi Zarcone e Michele Cinà con il siepista milanese Franco Boffi a centrare l’ultimo alloro tricolore, targato 1986. L’ultimo siciliano a vincere invece è stato Michelangelo Arena nel 1981.

VINCENZO MASSIMO MODICA TESTIMONIAL DELL’EVENTO.

Sarà la medaglia d’argento individuale ed oro a squadre in maratona ai campionati del mondo di atletica leggera di Siviglia 1999, Vincenzo Massio Modica, il testionial del 26° Trofeo Maria SS. degli Ammalati. Un campione di sport e di vita che, dopo aver appeso le scarpette al chiodo ha continuato ad abbracciare il mondo dell’atletica leggera, come consulente tencico del Giro Podistico Internazionale di Castelbuono e promuovendo la stessa atletica tra i più giovani.

SI CORRE IL TROFEO E SI VINCE LA 0-3000

Tra le novità dell’edizione targata 2017 la sinergia con l’Etna Trail ASD del presidente Carmelo Santoro. Tra tutti i partecipanti al trofeo, infatti, verranno sorteggiati due pettorali per la Supermaratona dell’Etna (la 0-3000) del prossimo giugno.

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>