Cronaca — 06 marzo 2011

E’ ancora il Kenya a vincere la Mezza Maratona Città di Fucecchio. Il primo a  tagliare il nastro è stato Eric Kipkemei Chirchir dell’Apb Bagheria con  1,04,50, il secondo Daniel Ngeno Kipkirui dell’Acf Roma, con 1,04,53 e il terzo  Hosea Kimeli Kisorio, dell’atletica Castello, con 1,05,33. A classificarsi al  quarto posto è stato il maratoneta della Forestale Giovanni Ruggiero con  1,07,05. Rivelazione della Mezza Maratona, Francesco Zampolini, del Parco Alpi  Apuane, con il pettorale 211, che è arrivato con un temo di 1,11,20. Sesto  Andrea Lazzarotti, dell’atletica Camaiore con 1,12,52, settimo Siliano  Antonini, dell’atletica Futura con 1,12,58, ottavo Juri Picchi, sempre dell’ atletica Futura, con 1,13,05, nono Alessandro Galizzi, dell’Isola d’Elba, con  1,13,36 e, decimo, il marocchino Hicham Midar, di Maiano, con 1,14,58. Addirittura 1205 partecipanti hanno dato lustro anche alla sesta edizione  della mezza maratona città di Fucecchio. Quest’anno la gara si è gemellata con la maratona delle maratone, la Maratona  di Roma. Gli organizzatori della 42 chilometri della capitale, dopo un’attenta  valutazione di tutte le mezze maratone d’Italia, hanno ritenuto la Mezza  Maratona di Fucecchio fosse quella più prestigiosa e seguita e per questo hanno  deciso di allacciare questo gemellaggio. Insomma, la Mezza fucecchiese sta  entrando di anno in anno, sempre di più nell’olimpo delle grandi gare  nazionali. Fra le donne, la prima ad arrivare con un tempo ragguardevole di 1,15,59 è  stata la keniota Claudette Mukasakindi, seconda ancora la keniota Angeline  Nyirasambimana con 1,16,02 e tersa l’italiana Ilaria Bianchi con 1,16,39. Poi a  seguire Tiziana Giannotti, dell’atletica Vinci con 1,21,07, la fucecchiese  Denise Cavallini, della G.S. Lammari, con 1,27,23, Manuela Marcolini con  1,27,44, Michela Santini con 1,28,34, Odette Ciabatti, con 1,29,59, Martina  Mantelli con 1,31,38, e Elena Iaccheri con 1,32,03. Nella categoria Lady sono arrivate Cristina Perrone, con 1,27,38, Paola  Pignatelli, con 1,27,56, Antonietta Schettino, con 1,35,29, e Francesca  Andreotti, con 1,36,42. I primi tre dei veterani sono stati Massimiliano Begliomini con 1,15,03,  Riccardo Cecconi, con 1,18,10 e Massimo Lenzi con 1,18,30. Infine, nella categoria Argento, sono arrivati fra i primi tre, Angelo  Maceroni con 1,27,53, Gianni Rubin con  1,29,11 e Donato Leonzio, con 1,30,09. Il campione europeo dei 3000 siepi, medaglia di bronzo alle Olimpiadi d’ Atlanta nel 1996, e testimonial della manifestazione, Alessandro Lambruschini,  non ha potuto partecipare alla mezza di quest’anno perché impegnato in Africa  con i suoi allievi. Fra i concorrenti più stravaganti un atleta che ha corso a piedi scalzi. Fra i
partecipanti, inoltre, anche un corridore non vedente. Importante anche la gara degli handy bike dove quest’anno per la prima volta
ha gareggiato anche una donna. In occasione della VI edizione della Mezza Maratona Città di Fucecchio, il  comitato organizzatore della gara e i presidenti Ivano Libraschi (Atletica  Fucecchio) e Fabrizio Bachini (G.S. Pieve a Ripoli), ha approntato importanti  novità anche sul campo sociale oltreché sportivo. Ad esempio c’è stato un impegno rivolto ai ragazzi delle scuole per  coinvolgerli sempre di più cercando di motivarli a fare l’atletica, come buona  abitudine salutare, ed un buon riparo da varie tentazioni (fumo, droghe,  alcol).
La novità di quest’anno è stata la prima Street Walking guidata dalla
campionessa mondiale di marcia 2010, nei 3 km Indoor e 10 km su strada in  Canada, Milena Megli, che per l’occasione è tornata apposta dai campionati  italiani ad Ancona.
La seconda novità è che quest’anno hanno partecipato oltre che i bambini delle  scuole medie anche una quindicina di ragazzi autistici della casa di  Ventignano. La Mezza Maratona Città di Fucecchio (gara nazionale Fidal), patrocinata dal  Comune, è una gara affiliata Coni, Federazione Italiana di Atletica Leggera,  gara nazionale Fidal, Uisp Toscana, è aveva come main sponsor RealSport  Equipment, Nesti&Nelli e Autonoleggio Auto d’epoca Nedo Boschi. A dare il via all’inizio della gara il sindaco Claudio Toni e l’assessore allo  sport Alessio Spinelli. Quest’anno la gara era dedicata ai nostri militari morti in Afghanistan e alla  lotta contro ogni forma di razzismo, tant’è che gli atleti hanno tutti corso  con un nastro giallo legato al braccio.

Autore: Cs

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>