slide TuttoCampania — 20 maggio 2014

Isaura corsa del mitoLa “Corsa del Mito”, la gara che unisce il porto di Palinuro a quello di Marina di Camerota, la gara che ha come tracciato strade che attraversano bellezze paesaggistiche mozzafiato, la gara che da quest’anno ha portato a percorrere un totale di 15 km, fatti di ondulazioni che poco tolgono al ritmo, la “Corsa del Mito” dicevo è una splendida realtà delle organizzazioni campane. Organizzazioni che negli ultimi anni stanno esprimendo eventi superiori, e tra questi un posto d’onore l’occupa oramai proprio la gara espressione della meticolosa, puntuale e passionale organizzazione di Mario Scarpitta e dei tantissimi collaboratori dell’associazione che presiede: Tuttinsieme. Non c’è da meravigliarsi quindi se poi si registra il record degli iscritti e degli arrivati, se la festa a Marina di Camerota sia stata persino più festa degli scorsi anni, se le mini gare giovanili, che precedono l’arrivo della 15 km, siano state partecipate come non mai, se per vincere la gara sia stato necessario scendere sotto i 3’00” a km in campo maschile, sui 3’25” in campo femminile.

Grande evento la Corsa del Mito, un’opportunità offerta a tutti gli appassionati di vivere al meglio, e da protagonista, un evento superiore.

Gara

Caldo, ma non troppo; cielo parzialmente velato; tasso di umidità nei giusti limiti: non male quindi le condizioni per correre, e per correre a buon ritmo. Se ne sono accorti gli atleti in testa al gruppo, con passaggi sotto i 3’00” a km di media già al terzo km (8’54” il parziale). Poi le ondulazioni del tracciato hanno fatto oscillare la proiezione del tempo presunto d’arrivo, per poi confermarsi sotto i 45’00” all’arco finale. L’atletica, e la corsa su strada, non è mai stata una scienza esatta e mai, per fortuna, lo sarà. E anche la previsione di vittoria non è mai facile, persino quando un atleta (tra l’altro Ruandese) è nettamente in testa a poco più di un km dal traguardo. Infatti, ai 1500 metri dall’arrivo, in testa, da solo, segnalato Jean Baptiste Simukeka, per poi vederlo praticamente trascinarsi all’arrivo, in terza posizione. E’ successo che Simukeka ha gestito male la seconda parte di gara, crollando nel finale, coadiuvato nel crollo anche dal grande rientro in accelerazione del Marocchino Zain Jaouad e dal Keniano Kisorio Kimeli. A passare per primo sotto l’arco d’arrivo il keniano Kimeli, con un ottimo 44’46” finale. A 13” Jaouad, con Simukeka arrivato dopo 5” dal Marocchino. Bella la gara per Abdelhadi Ben Khadir, capace di “viaggiare” sul piede dei 3’04” a km, precedendo a sua volta l’altro Magrebino Boufars. Primo italiano al traguardo, Gilio Iannone (9° – 51’05” per lui). Mario Cirillo e Francesco Bassano a completare l’ideale podio bianco-rosso-verde.

Gara femminile con assolo, a grandi ritmi, della Keniana Hellen Sepkurgat. Niente da fare per le forti avversarie, troppo anche per loro la media finale della giovane ragazza degli altipiani africani. A termine della sua galoppata, ecco piazzato un 51’15” finale che sarà duro da battere nelle prossime edizioni della 15 Km cilentana. Basta leggere i nomi delle altre ragazze all’arrivo per rendersi conto del valore tecnico della gara in rosa, con Soumiya Laabani sul secondo gradino del podio, per lei 53’36”. Terza, l’altra Keniana Mukasakindi. Detto della quarta piazza di Meriyem Lamachi, la quinta all’arrivo (Palma de Leo) è stata anche la prima delle italiane a chiudere la gara. A seguire Annamaria Vanacore (prima Campana), con Tina Franzese 7^, con al seguito (tra loro solo 20”): Maria Romanelli (Running Club Atletica Camerota), Jean D’Argenio (Run For Life), Rosaria Solimene (Marathon Club Stabia).

La classifica a squadre è andata alla corazzata Isaura Valle dell’Irno.

La presenza di due testimonial d’eccezione, quali i mitici (è il caso di dirlo) Alberto Cova e Claudio Chiappucci, ha dato ancor più lustro all’evento.

Un evento, la “Corsa del Mito“, che sta facendo la differenza, anno dopo anno. E anno dopo anno questa gara sta acquisendo il giusto spazio nel panorama dei migliori eventi, in Campania e non solo!

Marco CasconeMarco Cascone

 

Share

About Author

Cascone

  • salvatore albrizio atletica isaura

    complimenti al mio stupendo team per l’ennesimo successo,forza isaura.

  • Carmine Marrone

    Siamo tornati molto volentieri a Palinuro consapevoli che avremmo passato una bella giornata di sole, mare e sport e così è stato. I nostri atleti con il tifo a seguito costituito da mogli, e mariti ovviamente, figli e fidanzate ed ecco riuscita la ricetta per il divertimento. La Corsa del Mito, con l’edizione odierna, Port Palinuro to Port Camerota, ha offerto un bellissimo spettacolo a tutti gli intervenuti, atleti e spettatori. Nulla da eccepire al responsabile dell’organizzazione, il Presidente Mario Scarpitta, gran brava persona, umile e competente. Alla prossima

  • orazio iasparro

    saluti a tutti vorrei esprimere una mia opinione secondo me dopo i primi 15 arrivati abbiamo sofferto tutti la salita iniziale perche’ non la togliete…………ciao

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>