Atletica News — 19 novembre 2010

I Camionati Italiani a squadra su pista master, accessibili per gli anni addietro solo alle squadre che ottenevano maggior punteggio nella fase regionale, sono stati cancellati dal nuovo regolamento Fidal per l’anno 2011.
Per conseguire il titolo a squadra bisogna raggiungere il punteggio massimo in tre distinte prove: Due regionali e una nazionale.
La prova nazionale si svolgerà a Cosenza in occasione dei Campionati Individuali master dal 30 settembre al 3 ottobre.
Alcuni siti del Nord ( Atletica week- Webatletica) e la la Fidal Veneto hanno duramente criticato questo nuovo regolamente e , così come avevano fatto per Cagliari hanno di nuovo bollata la sede di Cosenza (Sede scomoda e non facilmente raggiungibile) come sede di Campionati Italiani.
Io non concordo con le critiche e sono pienamente convinto della bontà del nuovo regolamento Fidal per questi motivi:


1) La scelta delle due fasi regionali per l’attribuzione dei punteggi per concorrere al titolo daranno maggiori possibilità agli atleti di ogni regione di partecipare in massa nei vari campionati regionali con la consapevolezza che ogni squadra può raggiungere una collocazione dignitosa nel panorama nazionale master.  


2) La scelta della terza fase rappresenterà una vera e propria festa per l’atletica master e non certamente una limitazione a poche squadre così come avveniva per il vecchio Campionato Italiano master.


3) Il valore di ogni singola squadra si rileva con maggior forza nelle tre fasi in quanto non esistoni alibi (atleti infortunati, logistica scomoda ecc.) Ogni atleta può far valere il suo valore atletico perché ha a disposizione tre fasi di partecipazione.


4) La sede di Cosenza non é né scomoda né dificilmente raggiungibile in quanto ha le strutture ricettive a disposizione e può essere raggiunta facilmente in macchina,in treno e, attraverso gli autobus che ogni giorno arrivano in questa città, sede di una delle più belle Università del Sud.


Ricordiamoci sempre che noi apparteniamo al mondo master che, non può obbedire solo ad uno sfrenato e insensato agonismo ma che rappresenta un modo nuovo di intendere lo sport e le competizioni. 


 

Autore: Giovanni Basile

Share

About Author

Peluso

  • vittorio savino, arca atletica aversa

    caro giovanni, ritengo che quanto da te sostenuto sia condivisibile.
    Di certo una finale di CdS MAster su pista non può costare circa 5.000 euro, così come accaduto per la recente finale di Cagliari, è una spesa assurda per chi , come nel mondo master, cerca di divertirsi.
    Di certo accettare le novità nel mondo dell’atletica, così come nel mondo intero dello sport italiano, è cosa non certo facile, specie per delle strutture incapaci di rinnovarsi e trovare nuova linfa da decenni ,
    Per quanto riguarda la sede di Cosenza, credo che la stessa sia una sede come tante altre in Italia, lontana da chi sta al nord, ma questo capita anche a noi, quando siamo chiamati a raggiungere luoghi molto lontani dalle nostre sedi di residenza.
    Proviamo comunque questa nuova esperienza con lo spirito giusto di tutte le novità.

  • silvio scotto pagliara -asd stufe di nerone

    sono per la descrizione del dott.Vittorio Savino-
    Si andava al Nord e quelli del Sud ?
    Adesso si và al Sud , e come dire una volta ciascuno non fà male a nessuno .
    Ma , il rinnovarsi , che auspica , il dottore , è quello che deve essere indicato per trovare stimoli e nuova linfa.
    saluto Giovanni e…..Vittorio .
    silvio ex budokan e quanti ricordi di pista ….e campionati master .
    buona giornata a tutti Voi .

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>