TuttoCampania — 16 maggio 2009

Scelte più che indovinate quelle di Peppe Acanfora: il centro operativo e l’arrivo nella pineta degli scavi, unitamente alla bella cerimonia di premiazioni effettuata all’interno dell’auditorium, hanno fatto davvero la differenza. Era bello il Memorial Felice Pellecchia, grazie al fascino di un percorso unico al mondo, ma ora ha acquisito decisamente un valore in più.


La Gara.


Caldo umido, minaccia di pioggia (per fortuna rimasta tale fino a pochi minuti dopo la premiazione) e percorso tradizionalmente tosto come quello degli scavi, hanno reso la vita non facile ai circa 400 atleti al via della 3° edizione del Memorial Felice Pellecchia. Si sentiva eccome la presenza di Felice. Quasi sembrava vedere il suo classico e coinvolgente sorriso ad accogliere tutti prima del via. La sua voce pronta ad incitare durante la gara. Il suo stringerti la mano dopo aver tagliato il traguardo. Un aleggiare da brividi, per tutto l’evento.


9.200 metri, quelli proposti dal Movimento Sportivo Bartolo Longo, affrontati alla grandissima dai due atleti che oramai monopolizzano lo spettacolo agonistico, quando sono entrambi presenti (così come a Pompei). AbdelKebir Lamachi e Cristian Gaeta danno sempre vita ad un duello all’ultimo metro. E’ successo a Maddaloni, e capitato di nuovo nella Città Mariana. Solo due secondi di differenza, per una vittoria sudatissima di Lamachi (Atletica Capua) su Gaeta (Esercito, Team LBM Sport). Media per entrambi di 3’09’ a km, il che è tutto dire, vista la durezza del tracciato. A circa 1’30’ dal duo di testa c’è stato l’arrivo di Marco Calderone. Il portacolori dell’Antoniana Runners ha fermato il cronometro sui 30’22’. Peccato per l’assenza di El Mouhaddine Abdelhouab. Peccato perché il Marocchino della Marathon Club Striano ha potuto assistere solo alle premiazioni, in quanto è arrivato in ritardo alla partenza. Bella la prova di Marco Russo (Antoniana Runners) capace di un risultato di rispetto: 31’43’. Ottimo 5° Diego Romagnoli. Cosa che conferma il valore dell’atleta con tessera ErcoSport.


La gara donne proponeva un altro scontro tra protagoniste di sempre: Annamaria Vanacore (già reduce da due vittorie nelle prime due edizioni del memorial) e Khadija Laaroussi, segnalatasi in ottima forma nelle gare delle precedenti settimane.


Alla fine la spunta proprio la Marocchina (team Arca Atletica Aversa) capace di un 3’45’ a km che lascia poco spazio alla fantasia e conferma che la 25enne Nord Africana sarà tosta da battere anche nel futuro. Brava comunque Annamaria Vanacore, giunta a soli 24′ dalla vincitrice.


Brava Filippa Oliva (Napoli Nord Marathon), apparsa più che in ripresa dopo le ultime non convincenti prove. Per lei 37’34’.


Confermano il loro valore Ania Paniak (Anatares Stabia) e Anna Senatore (Podisti Cava Picentini Costa d’Amalfi). 38’39’ e 39’39’ per una bella gara per entrambe.


A Pompei si è corso nel ricordo. A Pompei si è corso per Felice Pellecchia. A Pompei si è corso con Felice Pellecchia.


Una bella edizione del Memorial.


 


Nella foto: Felice Pellecchia

Autore: Marco Cascone

Share

About Author

Peluso

  • Gianluca Piermatteo (asd Bartolo Longo Pompei)

    Sono davvero felice che questa manifestazione stia crescendo,nei giorni precedenti alla gara ho potuto osservare con attenzione l’impegno del presidente Giuseppe Acanfora,di mio fratello Alfredo e dei più stretti collaboratori che hanno dato l’anima x questa manifestazione.L’unico rammarico è che sono mancato proprio io a causa di una brutta influenza..Comunque grazie e ancora tante altre manifestazioni così in memoria del grande Felice e per valorizzare un territorio bello come quello di Pompei.

  • Di Dato Giuseppe (i.s.s. Nola)

    Ottima l’organizzazione e bellissimo il percorso tra gli scavi e la città di Pompei. Complimenti a tutta l’organizzazione. Succulento e abbondante il pasta-party a cui ho partecipato con grande piacere (circa tre piatti). Carboidrati per la gara di oggi a Baiano. Grazie.

  • elio totaro asd erco sport

    passano gli anni ma il ricordo per il grande Felice Pellecchia e’ sempre vivo nei cuori di chi ha avuto la fortuna e la gioia di conoscerlo.Ottima 3^edizione dal punto di vista organizzativo ma sopratutto si respirava una bella e serena atmosfera .complimenti allo staff del Mov.sportivo Bartolo Longo.

  • angelo della rocca

    “Per ricordare Felice”, non c’è altra gara che tenga.
    Scelta della gara dovuta. In più l’atmosfera…, il percorso…, il luogo…, tutto suggestivo.

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>