TuttoCampania — 06 maggio 2009

La scorsa domenica al Memorial Luca Coppola alla partenza c’è stato un pò di caos, capita quando il numero dei partecipanti è  abbastanza numeroso, ed è normalissimo però se dopo 500 metri un podista della categoria MM 70, viene spinto procurandogli punti di sutura all’arcata sopraccigliare, frattura del pollice della mano sinistra, il signor podista che non conosciamo e credo che  faccia parte della nostra grande ‘famiglia’, avrebbe dovuto almeno avere la compiacenza di fermarsi per soccorrere e aiutare “l’amico”. Questo non è avvenuto . pertanto credo che dovrebbe almeno dovuto scusarsi per l’incidente!. Scusate ma dovevo….

Autore: Salvatore Albrizio

Share

About Author

Peluso

  • Aloi Vittorio

    Condivido pienamente con quello che dice Salvatore Albrizio pero’ sono del parere che le persone che non fanno 3′ al km e’ inutile che si mettono in prima fila perche’ rischiano di piu’ ad essere coinvolti nella bagarre (non so in che posizione si trovava il nostro collega) ma e’ da ammirare che alla sua eta’ corre, mi auguro di farlo anch’io DIO volendo.

  • carlo boccia Pozzuoli marathon

    Ciao come vedi nessuno risponde perche alla fine siamo un pò tutti colpevoli,chi più chi meno,del caos che si crea alla partenza di ogni gara.
    All’amico infortunatosi domenica,dovremmo chiedere scusa tutti e non solo chi ha causato materialmente l’incidente,magari questi sarà stato a sua volta spinto da altri.
    Non ero presente domenica alla gara incriminata ma lo stesso posso sentirmi colpevole,noi tutti alla partenza sgomitiamo per una posizione in prima fila.

  • claudio verde arca atletica aversa

    mi spiace per il podista infortunato, forse l’autore non verrà fuori anche perchè potrebbe non essersi accorto dei danni causati con il suo sgomitare, spesso la “frenesia” di avanzare di qualche posto è forte, credo tuttavia che una soluzione potrebbe essre quella di fare la classifica in base al real time. cosa ne pensate?

  • Luigi Lizza atleticavesuvio

    Dispiace moltissimo per l’infortunio accaduto all’amico podista. Però vi è un però. E’ vero o non è vero che molte persone che hanno un andatura di 5′ al Km, li trovi sempre sul nastro di partenza, pur sapendo del rischio che corrono, proprio perchè alle loro spalle ci sono atleti di un certo spessore, costretti in seconda fila proprio per colpa di taluni corridori?

  • da silvio scotto pagliara

    Vorrei tanto conoscere quest’atleta della mitica categoria m70 !
    Come avrà fatto ad allenarsi ed ottenere questa magnifica partenza , tipo formula uno del podismo?
    Cmq , scherzi a parte , ci sono e ci saranno sempre questi rischi , dove allo sparo iniziale, si sente materialemte un a forte spinta della massa che vuole andare avanti e tra un braccio o forse passetto sbagliato che subito ci si imbatte nel piede dell’amico che ti stà dietro o avanti .
    Cmq , ripeto , se si vedono persone in difficoltà a terra , è buona educazione , accertarsi del danno dell’amico , tanto , non si perde il treno della vittoria ,per qualche metro o manciata di secondi a questi livelli AMATORIALI !!!!!!!!!!!
    SALUTONE A SALVATORE
    da un piccola maglia con su un pettorale a spille ,dalle retrovie podistiche domenicali !
    tanta salute a tutti ,amici
    silvio

  • Roberto Marabini – Cus dei Laghi

    Gli incidenti non succedono mai in prima o in seconda fila. Certamente non succedono nemmeno in ultima… Insomma, succedono nel mezzo della calca e possono capitare a tutti.
    Dunque, è possibile eliminare la calca? No, non è facile. Però un paio di cose potrebbero sempre farel gli organizzatori:
    – cercare una zona di partenza molto ampia (non è facile)
    – evitare che si crei la calca sulla line di partenza: inutile chiamare gli atleti un quarto d’ora prima e poi (con reolarità disarmante…) farli partire con cinque o dieci minuti di ritardo: la calca si forma in quegli interminabili minuti di ritardo e i più emotivi cominciano a scalpitare!
    Per rispetto degli atleti e per evitare incidenti, non si devono aspettare assessori, sindaci, parroci e comandanti dei vigili urbani: tre minuti prima del via si chiamano gli atleti ed all’orario stabilito si spara! La calca sarà solamente un lontano ricordo…

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>