CLASSIFICHE — 25 aprile 2012

Notizie Collegate

Napoli – Pompei 42km

novembre 25, 2018

Reggia Reggia 2018

novembre 18, 2018

Crispano Corre

novembre 11, 2018

Corri San Marco Per la Pace

novembre 04, 2018

Vivi San Vitaliano

novembre 04, 2018

Mugnano, Corsa dei Santi

novembre 01, 2018

Share

About Author

Peluso

  • pasquale scala

    comunque un consiglio la prossima volta se ce un bivio nel tratto finale della gara,metteci qualcuno per indicare dove si deve andare o una freccia che si vede!!!poi alla consegna dei chip non sapevo che si doveva consegnare subito…… c’era il rischio di non avere neanche il pacco gara,non è per il pacco ma per il gesto!!! poi come sempre cadiamo tutti dalle nuvole

  • vincenzo merola

    chi ha organizzato la gara di mondragone l’ha fatto in un modo pessimo!alla fine nemmeno il pacco gara ho avuto! ho chiesto il perchè mi è stato risposto che hanno rubato i pacchi gara! ma insultano la nostra intelligenza quasi 300 persone non l’hanno avuto che si so rubati tanti pacchi gara???

  • bencivenga nando

    anche io non ho ricevuto il pacco gara,ma non e un problema,la cosa brutta e che non c’era neanche un po d’acqua per dissetarci…

    • Antonio candeloro

      Un saluto a tutti i partecipanti alla manifestazione di Mondragone. Mi dispiace contraddire chi mi ha preceduto nei commenti alla gara, so’ di essere di parte, ma con cio’ non posso esimermi dall’esprimere il mio parere. Il pacco gara non e’ stato consegnato ne’ a me e ne’ a molti altri amici della Poligolfo, ma con cio’ non possiamo annientare tutto cio’ che di buono e’ stato fatto dall’organizzazione e dal vero Patron della manifestazione, Aldo Martucci. Quale e’ il suo errore? L’ingenuita’? Il non aver messo i cani di guardia ai pacchi gara? Non aver difeso il bottino dai maleducati? Se questo e’ stato il suo errore, allora nessuno di noi e’ in grado di organizzare una gara.
      Antonio candeloro asd poligolfo

