Cronaca — 05 settembre 2010

Il lungo serpentone subito dopo la partenza ha iniziato ad arrampicarsi verso il Rifugio Venezia trainato da Mohamed Zamidi e da Abdullam Ramoussa. Alle loro spalle Michele Tavernaro che teneva sotto tiro le due gazzelle. Dietro Tavernaro, salivano Titta Scalet e Fulvio Dapit.
Dopo il passaggio del Rifugio Venezia, le posizioni di testa non cambiano, solo Ramoussa inizia ad accusare un calo di ritmo. Gli atleti in forcella Val d’Arcia, giro di boa della Transpelmo, arrivano nello stesso ordine, è Zamidi che transita per primo con il tempo di 1.01.50. In discesa Michele Tavernaro riprende il battistrada, ma verso la fine del ghiaione purtroppo cade e Tita Scalet prende il comando della gara.
Nella gara femminile la spagnola Stephanie Jimenez lungo tutta la salita non lascia che Jennifer Senik si avvicini, transita per prima in forcella Val d’Arcia con quasi quattro minuti di vantaggio sulla portacolori dell’Aldo Moro Paluzza. Purtroppo la discesa non è il terreno preferito dalla spagnola e la Senik riesce metro dopo metro a riportarsi sulla Jimenez.
Alla fine del ghiaione le due ragazze sono appaiate pronte a giocarsi la vittoria finale.
Michele Tavernaro, dopo la caduta, riesce a riprendere il ritmo e sorpassa Tita Scalet che viene superato anche da Fulvio Dapit. Sulla breve salita finale il primi erotto (riesce a guadagnare cento metri di vantaggio che si porterà fino al traguardo di Palafavera. Tavernaro ferma il cronometro in 1.36.23 dietro di lui Fulvio Dapit dell’Aldo Moro Paluzza. In terza posizione Tita Scalet con il tempo di 1.36.43.
Nella gara femminile Jennifer Senik dopo aver ripreso la battistrada non riesce a staccare la spagnola che nella salita che porta sul rettifilo di Palafavera stacca l’atleta di Aviano e taglia il traguardo in 1.57.20. La Senik accusa un ritardo di oltre un minuto. In terza posizione arriva Maria Pia Chemello con il tempo di 2.07.38.
La terza edizione va in archivio con due record, il miglior tempo di Tavernaro e il numero di partecipanti. Il comitato organizzatore ha già in testa l’edizione 2011, si studia per superare i cinquecento partecipanti.

Autore: Cs

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>