Medicina slide — 08 maggio 2018

 ondeCaratteristiche

Le onde a pressione radiale offrono una soluzione di trattamento non invasivo dalle patologie a carico dei tessuti molli e delle ossa. Il trattamento locale dell’area interessata migliorerà e regolerà il sistema di guarigione , riducendo il dolore e migliorando le funzioni.

La terapia di onde a pressione radiale (Radial Pressure Wave ,RPW) comporta pochissimi effetti collaterali , è indicata per condizioni che di solito sono piuttosto difficili da trattare e adesso è ampiamente utilizzata per molte applicazioni terapeutiche e per il benessere.

Gli effetti fisici delle onde a pressione radiale includono: riduzione del dolore (teoria del Gate Control), aumento del metabolismo, (le onde d’urto influenzano i tessuti a livello cellulare), effetto di rivascolarizzazione, (il flusso ematico rinnovato facilita la guarigione e la rigenerazione dei tessuti) e il recupero del tono muscolare.

 

Applicazioni:

. Punti trigger miofasciali

. Disturbi delle inserzioni tendinee

. Rassodamento del tessuto muscolare e connettivo

. Agopuntura con onde d’urto

. Trattamento della cellulite (stadi I-III)

. Eliminazione della congestione linfatica

. Regolazione del tono muscolare

. Massaggio terapeutico

Le Onde d’Urto sono state introdotte in medicina , negli anni 80 , per il trattamento della calcolosi renale.

 

 

 

Recentemente sono utilizzate per alcune patologie:

  1. Nel ripristino dei processi di riparazione ossea in presenza di un ritardo di consolidazione o di pseudoartrosi (frattura di tibia, femore , scafoide carpale…)
  2. Nell’esito fibrotico e/o calcifico delle lesioni muscolari ( strappi, lesioni da taglio o schiacciamento dovuto al versamento ematico intramuscolare che si organizza e si concretizza in un residuo cicatriziale e/o calcifico ;
  3. Nelle patologie tendinee da sovraccarico (tendinopatie croniche localizzate come le epicondilite , tendinopatia achillea, tendinopatia calcifica della spalla , fascite plantare con spina calcaneare).

 

Controindicazioni

  • Soggetto predisposto ad eventi emorragici , disturbi della coagulazione, utilizzo di farmaci anticoagulanti (specie il Marcumar)
  • Tumori ossei, infezioni ossee, infiammazioni acute ;
  • Gravi ostruzioni arteriose (3° e 4° stadis);
  • Trombosi venosa profonda , flebite, varici, ;insufficienza circolatoria
  • Polineuropatia (diabetici per disturbi sensoriali e nervosi);
  • In presenza di corpi estranei metallici;
  • In presenza di cartilagine di accrescimento
  • Infiltrazioni corti soniche recenti (attendere 6 settimane).

Articolo a cura del Dott. Franzese Michele, Fisioterapista Ryakos Center

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>