slide TuttoCampania — 28 agosto 2016

montecorvino rovellaDopo anni ho ritrovato la mia Montecorvino, il piacevolissimo Memorial “Gerardo d’Arminio”, la gara che per me ha sempre rappresentato un momento di sicura bella organizzazione e accoglienza, e che con quest’ultima edizione ha saputo confermare tutto, esaltando anche nuovi aspetti (ad esempio il bel circuito proposto: favorisce lo spettacolo, permette medie importanti nonostante le ondulazioni del tracciato, tra l’altro non dure).

Ottima decisione quella di Antonio Vassallo (e con lui il fratello Ottavio, Martino d’Onofrio dell’Associazione “La finestra” e tantissimi volontari, e forze dell’ordine): ottima decisione il riproporre il memorial, visti anche i risultati finali, il successo di qualità e di partecipazione registrati. Lo spettacolo poi..garantito ancor più dalla passione degli abitanti, favorita dai più passaggi in zona arrivo.

Gara

9.100 metri, alto tasso di umidità ma non tale da condizionare più di tanto l’evento. Tracciato ondulato, molto tecnico ma che ha permesso espressioni crono di rilievo (soprattutto in campo maschile).

E proprio in campo maschile il Marocco e l’Italia si sono affrontati, con primo e secondo posto al Magreb, terzo e quarto all’Italia, quinto e sesto di nuovo per il nord africa.

Vittoria, e gran media finale, per il talento indiscusso di Jaouad Chemlal. Il portacolori del team Finanza Sport Campania vola via subito dopo i primi km, fa il vuoto e vince con media impossibile per tutti: 3’03” a km. Solo Hajjaj El jebli in parte ha cercato di tenere, per poi essere costretto a mollare e gestirsi l’ottima seconda posizione, arrivata a poco meno di 1’ dal leader. Terzo e quarto posto, come dicevo, all’Italia: Giuseppe Soprano e Antonello Landi gli alfieri. A seguire le due ottime prove di Youssef Aich e Youssef Echennaoui.

Anche in campo femminile pochi fronzoli: pronti-Via e Francesca Palomba seleziona tutte, compreso la sorella Filomena, che giunge poi seconda. Per Francesca vittoria arrivata in 36’19”, poco sotto i 4’00” a km (niente male, visto il tracciato). Filomena (sempre Nikaios Gragnano) a 47” dalal sorella, e Anna Senatore (Pod. Cava Picentini) giunta terza in 39’17”, media 4’19”. Quarta al traguardo Graziella Saccomanno (Am. Podismo benevento) e Laura delle Donne in quinta piazza.

Bella aver ritrovato Montecorvino, bello aver ritrovato le emozioni di un tempo. Bello aver aggiunto a queste emozioni il piacere di una gara resa ancor più spettacolare. Antonio Vassallo (e chi con lui ci ha creduto) è riuscito in tutto questo.

Marco CasconeMarco Cascone

Share

About Author

Cascone

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>