  • pasquale scala

    che tristezza organizzano cosi,ad acqua fresca…

  • Aldo Martucci

    Buona sera a tutti. Sono il coordinatore del comitato organizzatore della gara di Mondragone e seppur sento un irresistibile bisogno di portarvi a conoscenza di cose che ferirebbero profondamente lo sport, mi limiterò, per ora, a parteciparvi solo alcuni aspetti che ritengo particolarmente significativi. Non ho fatto, finora, nè comunicati, nè post su socialnetwork nè altro perchè ho ritenuto di approfondire prima quanto lamentato. Adesso che ho acquisito ogni testimonianza, i servizi fotografici e soprattutto quelli video (non è importante chiarire se amatoriali o di sicurezza, tanto per parlare di organizzazione) dico solo che dopo aver dato l’anima io e diverse decine di altre persone, ho sentito e visto una ragazza di 18 anni dello staff addetto alla distribuzione dei pacchi ristoro “sputata in faccia dagli “atleti” davanti al padre ed al fratello, senza reagire ….. …. dopo una nottata passata con il padre, il fratello ed il fidanzato a confezionare 800 pacchi ristoro, a sistemare i migliori biscotti da servire in un vassoio da cui sono stati avidamente portati via a piene mani. E stato immortalato addirittura un “atleta” che si allontana con uno scatolo integro con 24 confezioni di pasta CONAD dentro (faceva parte della riserva eventualmente necessaria per confezionare ulteriori pacchi ristoro qualora gli 800 non fossero bastati) oltre ad altri “atleti” immortalati mentre vanno verso i parcheggi custoditi con diversi pacchi ristoro e diverse magliette trafugate … un premio dal palco che si muove grazie alla mano di un “atleta” che non riusciva a divincolarlo per portarlo via e che si ferma solo perchè visto da me mentre facevo le premiazioni sul palco …… Mi è stato chiarito anche perchè gli stand disposti in sequenza dei sali minerali, della mozzarella, delle pizzette, dei sali minerali, del the, hanno a più riprese bloccata la distribuzione: dovevano difendere la loro incolumità oltre che quella dei loro collaboratori ed il decoro dei loro prodotti per evitare l’agguato riservato agli stand 1 delle magliette e 2 del pacco ristoro …. ribadisco, tutto fotografato, testimoniato e ripreso. Dunque è accaduto che ad alcune decine di “atleti” del pasta party perfettamente organizzato NON IMPORTAVA (l’hanno apprezzato i tanti turisti che stavano in zona), delle tante docce disponibili sull’adiacente spiaggia, al Cin Cin addirittura calde, NON IMPORTAVA, di parlare della gara appena conclusa lungo un percorso interamente cittadino perfettamente chiuso, animato da musica e da una popolazione tutta ad applaudire il passaggio degli atleti NON IMPORTAVA, delle premiazioni che in perfetto orario andavano per cominciare NON IMPORTAVA, delle due televisioni (telecaprisport e Sky) che cercavano DI CATTURARE le impressioni degli atleti senza trovarli NON IMPORTAVA, … era fondamentale portare la spesa a casa e le magliette da qualche altra parte, non so per farne che. Io non volevo, nè voglio un villaggio ospitalità BLINDATO ma lo voglio per BRINDARE perchè il post gara sia una conviviale che si conclude, dopo il pasta party, con un caloroso abbraccio tra noi folli appassionati di questo sport. Se questa mia idea della gara è sbagliata chiedo scusa a tutti; evidentemente, in una società in crisi di regole e di rispetto, è vietato anche sognare, anche in casa propria. Con l’auspicio che ciascuno faccia una sincera e severa riflessione su quanto si va ormai puntualmente riproponendo sulle gare, ringrazio di cuore quanti mi hanno onorato della loro presenza e comincerò da subito, con gli altri coorganizzatori, ad esaminare ogni errore segnalato per correggerlo per la prossima edizione, che spero, sia di gradimento del più alto numero possibile di atleti partecipanti.
    A Nando, per l’acqua non posso sapere come siano andate le cose perchè lo stand era di lato al palco delle premiazioni, quindi centralissimo ed ha riportato centinaia di bottiglie da 2 lt indietro perchè non consumate.
    Al fortissimo Pasquale dico che il percorso era strasegnalato, l’ho fatto personalmente io, in particolare proprio in quel punto proprio perchè temevo che con lo sforzo degli ultimi 300 mt potesse mancare la lucidità per andare nella giusta direzione, peraltro semplicissima; ciò non toglie che Pasquale possa aver ragione e raccolgo il consiglio, grazie.
    Ai miei co-organizzatori chiedo scusa se in qualche modo contravvengo allo spirito del comitato ma devo tutelare la mia terra, la mia città ed il nostro sport da potenziali ingiurie, più o meno celate, che oltre la beffa perseguono il danno.
    A tutti gli altri che vorranno commentare ed esporre civilmente le proprie critiche, ringrazio anticipatamente.

    • GIANNI

      COMPLIMENTI ALDO………SEI UN GRANDE

  • Umberto Piccirillo – ASD STUFE DI NERONE

    All’amico Aldo Martucci.
    Adesso hai il dovere e la responsabilità morale di pubblicare le foto e i filmati dei protagonisti (in negativo) che hanno contribuito a rovinare l’evento sportivo.
    Se non lo fai ti rendi complice di quanto è successo e le tue restano solo giustificazioni di comodo.
    Relativamente all’Organizzazione non puoi negare che la stessa ha messo in evidenza diverse lacune
    Te ne parlo di una in particolare di cui sono stato testimone:
    durante la corsa, dietro il banchetto di un ristoro ho riscontrato la presenza di una sola persona intenta a svolgere le seguenti azioni: stappare un bottiglia di acqua, aggiustare i bicchieri di plastica sul tavolino e riempire gli stessi d’acqua.
    Vedi, questo ha fatto, ragionevolmente, esasperare gli atleti giunti sul punto di ristoro i quali non hanno avuto modo di beneficare dello stesso.
    La colpa non può essere che degli Organizzatori che, pensando di risparmiare, hanno deciso di evitare la distribuzione delle classiche bottigliette, cosa che avrebbe evitato tante proteste (la storia dei bicchierini si è verificata anche al termine della gara).
    Se quanto accaduto è frutto di scarse risorse finanziarie, allora signori la gara non doveva essere fatta.
    Aspetto la trasmissione di foto e i filmati (è un atto dovuto che devi fare).
    Saluti.

