TuttoCampania — 30 settembre 2011

Prendo spunto da quanto accaduto nelle ultime domeniche podistiche, ma potrei comunque fare lo stesso per quasi tutte le gare, dove sono previste le premiazioni per categoria. Il 60%, e anche oltre, degli assenti al momento della chiamata sul palco. Podi vuoti, o semi vuoti, con a volte dirigenti impegnati e costretti una marea di volte a rappresentare gli atleti da premiare. Gli atleti assenti. Sì, lo so, una piccola parte di assenti alla premiazione è fisiologica, ma il 60% è un’aberrazione… soprattutto perchè finalmente, negli ultimi tempi, le classifiche vengono realizzate quasi in tempo reale e non ci sono più le lunghe ed estenuanti attese di un tempo.


Scusatemi ma mi piace, in modo semiserio (più semi che serio), dare una giustificazione a quanto avvenuto e avviene, invitando invece seriamente, molto seriamente, gli organizzatori a non rispettare chi non li rispetta, eliminando la premiazione per categoria oppure, ancora meglio, eliminando i premi agli assenti. Rispetto per rispetto.


Motivazioni semiserie, come dicevo


‘ Sarà, ma credo che le assenze alle premiazioni derivino dal fatto che la domenica a casa di molti atleti ci sia il coprifuoco: Ore 11,30 (al massimo) il rientro, altrimenti le conseguenze potrebbero essere imprevedibili, persino drammatiche!!. Conseguenza 1, soft: niente ragù, modello ‘Sabato-domenica e lunedì’ di Edoardiana memoria artistica, anche se con molta probabilità non sarà proprio, purtroppo per gli atleti ritardatari, la Sofia nazionale ai fornelli a prepararlo. L’atleta in ritardo in questo caso seguirà una dieta da fame, conseguenza dell’orario d’arrivo a casa. Oppure, conseguenza numero 2: coprifuoco con effetto’contundente‘, frutto di un mattarello, pronto a scattare all’apertura della porta di casa, in caso di ritardo all’orario pattuito: la mogliettina (o il maritino)si è preparata/o nel tempo, modello cecchino, e il mattarello lo usa meravigliosamente a dovere e in caso di necessità (dopo aver guardato l’orologio). O anche, conseguenza numero 3, coprifuoco la cui violazione avrebbe come conseguenza il divieto assoluto di guardare partite alla Tv, o ascoltarle alla radio. Sai la tragedia, meglio il Mattarello O persino, scusatemi se arrivo a pensare a tanto, (conseguenza 4) astinenza totale, per tutta la settimana, dalle ‘gioie’ coniugali. Anche se, pensandoci bene, a qualcuno potrebbe fare anche piacere la cosa, vista la differenza tra il contenuto del proprio talamo nuziale con la Sofia modello “abat-jour”…o, per le atlete, con il Marcello-modello ululato”…


C’è chi, (non tutti, ma tanti purtroppo) viene a correre così come si va in ufficio: marcando il cartellino. Alle 10,30 massimo 11 via (sempreché non ci sia qualcosa da arraffare gratuitamente, e portarlo a casa, per fare felice chi ci attende con l’orologio ben in vista).


Voglio dare un consiglio ai tanti che lasciano vuoto il podio, al momento delle premiazioni: statevene a casa la domenica, allenatevi di mattina molto presto (così sarete rientrati molto prima delle 11) e date la possibilità magari a chi resta fino alla fine di avere il piacere e vivere l’orgoglio di salire sui gradini del podio. Un piacere che voi deliberatamente evitate, e che a ragion veduta non meritate. Se poi ci pensano gli organizzatori a tutelare il momento della premiazione della loro gara, tanto meglio!

Autore: Marco Cascone

Share

About Author

Peluso

  • pasquale della torca – amatori podismo benevento

    condivido in tutto quanto scritto da marco!! A volte siamo anche noi dirigenti a “coccolare”, per tenerci buoni, coloro che vincono le ctg, ritirando i premi x loro e sobbarcandoci di fatiche supplementari. Evitiamo di farlo, per 3-4 dei “nostri” che vincono ve ne sono tantissimi altri che meriterebbero un premio per il solo comportamento sportivo attuato prima-durante e dopo la gara. Cambiare….si può!!! Bravo Marco

  • viviana celano

    bravo marco, giuste osservazioni …anche se poi credo che molti nascondono il motivo della loro fretta incolpando le mogli….spesso la domenica si mangia dalle mamme…ahahha… sono daccordissimo sull’ultima parte.

