Cronaca — 27 settembre 2009

‘Una partecipazione così, non ce la saremo mai aspettata – dice Renato Migotti, coordinatore della manifestazione – abbiamo dovuto chiudere le iscrizioni anticipatamente per motivi organizzativi. I concorrenti sono arrivati da tutta Italia, una giornata di sport legata alla memoria dei luoghi del Vajont.’
La partenza è stata data dal centro di Longarone, con in prima fila i quattro sindaci dei Comuni interessati dalla manifestazione, Longarone, Castellavazzo, Erto, Casso e Vajont. Il lungo serpentone si è allungato sino alla località Dogna, dove il sentiero ha iniziato a salire verso la Diga del Vajont.
Gli atleti, grazie alla collaborazione con l’Enel, hanno potuto correre attraversando luoghi che normalmente sono vietati al pubblico. Il comitato organizzatore, l’Associazione Superstiti del Vajont, coadiuvata da oltre trecento volontari messi a disposizione da 54 enti e istituzioni, aveva allestito tre percorsi, il più breve, di dieci chilometri destinato alle famiglie e ai più piccoli, era anche interamente percorribile dai disabili.
Il percorso intermedio e quello lungo dopo l’attraversamento del Ponte Canale sotto la Diga del Vajont, prevedevano l’attraversamento del Coronamento della Diga. Il tracciato più lungo raggiungeva l’abitato di Erto per poi ritornare a Casso e scendere nuovamente verso Longarone.
I diciassette chilometri raggiungevano invece direttamente Casso. Per quanto riguarda la gara sui dieci chilometri Gianni Viel vince con il tempo di 36.02, alle sue spalle Giuliano De Biasi. Manuel Bratti è terzo con 1.40 di ritardo dal primo. Nella classifica femminile vittoria per Manuela Moro che taglia il traguardo in 42.39. Sale sul terzo gradino del podio Elena Quariglio.
Nella gara intermedia dei diciassette chilometri Olivo Da Prà dei Vigili del Fuoco di Belluno vince davanti a Stefano Bertelle. Il Vigile del Fuoco ha guadagnato la prima posizione subito dopo l’attraversamento della diga, sino a quel momento Stefano Bertelle e Michele Ermacora conducevano la gara. In discesa nessuna difficoltà per Da Prà che taglia il traguardo posto nel piazzale di Longarone Fiere con il tempo di 1.08.12. Alle sue spalle Bertelle e Ermacora con rispettivamente trentuno e quarantasei secondi di svantaggio.
Leonardo Poser vince la gara più difficile sulla distanza di venticinque chilometri. L’assalto alla vittoria è iniziato dopo il ristoro di Erto, Poser sino a quel momento era in seconda posizione alle spalle di Fulvio Peruzzo. L’atleta bellunese Stefano Burlon ha corso sempre in terza posizione, piazzamento che ha mantenuto sino al traguardo. Poser conduce una gara accorta e senza prendere troppi rischi nella lunga discesa che porta a Codissago, il battistrada chiude la gara in 1.47.46. Fulvio Peruzzo giunge a Longarone Fiere con un ritardo dal primo di 1.51, Stefano Burlon è terzo con il tempo di 1.50.37.



Classifica 25 chilometri maschile
1. Leonardo Poser, 1.47.46; 2. Fulvio Peruzzo, 1.49.38; 3. Stefano Burlon, 1.50.37.
Classifica 25 chilometri femminile
1. Antonia Filippin, 2.09.38; 2. Monica Penzo, 2.09.41; 3. Alessia Molin, 2.21.35.
Classifica 17 chilometri maschile
1. Olivo Da Prà, Vigili del Fuoco Belluno, 1.08.12; 2. Stefano Bertelle, 1.08.43; 3. Michele Ermacora, Gruppo Sportivo Aquileia, 1.08.58.
Classifica 17 chilometri femminile
1. Sonia Meneghello, 1.27.03; 2.
Stefania Zanon, 1.28.21; 3. Sabina Viel, 1.29.50.
Classifica 10 chilometri maschile
1. Gianni Viel, 0.36.02; 2. Giuliano De Biasi, 0.37.35; 3. Manuel Bratti, Atletica Belluno, 0.37.43.
Classifica 10 chilometri femminile
1. Manuela Moro, 0.42.39; 2. Monia Capelli, Atl. Vittorio Veneto; 3. Elena Quariglio, Gruppo Marciatori Calalzo.
 


 

Autore: Cs

Share

About Author

Peluso

  • italo giannina Ana Feltre

    Gran bel percorso per me,che ho fatto la 17 kt.Grande partecipazione visto anche la splendida giornata.Ottimo servizio x la sicurezza e assistenza lungo tutto il percorso e x l’arrivo.Nel scenario inponente ho trovato il tempo x un pensiero a quanti,in questa indimenticabile tragedia han pagato con la vita!UN percorso che aiuta a riflettere ed a non dimenticare mai!

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>