    • Aldo Martucci

      Umberto, ti ringrazio sinceramente per quanto mi segnali e del modo garbato con cui lo fai. Al ristoro intermedio sapevo che c’erano diversi addetti, per quanto rilevi deduco che non sono stati all’altezza della situazione e di questo chiedo innanzitutto scusa e stai sicuro che ne farò ammenda. Il problema delle bottigliette, ti prego di credermi, non sono state disponibili, con grande rammarico dello sponsor (si tratta del produttore, quindi per una simile fornitura con costi prossimi allo zero ed infatti le fornisce gratuitamente) e mia che corro tutte le domeniche ed ho difficoltà a bere con il bicchiere in corsa tanto che quasi sempre ci rinuncio, solo per la mancata fornitura dei contenitori da 0,5 lt provenienti dall’estero. Con la sponsorizzazione ormai avviata non avrei certo potuto comprare acqua di altro produttore, seppur la spesa fosse stata irrilevante (al supermercato 800 bottigliette x 0,15 € = 120 €, quindi assolutamente accessibile a chiunque). Purtroppo questo è accaduto, e seppur la distribuzione in bicchieri si riscontra in diverse gare, a me non piace, non era nelle intenzioni farla e mi dispiace moltissimo del disagio creato.
      Se il paventato sospetto delle scarse risorse economiche è dedotto da questo mi pare, quindi, di non averne riscontro. Circa servizi e testimonianze, istintivamente farei subito quanto suggerisci ma ho imparato dalla vita a ragionare bene prima di fare qualsiasi cosa. D’altronte, non ne ho parlato perchè ritengo sia successo l’irreparabile o perchè cerchi giustificazioni o di accusare qualcuno ma solo per invitare a fermarci un attimo e riflettere, TUTTI, me per primo. In ogni caso mi assumo tutte le responsabilità per le lacune lamentate e non ho altro desiderio che correggerle, se mi aiuterete anche voi.

  • Francesco D’ANDREA A.S.D. Atletica S. Nicola

    Caro Aldo purtroppo quello che è capitato a Mondragone non è la prima volta, ma capita su tutte le gare perchè gli attori sono sempre gli stessi..Comunque ti appoggio pienamente…

    • Aldo Martucci

      Grazie Francesco.

  • Marco Cascone

    Ciao Aldo. prima di tutto voglio complimentarmi per il garbo delle tue risposte e per quanto hai realizzato con il comitato. Mi prendo la libertà di darti un consiglio, visto quanto leggo siete stati troppo buoni, questo è stato il vostro errore. Sai cosa dico agli organizzatori delle varie gare che presento, quando mi chiedono un consiglio?? “Per ogni operazione che realizzerete a contatto con gli atleti, partite sempre (sempre!!) dalla loro cattiva fede. E prendete provvedimenti in merito. Ci sono tantissimi atleti educati, ma per rovinarti la gara bastono pochi scostumati. Quindi, principio assoluto organizzatuivo: la mala fede degli atleti, nel quale purtroppo entreranno anche i buoni”. Vedrai che la gara andrà alla grande, gli atleti educati capiranno e saranno al tuo fianco, gli scostumati andranno via senza doppi,tripli pacchi gara e senza aver fatto la vergognosa scorta per la settimana. In bocca al lupo per il 2013

    • Aldo Martucci

      Ciao Marco, dalla tua risposta comprendo compiutamente, perchè, da quando corro, ho avuto da subito, istintivamente, tanta stima della tua persona e della tua professionalità. Grazie di cuore, sarò in futuro certosino nell’applicazione pedissequa del principio che mi suggerisci. Alla prossima edizione, dunque!

  • fulvio simonelli

    Solo chi non organizza gare può pensare che a Mondragone non ci sia stato il massimo impegno; un bel percorso senza ombra di auto, la gente cordiale, insomma quel che occorre per una bella giornata di sport. Io personalmente ho ritirato la maglietta ma non il pacco gara, maglietta che ho poi passato ad una persona anziana che era rimasta senza, causa l’assalto alla diligenza degli Unni; i presidenti di società, che sanno cosa significa porsi a capo dell’organizzazione di una manifestazione, dovrebbero chiedere un pò di disciplina agli atleti e ricordare che la domenica mattina si va a correre e non a fare la spesa. Un unico appunto, da un punto di vista personale, in giornate calde è meglio disporre la bottigletta al 5 km, anche se può essere uno spreco è un gran refrigerio per gli atleti.

    • Aldo Martucci

      Ciao Fulvio, nel tuo post ho finalmente potuto leggere quello che più desideravo: una giornata di SPORT, … SPORT, ovvero quella magnifica attività a cui, da piccolo, dedicavo tutto il tempo che avevo senza sapere che così facendo mi stavo sottraendo a chissà quale pericolo (e la ns terra ce ne propone un catalogo completo) e da adulto, mi ha consentito di coltivare e far emergere quel bambino che è in ciascuno di noi. Grazie.

