Cronaca — 16 novembre 2010

(Padova 14.11.10) L’avevamo lasciato mentre mollava un pugno a un cartellone pubblicitario, dopo lo sfortunato quarto posto ai campionati europei di Barcellona, quando a frenarlo furono i crampi. Lo ritroviamo ora mentre piange di gioia al traguardo del capoluogo piemontese, emozionato e felice: Ruggero Pertile ha vinto la ventiquattresima edizione della Turin Marathon Gran Premio La Stampa, bloccando il cronometro dopo 2 ore 10’58’ e riportando un italiano sul gradino più alto del podio dopo l’affermazione di Danilo Goffi del 2005 (il carabiniere, in gara anche quest’anno, è arrivato quinto)
Un successo che il campione di Assindustria Sport Padova, tornato a far sua una maratona dopo i trionfi colti a Roma nel 2004 e a Padova nel 2006, dedica alla piccola Alice, nata poco più di quattordici mesi e fa e pronta ad attenderlo in Piazza Castello, assieme a mamma Chiara. «Oggi serviva correre con la testa, perché c’era molto umidità e il gruppetto al comando procedeva a strappi – commenta l’atleta di Villanova di Camposampiero – Ho capito che in queste condizioni era difficile migliorare il mio personale e così ho pensato soprattutto alla vittoria. Ringrazio chi mi è sempre stato vicino, da Assindustria, la mia società, ai supermercati Alì, i tanti amici venuti a sostenermi sin qui, la mia famiglia e soprattutto Alice, che esordiva da tifosa in una maratona e che mi ha dato la carica per arrivare in fondo». E, mentre nomina la figlia, Ruggero si commuove dalla contentezza.
«Spesso non sono stato fortunato in carriera – continua ‘Rero’, che in questa stagione non ha gareggiato moltissimo, riprendendo a correre solo a maggio, dopo essere stato il miglior maratoneta europeo del 2009 – e non lo sono stato nemmeno ultimamente, perché vengo da un anno difficile, dopo l’intervento avuto lo scorso dicembre al tallone, da cui non è stato facile riprendersi. Prima dei campionati Europei ho invece avuto un problema ai denti che mi ha impedito di prepararmi al meglio. A Torino tenevo a far bene proprio per questo»
Pertile, seguito nel corso della prova dal tecnico Massimo Magnani che l’ha incitato sino al traguardo, si è gestito con intelligenza, transitando a metà gara con una ventina di secondi di ritardo dal gruppetto di testa. Tra il trentesimo e il trentacinquesimo chilometro ha iniziato la sua rimonta, riprendendo il keniano Kimaiyo e l’etiope Lemma (poi secondo e terzo all’arrivo in 2 ore 11’45’ e 2 ore 12’21’). Al trentacinquesimo è passato in un’ora 48’16’, con 56′ di ritardo sul battistrada Kyprotich che, partito come «lepre», ha voluto provare a vincere la corsa. Ruggero lo ha raggiunto poco prima del trentanovesimo chilometro e, da lì in poi, è andato avanti da solo, lanciato verso il traguardo di Piazza Castello che, nel 2009, l’aveva visto finire al secondo posto. Stavolta ha chiuso la sua maratona con le braccia alzate e il suo miglior sorriso, conquistando una splendida vittoria. Se la meritava.


 

Autore: Assindustria Sport Padova

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>