  • marco russo- nikaios gragnano

    Aborro questo articolo! Domenica mattina sarò ad Agerola perchè è più vicina di Striano ed il 9 a Torre del Greco perchè è + vicina di Maddaoloni…. in entrambi i casi già sto pensando al rientro subitaneo. Ma visto che corro perchè mi piace se qualche organizzatore provvederà a devolvere ad altri il mio eventuale premio (perchè alla pemiazione eventuale non ci sarò mai a meno che la gara non sia a gennaio) accetterò con sportività la decisione. Mi preme ricordare un aneddoto: in una edizione di qualche anno fa della Notturna Stabiese l’ultimo classificato impiegò circa 1h07′; mentre tagliava il traguardo io, che ero arrivato in 33′, servivo il mio primo piatto della serata: quella sì che fu una fuga di rientro a casa!

  • Giorgio Coppola

    Caro Marco, condivido quanto da te sostenuto, mi preme però dirti che spesso i tempi sono biblici per la premiazione. Io non ho mai vinto, ma spesso mi sono trattenuto per le premiazioni, mi piace vederle, ma non sempre ci sono rimasto. Ore ed ore di attesa sono davvero troppe

  • enzo m – soc. ISS

    Ok Marco, allora si premino solo i presenti e nel caso manchino si scali al successivo!!!
    Allora vedrai tanti alla premiazione. Ciao

  • giovanni giordano mtr

    Spero che con questo articolo non si eliminano del tutto le premiazioni di categoria,gia’ declassate dal solito copione (dal 5° al 150°).
    Invece essere piu’ sevri e rigidi e/o specificare nel regolamento della gara ;qualora l’atleta e’ assente al momento della premiazione,si passera’ all’atleta successivo,scalando la classifica fino al 10° di categoria.
    cosi’ penso che rimarranno piu’ atleti,con la speranza che i meno forti andranno premiati per la sportivita’ dimostrata.
    Sportivamente…..
    Giovanni Giordano

  • silvio scotto pagliara

    ciao marco , ti saluto e ricordo quel bel
    podio alla mia Gazzetta Run in piazza del plebiscito !!
    ad maiora

    Ps :a volte dare i prermi ai primi 100 o ecc. e alle donne ecc. in queste circostanze è quella che puo’ andare ……..Cosi si aspetta i primi tre ma e f arrivato e si fà la premiazione sul podio !
    Visto che nessuno apprezza ,il podio ,avanti cosi !
    Io , in alcune gare ,alla assenza del premiato ,, passavo avanti fino a trovare la persona ch’era presente !

  • raffaele colantuono

    ancora una volta,sono per i premi di cat.eliminiamo i premi ,100,150,200,(sono la morte della competizione,e pane per gli inbriglioni),poi sidevono dare i premi con esibizione dei tesserini,chi è assente perde il premio,eliminiamo i premi a squadre e diminuiamo la tassa gara,a 3,00 senza pacco gara.

  • lorenzo runlab

    caro marco hai colto nel segno come ben sai io ho sudato per premiare anche le signore master e devo dire la verità loro erano presenti mentre i colleghi maschi qualcuno ha bucato io come altri organizzatori accettiamo il consiglio e dalla prossima edizione premieremo solo gli atleti presenti

  • Marco Cascone

    Ciao Marco (Russo), metti una sera a cena, al tuo rinomato ristorante sorrentino: prepari una gran bella tavola d’onore, con sindaco di sorrento a capotavola, amministratori al suo fianco e dei rappresentanti delle migliori aziende che ti riforniscono la cucina. In più posti riservati agli amici, da te invitati. Ebbene, dei 40/50 amici da te invitati, sono una decina o poco più si presentano. Tante sedie vuote, alla cena che tu hai organizzato. Con tante sedie vuote sia tu sia il tuo ristorante, ti garantisco, non fareste una bella figura nei confronti dei presenti. Questo, nè più nè meno, è quanto accade sul palco, con i podi vuoti. In più, nell’articolo, parlo di Assenze Fisiologiche, nelle quali entri tu, in ragione del tuo lavoro domenicale, ed entrerebbero pochissimi altri (in questi casi l’assenza sarebbe giustificatissima, con l’organizzazione di certo consapevole della cosa)…non certo però da giustificare le altre decine di atleti assenti, così come ad esempio domenica scorsa è avvenuto alla premiazione della caracciolo gold run.