  • Agostino Rosi

    Aldo , non sono venuto la sai ed uno dei motivi era proprio l’alto numero di partecipanti,i ti capisco, comprendo la tua rabbia, ma è cosi ! tu continui nel tuo commento a parlare di “ATLETI CHE” ma quali atleti ?
    Farabutti della domenica che da quando il movimento podistico campano si e triplicato in questi ultimi anni , invadono la quiete delle nostre domeniche.
    Tu puoi avere la colpa di ostinarti come ormai la maggior parte degli organizzatori di fare i grandi numeri e non sempre ciò è indice di alta qualità anzi! ! ! ! ! ! ! !
    Le scene che hai descritto appartengono ad un quadro esposto ogni domenica nella galleria del podismo campano e se qualcuno ti ha consigliato di pubblicare le foto quella è una grossa stupidata , come ben sai (e tu ci stai dentro) sei passibile di denuncia.
    Mi auguro che il prossimo anno ci siano 350 iscritti come l’anno scorso e ricordo bene che ci siamo divertiti un mondo.
    Saluti a tutti

    • Aldo Martucci

      Carissimo Agostino, ho avuto il piacere di incontrarti sabato e ne abbiamo parlato di persona. Sai, ho ragionato attentamente sul da farsi circa il numero dei partecipanti e la conclusione è stata che gli spazi di cui dispone la NOSTRA Mondragone (come la NOSTRA Caserta, la NOSTRA Napoli) consente di effettuare una gara con molti partecipanti in assoluta sicurezza (la cosa fondamentale); ciò concluso perchè dovremmo rinunciare ad una giornata in cui stare tutti insieme a parlare, divertirci, far conoscere le nostre famiglie, pranzare insieme, bere, festeggiare, etc? Non stiamo sognando di fare nulla di male, solo STARE INSIEME, CONDIVIDERE e con questa forza non possiamo e non dobbiamo aver paura di nulla, solo prevenire, tutelarci e qui calza a pennello il principio di Marco e l’invito di Fulvio ai Presidenti. Spero di incontrarti al più presto per attingere a piene mani dal tuo bagaglio di esperienza in nome della grande amicizia ed emapatia che, da anni, ormai, ci lega.

  • bottigliette acqua ristoro…..ma all’arrivo c’era acqua a volonta””””” ma finiamola…correte solo per portare la spesa a casa…e non sono una parte che si comportano da maleducati ma tanti tanti tanti…il pacco gara….non l’ho avuto nell’aspettare mia moglie me lo perdo quasi sempre..in compenso lo ha preso lei….ridiamoci sopra…dopo tanti sacrifici una persona deve sopportare anche tutto questo, ormai si sa qualunque cosa fai e’ sbagliata allo stend delle magliette persone che gia’ avevano ritirato le magliette frugavano nelle scatole e si accaparravano da due a tre magliette…ma cambiate sport…. a capua qualche volta neglia anni, alla gara mi sono trovato a dare il ristoro le persone passavano anche 5 volte…Grande Aldo sei una persona speciale come pochi…le chiacchiere se le porta il vento, rimane quello che hai fatto di buono….e la giornata bellissima di sport che ci hai offerto…mi dispiace solo che sono dovuto andare via…alla prossima..

    • Aldo Martucci

      Grazie per la tua ulteriore testimonianza, Angelo, e per il tuo supporto da autentico uomo di sport quale sei. Ci vediamo a Capua il 2 giugno, se non prima, il 6 maggio a Maddaloni per altre due giornate di grande sport, dove correremo nelle magiche cornici delle strade e della gente in festa. W lo sport.

  • silvio

    Sono il presidente delle stufe di nerone , e miei “amici” sono persone perbene e sanno cosa significa organizzare una manifestazione , per il fatto di educare i propri iscritti/ soci , in futuro , si facciano i nomi di appartenenza e non si “spara” nel mucchio !. Noi, alla gara di mondragone eravamo …presenti come ,podisti in gara !!!!
    Saluto con affetto , Aldo Martucci e che faccia tesoro di questi episodi e alla fine che sia fatta una bella relazione e alla prossima speriamo che il tutto non si ripeta.
    ad maiora
    silvio scotto pagliara
    asd stufe di nerone

    • Aldo Martucci

      Sono io a salutarti con stima e rispetto, Silvio, a te ed ai tuoi atleti cui rivolgo il mio personale ringraziamento per la partecipazione alla gara di Mondragone. Per quanto mi riguarda puoi star certo che farò tesoro dell’esperienza come, ne sono sicuro, faremo tutti noi runners cui la domenica piace fare festa, null’altro che festa. Con cordialità, Aldo.

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>