Atletica News — 21 novembre 2009

La versione approvata dal Consiglio Federale del 23-10-2009 per l’organizzazione di manifestazioni contiene delle modifiche rispetto agli anni precedenti che sta già facendo discutere per l’introduzione della tassa di un Euro che gli organizzatori dovranno pagare per ogni atleta classificato (oltre alla tassa gara, eventuali giudici, cronometristi…).
Al posto di un’organizzatore di un evento non saprei se augurarmi di avere oltre mille atleti come avviene spesso in Campania o se accontentarmi di qualche centinaio. Ma sarebbe davvero un problema per un’organizzatore? Oppure alla fine andrebbe tutto a carico delle spalle (anzi delle tasche) degli amatori che partecipano alla manifestazione?
Un’altra norma meno appariscente mi sconcerta perché più subdola. L’articolo 5 – Norme per le corse su strada, al comma 3, indica gli atleti che possono partecipare alle diverse tipologie di manifestazioni.




















Tipologie di manifestazioni


Gare per le quali è ammessa la partecipazione di:


Regionali-Provinciali:




  • atleti italiani e stranieri tesserati per Società della Regione affiliate alla Fidal;



  • atleti italiani tesserati in ambito regionale per gli Enti di Promozione Sportiva (Sez. Atletica), nel rispetto delle convenzioni stipulate con la Fidal.



  • atleti provvisti del ‘cartellino di partecipazione gara’, nel rispetto di quanto previsto all’art. 12/6.


Nazionali:




  • atleti italiani e stranieri tesserati per Società affiliate alla Fidal;



  • atleti italiani tesserati per gli Enti di Promozione Sportiva (Sez. Atletica), nel rispetto delle convenzioni stipulate con la Fidal.



  • atleti provvisti del ‘cartellino di partecipazione gara’, nel rispetto di quanto previsto all’art. 12/6.


Internazionali




  • atleti italiani e stranieri tesserati per Società affiliate alla Fidal ed a Federazioni straniere affiliate alla IAAF.



  • atleti italiani tesserati per gli Enti di Promozione Sportiva (Sez. Atletica), nel rispetto delle convenzioni stipulate con la Fidal.



  • atleti provvisti del ‘cartellino di partecipazione gara’, nel rispetto di quanto previsto all’art. 12/6.


E’ vero che la maggior parte degli atleti non si sposta dalla propria regione se non per grandi eventi (che presumibilmente sono già di tipologia “Nazionale”), ma perché privare di questa possibilità per eventi minori? Personalmente ho gareggiato in diverse regioni d’Italia ed ultimamente ho scoperto che è un modo di fare turismo con la famiglia. Dovrò stare più attento nella scelta delle destinazioni. Non potrò scegliere di andare ad una maratona come quella del Gargano oppure di partecipare il 1° gennaio al “Tuffo a mare e corsa” a Taormina (una medaglietta ricordo per tutti!) perché non saranno gare nazionali.
La sostanza è che sarà possibile gareggiare solamente nella propria regione a meno che la gara non sia di tipologia nazionale (700

Share

About Author

Peluso

  • Mariano Formisano – A.L.B.A. Bacoli

    La FIDAL stà facendo di tutto per far allontanare gli amatori dalle gare e proibire la libera circolazione delle persone nel nostro paese… grazie cervelloni !!!

  • raffaele colantuono

    avete tutti ragione,il giorno 5 nov al palaindor ponticelli c’è una riunione di tutte le societàed organizatori, non mancate……

  • ugo costabile – podisti alto sannio

    e che dire degli amatori al confine di regione che non potrebbero partecipare a tutte le gare NON nazionali (ma chi se le può permettere ??) organizzate dalle altre società ? alla fine, si concluderà che è meglio tesserarsi uisp e correre in allegria :-) senza tante elucubrazioni (in italiano, non in dialetto) mentali

  • bertone luigi ercosport

    FINALMENTE SIETE RIUSCITI HA FARE UNA RIUNIONE. MI RACCOMANDO X UNA VOLTA METTETE I PERSONALISMI DA PARTE E FATE IN MODO CHE VENGA FUORI LO SPIRITO DEGLI AMATORI VERI CIOE QUELLI CHE AMANO QUESTO SPORT.SALUTI A TUTTI A PRESTO.