  • Luigi Merola

    Caro Marco, niente di meno tu addirittura vorresti che gli atleti rimarrebbero in pratica fino al termine. Tu sei obbligato a rimanere per dovere del tuo mestiere. Non capisco perchè dovrebbero rimanere gli atleti che già fanno tanti sacrifici per esserci la domenica.

  • Marco Cascone

    Ciao Luigi. vero, resto perchè è il mio mestiere, ma anche quando non sono in veste ufficiale…resto lo stesso: così come stamane a Striano. Non pretendo che restino tutti, ma quelli che devono salire sul podio sì, altrimenti che senso ha una premiazione per categoria??!! C’è il diritto di ritirare il premio vinto, ma c’è anche l’obbligo di farlo così come il regolamento prevede (diritti e doveri, non solo diritti). Non credo sia un sacrificio andare a correre. Se così è..la domenica meglio correre dalle proprie parti, non si fa uno sport per sacrificarsi ma per goderselo. Non ti pare?

  • Gennaro granata

    Eliminiamo del tutto le classifiche.

  • Vincenzo Costanzo Marathon club Frattese

    Buonasera Marco, hai sollevato un bel problema,vorrei segnalarti pero’ che spesso i premi di categoria non sono corrispondenti al reale ordine di arrivo,perche’ e’ ormai MALCOSTUME diffuso lo scambio del pettorale;quindi per la premiazione quelli che arrivano realmente non si possono presentare a ritirare il premio perche’ sarebbero sgamati . Ciao enzo costanzo

  • salvatorecavallini bancari romani

    sono d’accordo con marco per evitatare cio’ premierei i primi cento arrivati oppure se si vuole dare i premi per categoria solo ai presenti vedi come la prossima volta restano ed inventano scuse a casa!!!
    ps mi raccomando questo messaggio lo dovrebbero diffondere anche i presidenti
    si parla pur sempre di sport si dovrebbe dare un’ immagine positiva anche con cio’ che e’ contorno como la premiazione
    non fate sempre i furbi … e la corsa la domenica non e’ una spesa gratis !!!!!!!
    i premi si guadagnano

  • Agostino Rossi Podistica Caserta

    Nessuno di voi si è ricordato come lo scrivente ha iniziato questa battaglia dei non presenti già da qualche anno, scalando le posizioni e premiando solo i presenti.
    quanti podisti di mente corta . . . . . . . . . .
    Sig. Merola rispettare chi vi rispetta, avere una premiazione ricca di personaggi ripaga lo sforzo degli organizzatori.
    Tutto il rispetto per i vs sacrifici(io non lo vedo un sacrificio)

  • sono della societa expom attianese salvatore

    ho partecipato alla gara di sant’antonio abate ma la classifica è stata taroccata.
    perche avete fatto un errore con me il 7c perchè ho fatto 15 giri no 14 in 1h04sec.
    RIGUARDATE LA CLASSIFICA E PREMIATEMI COME DOVETE”!!!!!!!!!

