TuttoCampania — 12 ottobre 2008

Lo scorso anno fu un successo. Quest’anno la Road Runners Maddaloni e la famiglia Mastropietro hanno superato se stessi! La seconda edizione del ‘Memorial Salvatore Mastropietro‘ non solo ha quindi confermato il bello realizzato nel 2007, ma è stata (per numeri, prestazioni, emozioni) un’edizione ancor più esaltante. Sembrava impossibile migliorarsi ed invece il Memorial ci è riuscito!


Una giornata di sole quasi imbarazzante per quanto bella si è proposta. Quasi 900 iscritti. Un percorso velocissimo, senza un metro di difficoltà altimetrica. Misurazione perfetta: 10 km totali, con un primo giro di 4.600 metri e un secondo di 5.400. Solo un po’ l’umidità, con l’avanzare dei minuti dopo il via, si è fatta sentire, senza peraltro appesantire più di tanto le prestazioni degli atleti (basta dare un’occhiata alle medie finali). Per sintetizzare il gran tasso tecnico dell’evento basta dire che per entrare nei primi 200 uomini al traguardo (cosa che prevedeva il premio ad essi riservato) con 4’00’ a km quasi si è rischiato di restarne fuori !


Vedere Maksym Obrubanskyy correre equivale a guardare un grande attore alle prese con un film d’autore! Il film d’autore oggi c’era tutto: il ‘Memorial Salvatore Mastropietro’, con la regia affidata ad un gruppo di grandi appassionati (Road Runners). Maksym attore protagonista. Attore non solo all’altezza del ruolo affidatogli dal talento, ma capace persino di esaltare quanto di bello gli è stato proposto di interpretare! Passaggio ai 4.600 metri in 13’24’ (media 2’56’), piccolo rallentamento nella seconda parte di gara e chiusura comunque in grandissima spinta e con la solita eleganza: 2’58’8 di media, 29’48’ finali!


Se Maksym è stato l’attore principale dell’evento, di certo non sono mancati altri grandi protagonisti,  i suoi più vicini avversari. Mimmo d’Ambrosio (ad una settimana del suo matrimonio) ha festeggiato correndo il suo addio al celibato, con una gara maiuscola, a conferma del suo valore. 13’40’ ai 4.600 metri, 30’27’ sotto l’arco d’arrivo. Bella la prova per l’atleta Magrebino Abdeladi Benkadir. Gara regolare la sua, 13’53’ a poco meno di metà gara e una chiusura sul piede dei 3’06’ a km. Gennaro Varrella (International Security Service) non è stato da meno, confermando così di essere un atleta difficilissimo da battere, per chiunque. 31’42’ finali, quarta posizione nella classifica generale, ma secondo (alle spalle di Maksym) per il valore regolamentare/regionale dell’evento. Pochissimi secondi dietro Gennaro per l’arrivo di Antonello Barretta (una prova esaltante la sua), Saverio Giardiello (al rientro in gara), Abdelaziz Rochdi, Peppe Soprano, Massimo Aliberti e Pasquale Cirillo. Citazione più che speciale per i primi due atleti della società organizzatrice: Saverio Ianniello (un gran 33’07’ per lui) e per Angelo Cioffi (a soli 3′ da Saverio).


Gara femminile che ha in buona parte tenuto il confronto con quella maschile. Khadija Laaroussi (Arca Atl. Aversa) è tornata e lo ha fatto alla grande. 16’23’ ai 4.600 metri e 36’31’ finali che non lasciano spazio all’immaginazione e dicono che in Campania è tornata a brillare una stella! Alle spalle della vincitrice l’arrivo di Filippa Oliva. La portacolori della Napoli Nord Marathon tiene una gran media ( 3’50’ a chilometro) e riesce a staccare Rosanna Zullo (Aprocis Cassino). Rosanna è comunque apparsa in ottima forma, con il suo 38’40’, che conferma la sua più che buona gara. Annamaria Caso, dopo la grandissima  prova in occasione della Maratona di Pescara ed il suo 2h58’10’, ha dimostrato (se ce ne fosse stato bisogno) che è atleta dalle qualità uniche e dai recuperi incredibili: la sua quarta posizione ed il suo 38’46’ (a 7 giorni dalla 42km) è la sintesi quanto affermato! Alle spalle dell’atleta di Praiano, nell’ordine: Annamaria Damiano, Ivania De Matos, Cathy Barbati, Barbara Marrone, Susy Giocondo e Tina Franzese. Prima atleta Maddalonese Caterina Mastroianni, decima assoluta e primato personale per lei (44’44’).


Classifica a Squadre con vittoria per la Napoli Nord Marathon. Ai due lati del podio il Marathon Club Frattese e l’Amatori Atletica Frattese.


A Maddaloni stamane il sole non è voluto mancare all’appuntamento. Non poteva mancare: sapeva benissimo che se lo avesse fatto avrebbe perso il piacere di assistere ad una gran gara!


 


Foto, di Veronica Caretti: Maksym Obrubanskyy in azione e il Podio Donne

Autore: Marco Cascone

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>