Atletica News slide — 05 maggio 2014

Quando in Italia erano quasi le 7 del mattino, il vicecampione europeo Daniele Meucci è tornato in gara nei 10.000 metri del famoso Payton Jordan Cardinal Invitational, a Palo Alto (California), dove due anni fa aveva stabilito il personale di 27:32.86 che gli vale la quarta prestazione italiana di sempre (nella lista guidata dal 27:16.50 realizzato da Salvatore Antibo a Helsinki, il 29 giugno 1989). Oggi il toscano dell’Esercito è giunto quarto (come nel 2012) in volata fermando il cronometro a 27:36.53, cioè ad appena 4 secondi dal suo più brillante risultato in carriera. Vittoria al messicano Juan Luis Barrios in 27:34.40 davanti al canadese Cameron Levins (27:36.00) e al belga di origine somala Bashir Abdi che con 27:36.40 precede così Meucci di 13 centesimi anche nel ranking stagionale del Vecchio Continente. Quattordicesimo in 28:19.36 l’altro azzurro Stefano La Rosa (Carabinieri) a sei secondi dal PB (28:13.62) ottenuto proprio qui nel 2012 quando si piazzò ventiduesimo. Anche per lui è questa la seconda migliore performance di sempre (la quarta europea del 2014) e lo    standard di iscrizione  per i prossimi Campionati Europei di Zurigo (Svizzera, 12-17 agosto), appuntamento che vede, invece, Meucci orientato sulla strada della maratona.

Nello stesso meeting, sui 3000 siepi, 8:49.84 per Marco Salami (Esercito) che in questa specialità ha un personal best di 8:39.14 (ottenuto nel 2013 a Ponzano Veneto).

IL RACCONTO – Gara segnata da un avvio fin troppo prudente (2:51 ai 1000m e 8:27 ai 3000m) in cui Meucci ha provato più di una volta a movimentare l’andatura, mettendosi davanti a tirare, ma senza raccogliere il seguito degli avversari. Passaggio in 14:01 ai 5000 metri con il gruppo che, nel giro di un chilometro, inizia finalmente a scomporsi e il 28enne pisano che rimane a battagliare con i migliori. Suona la campana e a 300 metri dal traguardo l’azzurro parte all’attacco, provocando la reazione del messicano Barrios che lo insegue e sul rettilineo finale lo supera correndo verso la vittoria. Alle spalle del 28enne pisano, intanto, si fanno sotto anche il canadese Levins e il belga Abdi che riescono a precederlo di un soffio sulla linea d’arrivo. Meucci è quarto con una seconda parte di gara chiusa in un notevole 13:35. Quinto il keniano Shadrack Kipchirchir (27:36.79), mentre La Rosa, indietreggiato a seguito del cambio di ritmo degli ultimi giri, termina in quattordicesima posizione. A riprova dell’elevato livello del prestigioso meeting statunitense, il fatto che i tempi dei primi 10 sono tutti sotto la soglia dei 28 minuti. “All’inizio andavano tutti troppo piano – il commento di Meucci – ed io sinceramente non volevo ritrovarmi a fare la lepre. A quel punto ho preferito optare per una gara in progressione, peccato perchè altrimenti il crono finale sarebbe stato diverso.

Vengo dalle esperienze della maratona (2h12:03 a New York nel 2013, ndr) e della mezza maratona (titolo italiano a Verona e 27° posto in 1h01:57 ai Mondiali di Copenaghen, ndr), ma tornare sui 10.000 è sempre bello. Stavolta posso dire di averli affrontati con più facilità rispetto a quando i miei allenamenti erano solo per la pista. E’ un risultato che mi dà grossa fiducia in prospettiva Zurigo (dove è atteso al confronto sui 42,195km, ndr)”. Proprio in questa specialità l’allievo del DT Massimo Magnani è salito sul podio delle ultime due edizioni degli Europei: bronzo a Barcellona 2010 e argento ad Helsinki 2012. Per lui era la seconda uscita stagionale sui 10.000, dopo il test in 28:28.72 di metà marzo a San Miniato (Pisa).

5000: CRESCONO VIOLA E GALIMBERTI – Sempre al Payton Jordan Invitational, i 5000 metri delle donne registrano i bei progressi di due atlete classe 1991. La prima è la tricolore assoluta della distanza Giulia Viola (Fiamme Gialle) che nella seconda serie finisce quarta in 15:44.66 preceduta nell’ordine dalle statunitensi Rochelle Kanuho (15:34.85), Rachel Johnson (15:39.42) e Stephanie Garcia (15:43.47). Nella serie numero 3, invece, affermazione di Sara Galimberti (Bracco Atletica) in 15:55.00 davanti alla messicana Sandra Lopez (15:57.87). Entrambe erano accreditate con i primati personali realizzati a luglio 2013 in occasione dei Campionati Assoluti di Milano. In quell’occasione la Viola (che detiene anche il titolo dei 1500) vinse in 16:05.39, mentre la Galimberti fu nona in 16:41.82. A conti fatti quello odierno è un miglioramento di 20 secondi abbondanti (20.73) per la finanziera veneta allenata da Vittorio Di Saverio e di oltre 46 (46.82 per la precisione) per l’ex “miss” milanese (nel 2009 ha vestito la fascia di Miss Lombardia) seguita dal tecnico Alessandro Simonelli. Le due azzurre, insieme a Meucci, La Rosa e Margherita Magnani, sono reduci da alcune settimane di raduno federale in altura ad Albuquerque (Nuovo Messico).

ufficio stampa fidal
foto Colombo/FIDAL

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>