Cronaca — 19 aprile 2010

Una mezza di Genova che segna vari primati, da quello degli iscritti (1510), a quello degli arrivati (1328), poi in tre nel settore maschile scendono sotto il record della corsa (1.06’36’ nel 2008 di Khelifi) con vittoria per distacco in 1.04’46’ del 26enne marocchino Issam Zaid, alle sue spalle volatona finale per la piazza d’onore che và al tunisino Ridha Chihaoui sul connazionale Medhi Khelifi, poi l’altro tunisino Rached Amor e il marocchino Nour Eddine Chakour. Si consola con il sesto posto primo degli italiani il genovese Armando Sanna della Cover che lascia il trono quale vincitore della scorsa edizione, ‘ci ho provato ma oggi l’hanno messa giù subito molto dura con ritmi troppo veloci per le mie condizioni attuali’ questo il commento nel dopo gara di Sanna. Grande festa nell’area del Porto Antico che ospitava la zona quando sul traguardo da vincitrice per il secondo anno c consecutivo è giunta la beniamina di casa Emma Quaglia, accolta con grandi applausi da parte del folto pubblico presente, molti anche i turisti in visita al vicino Acquario che vista la gran bella giornata allietata da un caldo sole, si sono intrattenuti per salutare i partecipanti all’evento organizzato dall’A.S.D. Podistica Peralto Genova. Cosi quando è arrivata Emma Quaglia l’accoglienza è stata un vero trionfo, meritato per questa atleta che dopo aver vestito la maglia azzurra ai recenti Mondiali di Cross ora punta decisamente agli Europei d’atletica del prossimo Luglio a Barcellona (Esp), cosa che proverà di fare già domenica prossima a Rieti nella gara in pista dei 10000 mt per ottenere il minimo che le spalancherebbe le porte della convocazione, questo anche il motivo dell’iscrizione ritardata alla 21 km genovese, che è arrivata solo un paio d’ore prima della chiusura. Per la Quaglia troppo importante l’impegno di domenica prossima chè prevede una preparazione non consona ad una gara sui 21 km, poi ha deciso di correre in modo tranquillo e il crono finale ne è la conferma 1.18’53’ contro l’1.13’09’ della scorsa edizione. Alle spalle della Quaglia piazza d’onore per Viviana Rudasso, seguita da Monica Bottinelli ed Elena Riva. Ordine d’arrivo maschile : 1° Zaid (Mar) 1.04’47’, 2° Chihaoui (Tun) 1.05’50’, 3° Khelifi (Tun) 1.05’51’, 4° Amor (Tun) 1.08’16’, 5^ Chakour (Mar) 1.08’26’, 6° Sanna 1.08’40’, 7° Concas 1.09’29’, 8° Campanella 1.10’22’, 9° Giorgianni 1.11’49’, 10° Simonetta 1.12’36’, 11° Colnaghi 1.12’37’, 12° Prandi 1.12’43’. Ordine d’arrivo femminile: 1^ Quaglia 1.18’53’, 2^ Rudasso 1.20’54’, 3^ Bottinelli 1.22’45’, 4^ Riva 1.24’42’, 5^ Silvani 1.28’13’, 6^ Andolina 1.29’04’, 7^ Rivera 1.29’52’, 8^ Oliveri 1.30’26’.



 

Autore: Michele Marescalchi – cs

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>