  • Albino Di Filippo, Atl. Ermes

    Caro Marco, quanto da te denunciato è purtroppo drammaticamente vero e mi induce a temere che questa nuova delibera federale rischi di segnare una svolta tanto decisa quanto drammatica su quello che sarà il movimento podistico degli anni a venire! Quante organizzazioni, che già fanno mille sacrifici economici, potranno permettersi di sborsare, oltre alla già esosa tassa fissa, una quota variabile tra i 200 e i 1500 euro in ragione degli atleti arrivati??? e soprattutto tali ulteriori spese a scapito di quali servizi dovranno subentrare? Quindi, come tu dicevi , delle due l’una: o si abbassa il livello dei serivizi offerti o si maggiora il contributo di partecipazione e se la prima ipotesi rischia di far perdere di consenso in chi organizza, la soluzione al quesito, ahimè, è presto tratta!!! Quanto alla faccenda sulla partecipazione a gare regionali, sfuggita ai più distratti è, se possibile, ancora più triste: la corsa, lo sport, è comunicazione tra paesi diversi, è turismo, è sponsorizzazione di culture e tradizioni, e a tutto questo si attenta in maniera scellerata. Basti pensare ai tanti atleti lucani o laziali che costantemente ci onorano della loro presenza in Campania oppure alle gare organizzate con tanto impegno dal Club Podistico Lauria popolate per più del 50% da podisti di fuori regione (gare di Lauria, Trecchina). Un sotterfugio forse potrebbe trovarsi nel art. 12.6 ‘cartellino di partecipazione gara’, ma noi non cerchiamo e non possiamo cercare sotterfugi per svincolarci da inaccettabili regole proposteci con tanta nonchalance!!!

  • francesco viscovo asd amatori vesuvio

    ..è ovvio ke si ripercuoterà sugli atleti ke partecipano alle gare e alla tassa di iscrizione si aggiungerà un altro euro..io li befferei …mettiamo un traguardo virtuale 20 metri prima di quello ufficiale..arriviamo lì e facciamoci la nostra classifica personale e per la fidal NESSUN CLASSIFICATO!! c’ vuless proprj na cos è kest!!!

  • Nicola D’Andrea a.s.d. “Atletica San Nicola”

    Presidenti delle società Campane,perchè non ci affiliamo e tesseriamo tutti con la UISP?
    E’ una federazione che funziona bene,è economica ed è riconosciuta sia a livello Nazionale che Internazionale.Personalmente ho partecipato fuori regione a diverse gare di grande importanza organizzate con la UISP,dalla 10 km. alla 21 km. e alla maratona ed alla partenza vi erano grandi campioni nazionali e non, con delle organizzazioni impeccabili. Non sarebbe il caso di iniziare a pensarci, tutto sta nel partire.

  • raffaele colantuono

    rettifico l’appuntamento,la riunione si terrà sempre il 5/11/09 maal vomero,via A.longo 46(Vicino allo stadio collana)non mancate…

  • Eliseo D’Andrea

    X Raffaele Colantuono. L’appuntamento è forse per il 5/12/2009? Grazie.

  • Giordano Mastriani

    c’è poca chiarezza in tutto! anche negli appuntamenti….. nell’era dei comunicati!!!!

  • Francesco Diana A.S.D. Amatori Vesuvio

    sul sito FIDAL campania c’è l’appuntamento ufficiale per il giorno 5 dicembre (sabato) alla sede del CONI al vomero-Napoli alle ore 9,00

  • Marco Cascone

    Vista la data, e le finalità dell’incontro,…penso che la Fidal Campania dovrebbe prolungare i termini di inserimento in calendario delle gare 2010. Gli organizzatori hanno bisogno di coordinare le idee e decidere in merito al loro evento.
    Per quanto riguarda le precisazioni di Marco Calderone, sono totalmente d’accordo. Personalmente abolirei persino la suddivisione gare nazionali, regionali

  • E. Grieco Pod. S. Giovanni a Piro G. Policastro

    E’ vero la Fidal sta facendo di tutto per allontanare gli amatori ed i giovani dalle gare e quindi da questo sport! E questo si aggiunge all’assenza della stessa Fidal dalle scuole (se non poche eccezioni che non sono curate direttamente dalla Fidal) che sono il vero bacino da cui pescare i futuri campioni … altrimenti a livello nazionale faremo ancora la fine di Berlino 2009!
    Tornando all’argomento, noi del Golfo di Policastro che siamo ai confini con la Basilicata ed a pochi passi dalla Calabria, secondo questa norma non potremo ad es. partecipare alle gare di Potenza, Lauria, Trecchina, Paola, ecc. ecc.
    Mi sembra veramente uno schiaffo all’intelligenza umana! Anche se siamo lontani da Napoli, spero di poter essere presente alla riunione del 5/12 … dobbiamo esere in tanti e cercare di non subire e basta!!

  • tiziano guerra -a.s.d. pntelungo bologna

    Anch’io come molti altri in Bologna ci stiamo organizzando,che nel caso il comitato regionale applcasse, tale balzello ci affilieremmo solo alla UISP che sta facendo cose EGREGIE “”.

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>