Cronaca slide — 06 ottobre 2013

Mezza del PantanoSapete qual è il test più duro da sostenere per un’organizzazione, e per avere (più o meno) conferma del suo valore? Per quanto giustamente da considerare una iattura, è la pioggia il vero banco di prova per capire e per valutare al meglio la capacità di tenuta e la qualità del “prodotto gara” proposto da un team che organizza un evento. E stamane, nonostante la pioggia continua già nella notte, e la stessa forte e insistente per tutta la durata dell’evento, la macchina organizzativa del team Podistica Amatori Potenza (coordinata dal Presidente luigi Albano) è stata impeccabile, nessuna sbavatura, tutto al meglio, in ogni fase dell’evento. Ecco il perché del successo di numeri che ogni anno arride la Mezza Maratona del Pantano, ed ecco perché stamane, nonostante il cielo consigliasse di restare all’asciutto a letto, oltre 400 atleti hanno chiuso la 21 km.

Gara

Per le prestazioni finali non si poteva non risentire della tanta pioggia caduta prima e durante la gara, cosa che ha reso tosto il districarsi tra le pozzanghere e appesantito l’avanzare degli atleti. Alla fine il cronometro ne ha risentito, ma c’è stato tanto agonismo comunque: gara combattuta e intensa, soprattutto ai fini della vittoria in campo maschile (ma nessuno si è tirato indietro, a tutti i livelli).

In tre gli atleti in testa, fin dall’avvio. Partenza “tranquilla” sul piede dei 3’24” a km, per Giovanni Auciello, Daniele Caruso e per Andrea Pranno. Partenza tranquilla, ma capace comunque di fare selezione da subito. Passaggio ai 10 km in 34’00”, a conferma del ritmo iniziale, per poi un’accelerazione che ha lasciato a qualche decina di metri Andrea Pranno, mentre Caruso e Auciello davano subito l’idea di quanto sarebbe successo: un arrivo allo sprint. E così è stato! Ultimi 150 metri gara e Daniele Caruso (Club Atletico Potenza) ha messo a frutto il suo finish, con vittoria arrivata in 1h09’42”. Giovanni Auciello (Atl. Casone Noceto) a meno di 2”, e l’ottimo Andrea Pranno (Parco Alpi Apuane) a 58” dal leader della gara. Quarta e quinta piazza per Rodolfo Guastamacchia e Francesco Minerva.

Mezza del Pantano donneLa gara femminile proponeva un dubbio per la seconda e terza posizione, essendo il primo gradino del podio prenotato da Soumiya Laabani. A fine gara conferma per la Laabani, con passaggio ai 15 km in perfetta proiezione rispetto al tempo finale per la maratoneta Marocchina: 1h20’24” (20ima assoluta). Così come dicevo, bello il confronto per la seconda e terza posizione. Alla fine l’ha spuntata Rosa Luchena (1h29’19”), con Rossana Lo Vaglio ad un più che positivo 1h30’09” al traguardo. Ai piedi del podio, Teresa latella e Nunzia Danzi.

Bella, davvero bella la Mezza Maratona del lago Pantano. A Pignola ci sanno fare, e lo hanno dimostrato. Nessun dubbio, nessuna esitazione e anche la pioggia si è dovuta arrendere, alla più che puntuale e coordinata organizzazione.

Marco Cascone

 

(foto di Angelo de Luca)

Share

About Author

Cascone

  • antonio gammaldi

    Confermo l’ottima organizzazione della manifestazione e la cordialità e la disponibilità di tutti gli organizzatori e volontari,aggiungendo anche la bassa tassa di iscrizione di 10 euro,che è molto al di sotto della media per una mezza.Mi meraviglia per questo la bassa partecipazione di runners campani ,vista la vicinanza geografica e la bellezza del posto.

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>