PodisteDOC slide — 18 dicembre 2013

consueloCi troviamo a Santa Maria Capua Vetere dopo aver disputato il XXXVI TROFEO AZZURRO. Mi avvicino alla forte triatleta della “Canottieri Napoli” Consuelo Ferragina, oggi ottima terza nella gara podistica dei 12 km e le pongo alcune domande sulla sua vita sportiva e non.

Consuelo, so che sei un’ ottima atleta in quanto ho avuto modo di constatarlo più volte in gara, ma nella vita di cosa ti occupi?

Ho finito di studiare due anni fa e mi sono specializzata in psicoterapia; sono  psicologa e psicoterapeuta, lavoro privatamente ,occasionalmente.

Dove abiti?

A Napoli, Corso Umberto, quindi pieno centro storico.

Che disciplina pratichi?

Io sono una triatleta. Nasco come triatleta per caso, inizio a fare  triatlon e  ufficialmente gareggio nel 2007 avendo splendidi risultati per la verità.

Da chi sei stata iniziata  a questa disciplina?

Dal dirigente sportivo della “Canottieri Napoli” che proprio mi voleva, voleva delle donne nella sua società e quando mi vide  mi convinse ad unirmi alla sua. Mi recavo al circolo Canottieri in bici, poi correvo un po’ e a volte nuotavo. Vedendo questa femmina che faceva tre cose e … bene, disse “Perché non le metti insieme?” ed io “… perché si può fare?” “Ma certo!”E così ho conosciuto il  Triatlon!.

Venivi da qualche sport in particolare?

No, niente, io non venivo da nessuno sport, ho iniziato proprio con il Triatlon. Feci la mia prima gara, la vinsi. Poi la seconda e vinsi anche quella  così ha avuto inizio il tutto.

Qual è stata la tua prima società?

Prima e ultima sarà sempre la “Canottieri Napoli”. Non sono cedibile, né me ne voglio andare. Rimarrò sempre con loro perché lì ci sono tanti affetti che ho ritrovato, per fortuna, ultimamente. Non mi posso staccare da quella che è la mia famiglia

Chi ti allena?

Per quanto riguarda il Triatlon il mio allenatore è Giacomo Vinci, poi per la corsa ho chiesto supporto a Salvatore Forino. Il mio preparatore atletico ufficiale è Nicola Agosti. Ho un’equipe alle spalle che è fantastica, oltre ad essere persone molto valide.

Con quale cadenza settimanale ti alleni?

Dovendo allenare tre discipline, è indubbio che devo gestire gli allenamenti e non posso dedicare alla corsa troppe sedute, così dedico dai due ai tre carichi settimanali alla corsa, alla bici sempre tre volte a settimana e nuoto tutti i giorni. Mi è stata poi inserita da poco anche la palestra.

La gestione dei carichi è sempre stata una mia curiosità perché da giovane ho praticato di tutto, dalla pallavolo al calcio, dai pattini all’arrampicata libera,dal nuoto ai tuffi e bici, la corsa per ultima è quella che però mi ha dato più ordine e, avrei voluto affiancarla ad altre discipline, ma per mancanza di tempo non l’ho mai potuto fare … Brava, ti ammiro e un po’ ti invidio per essere riuscita ad amalgamare tre discipline diverse ottenendo ottimi risultati.

I tuoi migliori risultati?

Sono arrivati nei Campionati Italiani di categoria nel 2007 2008 2009. Ho conseguito diversi titoli italiani. Mi sono classificata 4° quest’anno ai Campionati italiani di Duatlon, che è una gara tosta. 10° assoluta all’”Acquatlon “ di Napoli, secondo posto di categoria. Nella totalità ho gareggiato poco nel triatlon, maggiormente nella corsa.

Qual è stata la gara che ricordi con più emozione?

La gara che mi ha emozionato di più e che non scorderò mai è la Mezza Maratona di Napoli  del 2009 dove vinsi. E’ rimasta storica! Infatti c’è ancora gente che mi chiede “Ma sei tu che hai vinto nel 2009?” e questo mi emoziona ancora molto.

Ti capisco! E’ capitato anche a me di vincere la “Spaccanapoli” quest’anno e sono rimasta di stucco! Proprio non ci credevo!

Si, si,rimani di stucco, infatti io scoppiai a piangere  al traguardo! Pensavo “Ma sono stata io? Ho davvero vinto io?”

Bravissima! Io ti ammiro molto sia per la tua bravura che per la tua umiltà. Hai tutte le caratteristiche per vincere, ma praticando tre discipline sei ancora più meritevole perché dovendo allenare gruppi muscolari diversi è difficile emergere in una in particolare.

Allenando e sviluppando muscoli diversi, è importante soprattutto focalizzare l’allenamento fisico, ottimizzare l’allenamento per fare il tuo carico.

Con quale frequenza gareggi?

Dipende dalla giornata, ad esempio se piove gareggio, però lo decido all’ultimo minuto, dipende anche dalle gare in programma e se quel giorno riesco a trovare con chi aggregarmi.

Riesci a conciliare lavoro, famiglia, allenamenti?

Certo! Mi alzo molto presto.

In famiglia ti supportano?

Si, specie mia madre che mi segue ed incoraggia da sempre, ed è anche molto orgogliosa.  Sono molto seguita dalla mia famiglia che ha grande stima di me.

Vuoi ringraziare qualcuno per l’attività che pratichi?
Si, Nicola Costì che mi ha ripreso in extremis , pelo pelo quando stavo peggio aiutandomi anche a livello psicologico. E poi ho avuto la fortuna di incontrare Salvatore Forino che ha deciso di continuare il discorso iniziato con il podismo. Devo dire che mi sono trovata benissimo, sono molto contenta di aver incontrato queste due splendide persone che mi ruotano intorno con grande piacere.

Hai ragione, è bello avere un team alle spalle che ti aiuta e lavora con te, per te. A me molti insistono col dire “Ma perché gareggi sempre per essere competitiva? Rilassati, devi divertirti! Se continui così non ti diverti più!”

Si, è importante divertirsi, si inizia sempre per divertirsi, ma poi quando si parte ti scoppia qualcosa da dentro che ti porta a gareggiare per vincere. Tutto dipende da come vuoi impostare la giornata, la tua domenica, la tua gara.

A chi ti senti di consigliare lo sport ?

A tutti, perché lo sport è terapeutico, fa bene alla salute, mentale e fisica e forma il carattere e la personalità.

Ringrazio Consuelo per la sua cortesia e disponibilità e per aver condiviso con noi le sue esperienze sportive e di vita. Sono contenta di aver conosciuto un’atleta così forte e allo stesso tempo semplice e modesta come lei, che racconta i suoi risultati eccezionali con tranquillità e si emoziona per una vittoria non di rilievo nazionale ,ma conseguita nella sua città tra la sua gente. Brava Consuelo, continua così che meriti tutti i tuoi successi e ti auguro siano sempre tanti e di prestigio.

Un cloroso saluto a Consuelo e arrivederci alla prossima gara.

marilisa carrano

Per Podistidoc Marilisa Carrano

Foto di Franco Manna

Share

About Author

Peluso

  • Marco Cascone

    Complimenti Consuelo. Sì..la ricordo la tua bella emozione a napoli, una gran vittoria quella sulla Mezza Maratona. Salutami Giacomo Vinci, che anni fa ho avuto il piacere di allenare. Ragazzo serio e preparato. In bocca al lupo per tutto :-)

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>