Curiosita slide — 24 gennaio 2018

IMG_1295PalaseVito sono abituati ad imprese sportive molto difficili multisport e anche in autonomia, si spostano in bici, di corsa, a nuoto, e soprattutto Vito partecipa a gare estremissime come l’Ultraman, una gara composta da 10km di nuoto, 420 di bici e 84km di corsa, cosa impensabile per i comuni mortali ma anche impensabili per runner, maratoneti e ultramaratoneti, così come ha portato a termine la Race Across America in meno di 12 giorni, percorrendo circa 5.000km, la media di più di 400km al giorno, cose bizzarre e straordinarie con l’assistenza della moglie e di un team preparato.

Invitato da Enzo Cascella presidente della società di running e walkingLa Barlatte Sportiva, ho partecipato a un convegno a Barletta come relatore sui benefici del Cammino di Santiago e ho pensato di chiedere ai miei amici le loro esperienze e impressioni sui vari percorsi di cammino. Tra i tanti, Palas eVito quest’anno hanno percorso ilCammino in mountain bike e quindi Vito, attraverso risposte ad alcune mie domande ci racconta le loro avventure.

Che Cammino avete fatto per arrivare a Santiago? “Abbiamo seguito il Cammino del Nord da Bayonne, in Francia, fino a Oviedo e poi da Oviedo abbiamo preso il Cammino Primitivo fino a Santiago. Il Cammino Primitivo è il cammino più antico e anche quello più selvaggio. Pensavamo sarebbe stato un po’ più difficile del Cammino Francese, che è il Cammino più seguito, ma è stata tutta un’altra storia…molto…molto più difficile. Sarà per questo che ci sono molti meno pellegrini e ancora meno ciclisti su questo Cammino. In ogni caso, a Santiago eravamo ancora motivati e abbiamo continuato fino a Muxia, dove la leggenda dice siano arrivate le spoglie di Santiago (San Giacomo) dalla Terra Santa, e poi fino a Finisterre, la fine del mondo secondo gli antichi”

Quanti km al giorno avete fatto e com’è il percorso? “Abbiamo fatto più di 100km al giorno di media, con dislivelli di 2000-2700 m. I percorsi molto tecnici: rocciosi, pietrosi, fangosi etc..Ci sono delle alternative per mountain bike che evitano i tratti più difficili del Cammino, dove tipicamente vanno solo i pellegrini a piedi, ma noi abbiamo preferito seguire il Cammino ufficiale. Infatti sono proprio quei tratti più impervi a rivelare le bellezze e le amarezze del Cammino.”

 

Ma tutto ciò non fa paura alla coppia Vito e Palas, loro sono amanti della natura, dello sforzo, dell’affrontare le difficoltà, delle zone di non confort.

Quanti giorni avete impiegato, eventuali recuperi, notte tenda o ostelli? Palas ha retto bene? “Abbiamo fatto 1050 km includendo la tratta da Santiago a Finisterre, in 9 giorni e 20 ore. Quando eravamo in bici i ritmi erano serrati, ma abbiamo anche approfittato a visitare, sebbene un po’ di fretta, i posti che di volta in volta attraversavamo, Bilbao, San Sebastian, Santander, Oviedo, Lugo e molti altri. Visite a parte, l’obiettivo giornaliero rimaneva di fare almeno 100 km. E siccome erano 100 km pieni di difficoltà, ci muovevamo più lentamente di quello che ci aspettavamo, così abbiamo finito per dormire 4-5 ore a notte. Da una parte invidiavamo un po’ gli altri ciclisti che alle 2 di pomeriggio avevano già concluso la loro giornata, mentre noi continuavamo almeno fino alle 2 di notte. D’altra parte eravamo motivati dalla voglia di continuare a esplorare e da un desiderio di avventura. La parte più interessante comunque era di notte, quando non c’era nessuno sul Cammino o nei paesini di montagna. Ed era proprio in quei momenti di solitudine che potevamo immaginarci come doveva essere per i pellegrini nel Medioevo. Abbiamo dormito in tenda (o anche senza, all’aperto). Il giorno più lungo è stato da 28 ore non-stop.”

 

Senza soste, senza dormire, dura prova per la coppia di avventurieri soprattutto per Palas che è meno abituata ai ritmi più estremi di Vito. Diciamo che non si tratta di un vero cammino meditativo dove in genere si esercita la lentezza e diventa più un percorso spirituale e mistico.

Cosa ha dettato i vostri ritmi cosi serrati?“In effetti abbiamo dovuto mantenere dei ritmi piuttosto duri in sella, questo però non è stato dettato dall’idea di trasformare un percorso di pellegrinaggio in una gara a cronometro, ma piuttosto dal fatto che avevamo a disposizione meno di 10 giorni. Magari sul Cammino Francese 10 giorni bastano e avanzano ma non sul Primitivo. E poi volevamo vivere il Cammino intensamente. Avere dei ritmi cosi serrati non significa che viene meno la parte contemplativa, anzi per noi è proprio il contrario. E’ proprio nei momenti duri e di sacrificio che emerge la parte spirituale e mistica.”

Le bici a noleggio? “Abbiamo portato il nostro tandemMTB! I percorsi erano troppo tecnici per fare affidamento a delle bici a noleggio.”

 

Già non si tratta di un giro in bicicletta, ma di imprese ardue e se i mezzi non sono collaudati si rischia di restare a terra in cerca di autostop o di continuare solo con le proprie gambe.

Tutto passa, passano giorni e mesi di lavoro, passano momenti, ore e giorni di vacanza e sport e si ritorna alla quotidianità sempre più arricchiti e soddisfatti in cerca di nuove mete e direzioni da pianificare e partire per continuare a sperimentare una vita densa e intensa.

Avete bruciato un capo di vestiario?“No, anche perché i vestiti che avevamo addosso erano gli unici che avevamo.”

.

So che c’è usanza di bruciare un capo di vestiario e gettarlo in oceano a Finisterre, comunque bel racconto, bella storia appassionante con la voglia di partire e conoscere posti incantevoli.

 

Interviste, racconti e testimonianze da parte di atleti di sport di endurance mi hanno permesso di scrivere il libro dal titolo “Ultramaratoneti e gare estreme“, Prospettiva Editrice, Civitavecchia, Collana: Sport & Benessere, anno edizione: 2016.

https://www.ibs.it/ultramaratoneti-gare-estreme-libro-matteo-simone/e/9788874189441

 

Matteo SIMONE

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>