  • SILVIO SCOTTO PAGLIARA X AGOSTINO

    SE TUTTI FACESSERO QUELLO CHE INIZIAI A BACOLI , ALLORA ……TUTTO SAREBBE BELLO !
    MA E’ UNA COPERTA CORTA IN CAMPANIA.
    CHI LA VUOLE SU’ E CHI LA VUOLE GIU’.
    BASTA CHE CHI ORGANIZZA……….INIZIA E POI …IL RESTO VIENE DA SOLO .
    MA SI DEVE INIZIARE , E’ QUESTO SPETTA FARLO ALL’ORGANIZZATORE ….SE NO’ RIMANE SOLO …..
    PAROLE , PAROLE …!
    ALLORA CHI INIZIA A SCRIVERE SUL VOLANTINO DELLA GARA …CHE LE PREMIAZIONI SARANNO FATTE SIL PALCO E AGLI ASSENTI NON SARANNO RECAPITATI I PREMI E CHE SI PASSERA’ AL NOMINATO SUCCESSIVO , SEMPRE CHE SIA PRESENTE , E COSI VIA .
    SONO CURIOSO CHI INIZIA PRIMA , HO QUALCUNO PENSA DI PERDERE QUALCHE ISCRITTO ALLA GARA ?
    AD MAIORA

  • Agostino Rossi Podistica Caserta

    Ciao mio caro Silvio , quel volantino lo stampai l’ultima gara dell’ultimo Trittico di Terra di lavoro a San Nicola la Strada ed ho continuato con tutti i memorial Lombardi a Maddaloni ed al memorial Russo di Santa Maria CV , per non parlare del mio TRAIL DI GIUGNO.
    Ho avuto fortuna con gli organizzatori con cui ho collaborato perchè hanno creduto nella mia novità.
    AD MAIORA Silviuccio

  • Elena Damiano Gestione Gare Podistiche per Attiane

    A parte che hai scritto nell’articolo sbagliato ma la tua pesante affermazione circa la taroccatura della classifica della 12x1ora di S.Antonio Abate (NA) del 1 ottobre 2011 ci ha incuriosito e ci siamo andati a rivedere tutta la tua gara nella registrazione video nei nostri archivi.

    Ti sorprenderà che una gara tarocca come l’hai chiamata tu abbia il video di 10 ore di gara ma è così.

    Sei partito alle 16.00.19, hai corso per 01h04m23s, TEMPO MEDIO GIRO 4.35,9; M/KM PER 1 ORA 4.48,9, TOTALI GIRI 14, KM*GIRI 13,37, KM/H 12,460, e sei passato sotto il traguardo alle:
    1) 16.04.15, 2) 16.08.04, 3) 16.12.11, 4) 16.16.29, 5) 16.21.13, 6) 16.25.49, 7) 16.30.34, 8) 16.35.23,
    9) 16.40.16, 10) 16.45.06, 11) 16.50.05, 12) 16.55.07, 13) 16.59.55, 14) 17.04.43

    con i seguenti parziali sul giro:
    1) 00:03:55,7; 2) 00:03:48,9; 3) 00:04:07,7; 4) 00:04:17,3; 5) 00:04:44,8; 6) 00:04:36,1; 7) 00:04:44,2; 8) 00:04:48,9; 9) 00:04:53,7; 10) 00:04:49,4; 11) 00:04:59,8; 12) 00:05:01,5; 13) 00:04:48,1; 14) 00:04:48,1.

    Ritieni ancora tarocco il nostro lavoro di rilevamento svolto?

    Forse la tua è stata una prestazione al quanto discutibile dal punto di vista cronometrico visto che sei partito sparato a razzo come un pivello (03:48,9) e sei arrivato alla fine cotto come un pollastro 5:01,5.

  • Elena GestioneGarePodistiche

    Per Attianese Salvatore
    Gentile atleta, la invito a rivedere la sua posizione sulla gara. Anche dalla prova video(ricontrollata ora per scrupolo) i suoi giri risultano 14. Cordiali saluti.

  • armando selene marathon stabia

    è vero Marco è molto triste vedere un podio privo dei premiati e di fatto cosi’ facendo si perde il senso stesso della premiazione che dovrebbe essere gratificante per gli atleti ;purtroppo x me ora i tempi da podio sono lontani ma ricordo ancora che quando a suo tempo si era premiati si aspettava per ore la premiazione e spessissimo i tempi di attesa era lunghissimi se paragonati a quelli odierni ,ma probabilmente quella era un altra ”epoca atletica” … tornando ad oggi credo che la strada percorribile sia premiare solo i presenti (cosi’ si evita pure lo scambio dei pettorali) e cmq dove possibile continuare pure premiando i primi 100,150 e cosi’ via …

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>