Cronaca slide — 16 aprile 2013

Due ordigni esplodono tra la folla in attesa dell’arrivo degli atleti; gli scoppi dopo 4 ore di gara. Bloccata per sicurezza la corsa, anche per facilitare i soccorsi. Illesi tutti i 24 mila maratoneti; ma molti sono ancora sotto choc.

 Bombe sulla maratona di BostonBombe, morti e feriti: un violento attentato ha colpito al cuore la maratona di Boston, devastando la zona degli arrivi. Le prime stime dei federali americani parlano di tre morti (tra cui una bambina) ed oltre cento feriti, con sei persone in imminente pericolo di vita, ma la cifra non è ufficiale. Le vittime apparterrebbero a coloro che assistevano dalle tribune alle ultime fasi della gara. Tranne qualche svenimento, sembra che  i circa 24 mila atleti siano usciti indenni dalla strage. Immediatamente lungo l’intero percorso sono stati fermati i podisti ancora in gara e l’evento è stato bloccato, per liberare le strade e permettere l’intervento immediato dei soccorritori. Secondo i dati ufficiali forniti dagli organizzatori della maratona, i partenti sono stati 23.326; di questi, 17.584 hanno tagliato il traguardo, mentre 4.496 sono stati bloccati al km 40. Per far fronte all’emergenza sanitaria molti atleti hanno donato il proprio sangue dopo l’arrivo. Intanto sono tutti indenni i sessanta corridori dell’equipe sportiva del preparatore atletico Fulvio Massini; i maratoneti italiani sono chiusi negli alberghi ed attendono di ripartire, appena possibile, per le rispettive destinazioni.

L’attentato è avvenuto alle 20,50 ora italiana in Copley Square, il luogo-simbolo della città americana e sul traguardo il timer ufficiale dei cronometristi segnava 4h 9’. Accanto alle tribune, dove sventolavano decine di bandiere di tutti gli stati, sono state udite due forti esplosioni ed una fitta nube ha avvolto la zona dello scoppio, nei pressi di un hotel e davanti ad alcuni negozi. Una parte degli spalti è crollata sulla strada, assieme a molti metri di inferriata divisoria. L’esplosione evidentemente intendeva fare una strage, poiché il maggior numero di partecipanti in queste affollate maratone giunge al traguardo tra le 4 e le 5 ore dalla partenza. Un orario, peraltro, in cui anche il parterre degli spettatori è affollato di parenti ed amici dei concorrenti. Coloro che stavano percorrendo gli ultimi metri del tragitto hanno avvertito il primo forte scoppio sul lato sinistro della dirittura d’arrivo e nella zona dei ristori. Secondo i primi rilievi, gli ordigni esplosi sarebbero di tipo artigianale. L’FBI avrebbe individuato e disinnescato altre bombe accanto alla tribuna distrutta dallo scoppio.

A Boston erano oltre duecento gli italiani in gara, secondo i riscontri ufficiali; molti podisti provenivano dal nord Italia, tra cui un folto gruppo dell’Emilia. Finora gli inquirenti degli States non fanno ipotesi sulla matrice del vile attentato, che sembra essere stato studiato per colpire uno degli avvenimenti sportivi più importanti al mondo.

La maratona di Boston è la più antica e quest’anno compiva il 117° anniversario, organizzata dalla Boston Athletic Association fin dal 1887, quando alla partenza c’era appena 18 atleti. E’ tradizione che la gara si svolga nel terzo lunedì del mese di aprile, in coincidenza con il Patriots’ Day, l’anniversario dell’inizio della Rivoluzione degli Stati Uniti d’America. Due ore prima degli scoppi è giunto al traguardo il vincitore, l’etiope Lelisa Desisa in 2h10’22”, mentre per le donne ha vinto la kenyana Rita Jeptoo in 2h26’25”.

 

autore Giovanni Mauriello

Share

About Author

Peluso

  • Tre morti, almeno 140 feriti dicui almeno 20 in condizioni gravi. Il risultato di un gesto vile fatto per avere la massima visibilità possibile ed incutere la certezza che si può fare in qualsiasi momento e nelle occasioni più normali e gioiose. Un gesto compiuto attraverso l’esplosione di due ordigni imbottitti d’esplosivo e frammenti metallici tipo quelli adoperati in Afganistan ed in Iraq contro i soldati statunitensi, due ordigni che hanno tolto la vita ad un bimbo di 8 anni che felice assisteva ad un evento sportivo.
    Non mi interessa il colore della pelle o la religione di chi ha fatto questo, mi interessa quando inizieremo a comprendere che non possiamo tacere su quanto accade, ad esempio in Siria, e non attenderci una similare conseguenza di reazioni, ripeto vili, ingiustificabili azioni di sciacalli, assassini.
    Ed ora, come da tempo temevo, attendiamoci misure restrittive in occasione di grandi manifestazioni sportive.
    Occorre modificare qualcosa nei nostri atteggiamenti prima di finire col non potere uscire di casa senza paura.

  • salvatore albrizio atletica isaura

    bastardi vigliacchi,bestie non avete il diritto di vivere che il signore vi maledica,prendersela con gente indifesa.

  • Fioravante pisa

    Condanniamo TUTTI insieme questo assurdo e incomprensibile atto di violenza. Mi farebbe piacere che domenica prossima ogni podista, ovunque si trovi, indossasse la maglietta di una maratona o di una qualsiasi gara disputata. Coloriamo la giornata con le maratone del mondo.

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>